Passa ai contenuti principali

Alcuni numeri sull'alternanza scuola lavoro in FVG ed in Italia



Come è noto il 13 novembre a Genova si è svolta la prima convention nazionale sul tema dell’alternanza scuola lavoro, promossa dal Ministero dell’ Istruzione, dell’ Università e della Ricerca, dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, da Indire e dalla Regione Liguria.
L'Indire, l'Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa, uno dei soggetti essenziali nel nuovo Servizio Nazionale di Valutazione per le scuole, nel mese di ottobre 2013 ha pubblicato una sintesi in merito alla questione alternanza scuola lavoro, riferita all'anno scolastico 2012/13.

Ricordando che l'alternanza scuola lavoro si fonda sull'intreccio tra le scelte educative della scuola, i fabbisogni professionali delle imprese del territorio, le personali esigenze formative degli studenti., come si legge sul sito ministeriale, risulta che nell’a.s. 2012/13, " il 45,6% delle scuole secondarie di secondo grado (3.177 su 6.972) ha utilizzato l’alternanza come metodologia didattica per sviluppare le competenze previste dall’ordinamento degli studi. Dei 3.177 istituti, il 44,4% sono professionali, il 34,2% tecnici, il 20% licei, 1,5% altri istituti. Essi hanno realizzato 11.600 percorsi, di cui 7.783 (67,1%) negli istituti professionali (di cui 6.043 nelle classi IV e V), 2.556 (22%) negli istituti tecnici, 903 (7,8%) nei licei e 86 (lo 0,7%) in altri istituti, per formare 227.886 studenti, pari all’8,7% della popolazione scolastica della scuola secondaria di secondo grado. Anche il mondo del lavoro ha dato un contributo: gli studenti in alternanza sono stati ospitati in 77.991 strutture, di cui il 58,2% (45.365) sono imprese".

Andando alla voce studenti coinvolti, emerge che sono in totale "227.886, l’8,7% del totale degli iscritti. Per quanto riguarda l’alternanza nei diversi ordini di studio, la percentuale degli studenti in alternanza, sul totale degli iscritti, è più alta negli istituti professionali (28,3%), seguono gli istituti tecnici (6,3%) e i licei (2,4%) Gli studenti in alternanza sono 227.886 di cui degli istituti professionali 149.255 (65,5% del totale); degli istituti tecnici 55.335 (24,3%), dei licei 21.554 (9,5%), e degli altri ordini di studio 1.742 (0,8%) La maggior parte degli studenti in alternanza (il 48,2%) si concentra nelle classi IV, seguono le classi V (28,8%), le classi III (17,2%), le classi II (5,5%) e le classi I (0,4%)".


Dunque anche i licei, lentamente, iniziano ad entrare nella logica dell'alternanza scuola lavoro. In FVG, leggendo i dati,che sono ancora oggi provvisori, risulta invece, in relazione all'anno scolastico 2012/13, che sono 39 gli  istituti professionali, 29 gli  istituti tecnici, 9 i licei, una scuola di altro ordine di studio ad essere coinvolti in tale processo.
Risultano 40 convenzioni, 4 protocolli d'intesa, 5 accordi specifici attivati e finanziati per la maggior parte dal MIUR od enti pubblici, dal fondo d'istituto, pochi, ad oggi, i fondi privati.
Le strutture ospitanti sono ben 2682 per un totale di 6154 studenti interessati, la maggior parte nella provincia di Udine con 3410,poi segue Pordenone con 1555, Gorizia con 718 e chiude Trieste con 471 studenti coinvolti. 
Sono  circa 32.152 le ore di didattica dedicate all'alternanza scuola lavoro di cui 23.977 svolte presso le strutture ospitanti gli stage, ben 664 crediti acquisiti, 849 le certificazioni di competenze emesse.
Insomma mentre il dibattito continua, l'alternanza scuola lavoro procede il suo ordinario cammino, anche in Friuli Venezia Giulia.


Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto