Passa ai contenuti principali

Trieste scatta la zona rossa



Sorseggi l'ultimo caffè in uno dei bar del centro e ti conservi lo scontrino come ricordo.
Come dimenticare questo evento nefasto?
Fumerai una sigaretta ai piedi della fontana dei Quattro continenti ma non saprai dove gettarla, visto che tutti i contenitori dei rifiuti sono stati spostati.
Tombini sigillati.
Cassette postali sigillate ma con una striscia di ribellione con scritto “Putin Criminale Ambientale”.

Un via vai senza sosta di uomini e donne delle forze dell'ordine e dei servizi di sicurezza.
Mezzi della polizia, dei carabinieri , vigili del fuoco, dei vigili urbani,  girare senza sosta per le vie del centro.

Soffia una leggera bora mentre i bar iniziano a chiudere la loro attività perché cosi ha deciso la burocrazia nel nome della sicurezza. 

Intanto i vigili entreranno in tutti i locali del centro, forse per ricordar loro che il momento x si avvicina.
Tra chi corre, in fretta e furia in Piazza dell'Unità e chi prende per mano il proprio bambino che guarderà con stupore le Alpi  innevate e la nave pronta a salpare per chissà quale destinazione



 la torre del municipio di Trieste inizia a battere l'ora. L'ora della zona rossa.

Molti si chiederanno ed ora cosa accadrà?
Ci butteranno fuori dalla Piazza?
Quelle transenne che circondano il centro città sono lì pronte per essere utilizzate.
Sono pronte per transennare ogni buon senso di ragione.
Molte giungono anche dal Comune di Monfalcone, quelle della sola Trieste non erano sufficienti per assediare il centro città.

Solidarietà comunale nel nome della sicurezza e dei tanti benefici.
Ma quali?
Non è dato sapere.
Invece sono noti i sacrifici che i cittadini dovranno affrontare.
La città vivrà un caos, il traffico andrà in tilt, mentre dall'altro lato vi sarà l'ordine imposto assoluto, la tensione sarà alle stelle, mentre loro, i governanti, nel bel mezzo del salotto vuoto di Trieste, andranno alla ricerca del dialogo.
Il Foro del dialogo, questo è lo striscione che dominerà sulla facciata del Teatro Verdi.

Il Foro del dialogo ma con la democrazia sospesa.
Bella contraddizione, forse.
E gradualmente scatterà la zona rossa.
Quel rumore fastidioso delle transenne trascinate sul ruvido asfalto, in tal momento, recherà ancora più fastidio.
E poi, accade anche l'inverosimile, anche se di inverosimile in tal momento vi è veramente tanto.
Incontrerai un tuo conoscente in Piazza dell'Unità ed ovviamente si parlerà di Putin, della Putincrazia, della zona rossa, perché a Trieste i cittadini è di questo che parlano mica dei meravigliosi benefici che arriveranno. Ed un motivo vi sarà.
All'improvviso apparirà una persona, che si fermerà lì ad ascoltare il nostro discorso non appena verrà pronunciata la parola Putin.
Ci volteremo a guardarla, ma lui impassibile rimarrà lì, fermo, immobile.
Non voleva proprio spostarsi.
Ed allora compresa la situazione non si parlerà più di Putin.
Andrò via, dopo aver salutato il mio conoscente.
Ma quella statua prima immobile ora si muoverà.
Mi seguirà per qualche metro e con accento russo mi dirà Putin? E poi con la mano imiterà il mitra e farà i versi del mitra.
Un folle?
Un provocatore dell'est?
Tutto può essere.
Neanche il nome di Putin si può fare a casa propria, nella propria piazza, nella propria città.
Sembra di essere tornati ai tempi della guerra fredda.
Intanto il freddo incrementa.
E le prime transenne inizieranno a circondare Trieste per lentamente negare nel pieno centro della città semplicemente ogni  libertà.


E prima di voltar le spalle al golfo di Trieste ed a quelle transenne penserai che qualcuno dovrà, e si che le dovrà, delle scuse ai cittadini di Trieste e forse anche dell'altro.




Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…