Passa ai contenuti principali

Nuovo centrodestra e club forza Italia divisi per vincere


E' tramontato il sistema bipolare, ed il Pd con il suo nuovo segretario dovrà fare i conti con questa effettiva situazione. Non rimarranno a guardare le varie componenti del PD, specialmente quelle cattoliche, non mi stupirebbe una spaccatura all'interno di questo partito che si porrebbe in linea con la strategia imposta da Berlusconi.
Il ritorno al proporzionale ed alla frammentazione, più partiti, più liste, più tutto, un tutto che confluirà nel grande pentolone delle coalizioni.
Insomma si ritorna al passato.
Il Nuovo centrodestra ed il club forza Italia sono più uniti che divisi, ma nello stesso tempo sono divisi per vincere.
Un nuovo stratagemma politico che farà scuola.
Sono uniti nel linguaggio, il nuovo centrodestra scriverà “entra anche tu nella squadra”, e mostra una maglietta di calcio.
Forza Italia invece parlerà di un qualcosa più complessivo, di club, e vi sarà il solito ed immancabile scendere in campo.
Il nuovo centrodestra è la squadra che appartiene al club, ovvero società, di Forza Italia? Ad oggi sono fisicamente divisi da circa cinque km fisici di distanza. Il nuovo centrodestra avrà la sua sede Roma (RM), Via Marcello Malpighi n. 9/A, quella operativa di Forza Italia in piazza San Lorenzo in Lucina 4.
Ma con questa operazione Berlusconi è riuscito a cogliere diversi obiettivi.
Andare all'opposizione, preparando la campagna elettorale, ma rimanere in un certo senso anche nella maggioranza, attraverso il nuovo centrodestra che svolgerà attività di vigilanza e farà pressione con il ricatto, non poi tanto sottile di andare al voto, perché si possano approvare in un certo modo quelle norme che interessano al Presidente della società, Mister B.
D'altronde nulla osta che il nuovo centrodestra possa, al momento opportuno, unirsi al nuovo club Forza Italia. Lo prevede lo stesso statuto quando si scrive che “Coloro che aderiscono al Movimento Politico Forza Italia pur non appartenendo ad alcun Club affiliato (o altra associazione affiliata) sono tenuti, nel termine stabilito dal Comitato di Presidenza, ad associarsi ad un Club Forza Italia per poter svolgere attività politica locale”. Ma nello stesso tempo si porrà in difficoltà il PD. Il quale certamente, al proprio interno, vivrà pressioni affinché possano nascere nuove soggettività politiche in linea con il rinascente sistema proporzionale e frammentazione della vita politica. Vi sarà un mero effetto domino che riguarderà tutti i partiti politici ed anche i movimenti nuovi, come il M5S. Un tempo si diceva dividere per vincere, la scopo era dividere l'avversario il nemico, ora invece si dirà divisi per vincere e chissà, magari avendo poi favorito la divisione all'interno del PD, le due pseudo nuove realtà politiche di centrodestra italiane si potranno sempre unire, così come lo sono ora negli intenti globali e nello spirito e nel linguaggio calcistico.

MarcoBarone

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto