Passa ai contenuti principali

Trieste scatta la zona rossa



Sorseggi l'ultimo caffè in uno dei bar del centro e ti conservi lo scontrino come ricordo.
Come dimenticare questo evento nefasto?
Fumerai una sigaretta ai piedi della fontana dei Quattro continenti ma non saprai dove gettarla, visto che tutti i contenitori dei rifiuti sono stati spostati.
Tombini sigillati.
Cassette postali sigillate ma con una striscia di ribellione con scritto “Putin Criminale Ambientale”.

Un via vai senza sosta di uomini e donne delle forze dell'ordine e dei servizi di sicurezza.
Mezzi della polizia, dei carabinieri , vigili del fuoco, dei vigili urbani,  girare senza sosta per le vie del centro.

Soffia una leggera bora mentre i bar iniziano a chiudere la loro attività perché cosi ha deciso la burocrazia nel nome della sicurezza. 

Intanto i vigili entreranno in tutti i locali del centro, forse per ricordar loro che il momento x si avvicina.
Tra chi corre, in fretta e furia in Piazza dell'Unità e chi prende per mano il proprio bambino che guarderà con stupore le Alpi  innevate e la nave pronta a salpare per chissà quale destinazione



 la torre del municipio di Trieste inizia a battere l'ora. L'ora della zona rossa.

Molti si chiederanno ed ora cosa accadrà?
Ci butteranno fuori dalla Piazza?
Quelle transenne che circondano il centro città sono lì pronte per essere utilizzate.
Sono pronte per transennare ogni buon senso di ragione.
Molte giungono anche dal Comune di Monfalcone, quelle della sola Trieste non erano sufficienti per assediare il centro città.

Solidarietà comunale nel nome della sicurezza e dei tanti benefici.
Ma quali?
Non è dato sapere.
Invece sono noti i sacrifici che i cittadini dovranno affrontare.
La città vivrà un caos, il traffico andrà in tilt, mentre dall'altro lato vi sarà l'ordine imposto assoluto, la tensione sarà alle stelle, mentre loro, i governanti, nel bel mezzo del salotto vuoto di Trieste, andranno alla ricerca del dialogo.
Il Foro del dialogo, questo è lo striscione che dominerà sulla facciata del Teatro Verdi.

Il Foro del dialogo ma con la democrazia sospesa.
Bella contraddizione, forse.
E gradualmente scatterà la zona rossa.
Quel rumore fastidioso delle transenne trascinate sul ruvido asfalto, in tal momento, recherà ancora più fastidio.
E poi, accade anche l'inverosimile, anche se di inverosimile in tal momento vi è veramente tanto.
Incontrerai un tuo conoscente in Piazza dell'Unità ed ovviamente si parlerà di Putin, della Putincrazia, della zona rossa, perché a Trieste i cittadini è di questo che parlano mica dei meravigliosi benefici che arriveranno. Ed un motivo vi sarà.
All'improvviso apparirà una persona, che si fermerà lì ad ascoltare il nostro discorso non appena verrà pronunciata la parola Putin.
Ci volteremo a guardarla, ma lui impassibile rimarrà lì, fermo, immobile.
Non voleva proprio spostarsi.
Ed allora compresa la situazione non si parlerà più di Putin.
Andrò via, dopo aver salutato il mio conoscente.
Ma quella statua prima immobile ora si muoverà.
Mi seguirà per qualche metro e con accento russo mi dirà Putin? E poi con la mano imiterà il mitra e farà i versi del mitra.
Un folle?
Un provocatore dell'est?
Tutto può essere.
Neanche il nome di Putin si può fare a casa propria, nella propria piazza, nella propria città.
Sembra di essere tornati ai tempi della guerra fredda.
Intanto il freddo incrementa.
E le prime transenne inizieranno a circondare Trieste per lentamente negare nel pieno centro della città semplicemente ogni  libertà.


E prima di voltar le spalle al golfo di Trieste ed a quelle transenne penserai che qualcuno dovrà, e si che le dovrà, delle scuse ai cittadini di Trieste e forse anche dell'altro.




Commenti

Post popolari in questo blog

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…

Il duello Piazza Duomo e Tito a Capodistria tanto tuonò che alla fine...

Forse si è trattato di un caso record. 48 ore, ora più ora in meno, è la vita che ha avuto la targa,  delle stesse dimensioni di quella Titov Trg, Piazza Tito, di Capodistria. Se ne è discusso molto nella cittadina slovena, non è stata digerita la provocazione o non provocazione del giorno, in cui è stata affissa, un giorno caro per la Jugoslavia,  il fatto che probabilmente non era neanche in bilingue, come Piazza Tito, e che è il primo passo, non ammesso e non affermabile, che porterà alla rimozione di Piazza Tito e delle altre intitolazioni politiche che ricordano la vecchia Jugoslavia comunista. Tanto tuonò che è stata rimossa e verrà ricollocata a breve, a quanto pare.  Una tempesta fugace che ha lasciato comunque un segno, quello di quel vuoto sotto Piazza Tito. Come è emerso su Radiocapodistria ,dove si è discusso in modo approfondito di questa vicenda,  nel seguito ed importante programma condotto da Stefano Lusa, alla fine pare che il tutto fosse solo un banale e semplice p…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …