Passa ai contenuti principali

Il Papa, la casa di Santa Marta e lo IOR



Come è noto il Monarca Assoluto dello Stato del Vaticano, conosciuto anche come papa, dimora in una stanza della Casa Santa Marta. Ha per ora deciso di continuare a vivere nel residence che ha ospitato i cardinali durante il Conclave invece di trasferirsi negli appartamenti, classici ma anche inquietanti del Palazzo Apostolico visto che hanno conosciuto anche la morte di Papa Luciani, avvenuta dopo appena 33 giorni di pontificato e per cause mai realmente appurate, un papa che aveva deciso di avviare una riforma sostanziale dello Ior. Con Chirografo del 27 giugno 1942 Pio XII erigeva nella Città del Vaticano l'Istituto per le Opere di Religione, con personalità giuridica, assorbendo in esso la preesistente «Amministrazione per le Opere di Religione», il cui Statuto era stato approvato dallo stesso Sommo Pontefice il 17 marzo 1941 e che traeva la sua prima origine dalla «Commissione ad pias causas» costituita dal Sommo Pontefice Leone XIII net 1887. Con successivo Chirografo del 24 gennaio 1944 Pio XII stabilì nuove norme per il regime dell'Istituto stesso, demandando alla Commissione Cardinalizia di Vigilanza dell'Istituto di proporre le modifiche allo Statuto del 17 marzo 1941 che, per l'esecuzione del Chirografo in parola, fossero apparse necessarie. Allo scopo di meglio adeguare le strutture e l'attività dell'Istituto alle esigenze dei tempi facendo, in particolare, ricorso alla collaborazione ed alla responsabilità di laici cattolici competenti, Giovanni Paolo II emanava nel 1990 un nuovo Chirografo, per delineare una nuova configurazione all'Istituto per le Opere di Religione, conservandone il nome e le finalità. La Scopo dell'Istituto è di provvedere alla custodia e all'amministrazione dei beni mobili ed immobili trasferiti o affidati all'Istituto medesimo da persone fisiche o giuridiche e destinati ad opere di religione o di carità, è rilevante notare che non esiste un sito internet vero e proprio dello IOR.
La suite 201 della Casa Santa Marta è quella ove alloggerebbe il papa, che probabilmente offre maggiore sicurezza allo stesso, altro che segno di umiltà, e nella medesima Casa alloggia anche, coincidenza si dirà, Ernst von Freyberg che è stato nominato presidente dello Ior il 15 febbraio scorso dal Consiglio cardinalizio di sorveglianza dell’Istituto. Ernst Von Freyberg è anche tra i principali esponenti del ramo tedesco dei Cavalieri di Malta.
Il nuovo papa più di una volta ha lasciato intendere che lo Ior necessita di una rivisitazione strutturale. “Non ho ricchezze, la mia ricchezza è soltanto il dono che ho ricevuto, Dio. Questa gratuità: questa è la nostra ricchezza! E questa povertà ci salva dal diventare organizzatori, imprenditori… Si devono portare avanti le opere della Chiesa, e alcune sono un po’ complesse; ma con cuore di povertà, non con cuore di investimento o di un imprenditore, no?” Questo quanto anche dichiarato durante la messa celebrata nella Casa di Santa Marta il giorno 11 giugno 2013, principio che si pone in linea con quanto affermato durante la cerimonia di inaugurazione del pontificato “ Alla triplice domanda di Gesù a Pietro sull’amore, segue il triplice invito: pasci i miei agnelli, pasci le mie pecorelle. Non dimentichiamo mai che il vero potere è il servizio e che anche il Papa per esercitare il potere deve entrare sempre più in quel servizio che ha il suo vertice luminoso sulla Croce”. Oppure il 24 aprile in una messa ove erano presenti anche i dipendenti dello Ior ricorderà che “quando l’organizzazione prende il primo posto, l’amore viene giù e la chiesa, poveretta, diventa una ong. E questa non è la strada”.
Insomma mi viene da pensare che l'espediente di alloggiare presso la Casa di Santa Marta, da un lato è una chiara operazione di immagine, in linea con le parabole di questo papa, sintomo di umiltà, gran pescatore di uomini nel suo modo di presentarsi ma dalla dottrina reazionaria e conservatrice; una umiltà che si scontra con la realtà evidente, con la ricchezza ed il business ed il profitto che la chiesa con tutte le sue mille articolazioni coltiva, dall'altro lato in verità penso che si tratta di una questione di protezione sia personale che complessiva. Dopo la vicenda burrascosa che ha portato alle dimissioni storiche del precedente papa, il caso del corvo sacrificale, dopo anche il precedente di papa Luciani, in un contesto storico e di difficoltà epocale per la Chiesa come quello esistente, quale migliore segnale se non alloggiare nella stessa casa ove alloggia il nuovo presidente dello Ior?
Don Jorge Chichizola riportando uno scambio telefonico avuto con il nuovo papa, in merito alla scelta di vivere, in questa fase, nella citata casa, affermerà che il papa "ritiene che sia bello condividere la tavola, le notizie, i commenti, e non rimanere isolato". Custodia e vigilanza e speranza per conseguire quella concordia che bussa con vigore alle porte del potere per il potere. Chissà che questo papa non stia attuando in via generale all'interno della Chiesa quanto scritto in un messaggio (postumo) da papa Luciani (che doveva rivolgere durante l’ udienza ai procuratori della Compagnia di Gesù, il 30 settembre 1978), un discorso forte e particolarmente critico verso i gesuiti, che non è mai stato pronunciato perché morirà il 28 settembre... “Non lasciate cadere queste lodevoli tradizioni; non permettete che tendenze secolarizzatrici abbiano a penetrare e turbare le vostre comunità, a dissipare quell’ ambiente di raccoglimento e di preghiera in cui si ritempra l’ apostolo, ed introducano atteggiamenti e comportamenti secolareschi, che non si addicono a religiosi. Il doveroso contatto apostolico col mondo non significa assimilazione al mondo; anzi, esige quella differenziazione che salvaguarda l’ identità dell’ apostolo, in modo che veramente sia sale della terra e lievito capace di far fermentare la massa”.


Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…