Passa ai contenuti principali

Alcuni numeri sull'alternanza scuola lavoro in FVG ed in Italia



Come è noto il 13 novembre a Genova si è svolta la prima convention nazionale sul tema dell’alternanza scuola lavoro, promossa dal Ministero dell’ Istruzione, dell’ Università e della Ricerca, dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, da Indire e dalla Regione Liguria.
L'Indire, l'Istituto Nazionale di Documentazione, Innovazione e Ricerca Educativa, uno dei soggetti essenziali nel nuovo Servizio Nazionale di Valutazione per le scuole, nel mese di ottobre 2013 ha pubblicato una sintesi in merito alla questione alternanza scuola lavoro, riferita all'anno scolastico 2012/13.

Ricordando che l'alternanza scuola lavoro si fonda sull'intreccio tra le scelte educative della scuola, i fabbisogni professionali delle imprese del territorio, le personali esigenze formative degli studenti., come si legge sul sito ministeriale, risulta che nell’a.s. 2012/13, " il 45,6% delle scuole secondarie di secondo grado (3.177 su 6.972) ha utilizzato l’alternanza come metodologia didattica per sviluppare le competenze previste dall’ordinamento degli studi. Dei 3.177 istituti, il 44,4% sono professionali, il 34,2% tecnici, il 20% licei, 1,5% altri istituti. Essi hanno realizzato 11.600 percorsi, di cui 7.783 (67,1%) negli istituti professionali (di cui 6.043 nelle classi IV e V), 2.556 (22%) negli istituti tecnici, 903 (7,8%) nei licei e 86 (lo 0,7%) in altri istituti, per formare 227.886 studenti, pari all’8,7% della popolazione scolastica della scuola secondaria di secondo grado. Anche il mondo del lavoro ha dato un contributo: gli studenti in alternanza sono stati ospitati in 77.991 strutture, di cui il 58,2% (45.365) sono imprese".

Andando alla voce studenti coinvolti, emerge che sono in totale "227.886, l’8,7% del totale degli iscritti. Per quanto riguarda l’alternanza nei diversi ordini di studio, la percentuale degli studenti in alternanza, sul totale degli iscritti, è più alta negli istituti professionali (28,3%), seguono gli istituti tecnici (6,3%) e i licei (2,4%) Gli studenti in alternanza sono 227.886 di cui degli istituti professionali 149.255 (65,5% del totale); degli istituti tecnici 55.335 (24,3%), dei licei 21.554 (9,5%), e degli altri ordini di studio 1.742 (0,8%) La maggior parte degli studenti in alternanza (il 48,2%) si concentra nelle classi IV, seguono le classi V (28,8%), le classi III (17,2%), le classi II (5,5%) e le classi I (0,4%)".


Dunque anche i licei, lentamente, iniziano ad entrare nella logica dell'alternanza scuola lavoro. In FVG, leggendo i dati,che sono ancora oggi provvisori, risulta invece, in relazione all'anno scolastico 2012/13, che sono 39 gli  istituti professionali, 29 gli  istituti tecnici, 9 i licei, una scuola di altro ordine di studio ad essere coinvolti in tale processo.
Risultano 40 convenzioni, 4 protocolli d'intesa, 5 accordi specifici attivati e finanziati per la maggior parte dal MIUR od enti pubblici, dal fondo d'istituto, pochi, ad oggi, i fondi privati.
Le strutture ospitanti sono ben 2682 per un totale di 6154 studenti interessati, la maggior parte nella provincia di Udine con 3410,poi segue Pordenone con 1555, Gorizia con 718 e chiude Trieste con 471 studenti coinvolti. 
Sono  circa 32.152 le ore di didattica dedicate all'alternanza scuola lavoro di cui 23.977 svolte presso le strutture ospitanti gli stage, ben 664 crediti acquisiti, 849 le certificazioni di competenze emesse.
Insomma mentre il dibattito continua, l'alternanza scuola lavoro procede il suo ordinario cammino, anche in Friuli Venezia Giulia.


Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone