Passa ai contenuti principali

Il 1 luglio la Croazia entra in Europa, ma sarà per tre anni sotto osservazione



pubblicato su bora.la
Il 1 luglio è alle porte e la Croazia sarà, sulla carta, il 28° Paese dell'Unione Europea, ma con alcune limitazioni.
Se una persona si immagina che entrare in Europa vuol significare sin da subito la fine dei confini, la possibilità di circolare liberamente, sbaglia. Lo spazio Schengen rappresenta un territorio dove la libera circolazione delle persone è garantita. Gli Stati firmatari del trattato hanno abolito tutte le frontiere interne sostituendole con un'unica frontiera esterna. Ma la Croazia, almeno fino al 2015, sarà di fatto confine all'interno dell'UE.
Certo Schengen non è la perfezione assoluta, può essere sospeso per ragioni politiche o di presunta sicurezza interna, pensiamo al caso del G8 in Italia, che ha sospeso sia nel 2001 che in quello dell'Aquila l'applicazione di tale Trattato. Il diritto di protestare e manifestare e circolare liberamente è stato sospeso nel nome di una presunta sicurezza interna.
Nel Trattato che prevede l'adesione della Croazia all'UE si rileva che è istituito uno strumento Schengen a carattere temporaneo (in prosieguo: "strumento temporaneo Schengen") allo scopo di aiutare la Croazia a finanziare, fra la data di adesione e la fine del 2014, azioni alle nuove frontiere esterne dell'Unione per l'attuazione dell'acquis di Schengen e il controllo di tali frontiere. Per il periodo dal 1° luglio 2013 al 31 dicembre 2014 sono messi a disposizione della Croazia, sotto forma di pagamenti forfettari in virtu' dello strumento temporaneo Schengen diversi milioni di euro. Qualora la Croazia non adempia gli impegni assunti, si legge sempre all'interno dell'accordo citato, nell'ambito dei negoziati di adesione, compresi gli impegni in una delle politiche settoriali inerenti alle attivita' economiche con effetti transfrontalieri, recando in tal modo un grave pregiudizio al funzionamento del mercato interno o ponendo una minaccia agli interessi finanziari dell'Unione o un rischio imminente di siffatto pregiudizio o minaccia, la Commissione puo' adottare le misure appropriate entro la fine di un periodo massimo di tre anni dall'adesione e su richiesta motivata di uno Stato membro o di propria iniziativa. Tali misure sono proporzionate e la precedenza e' accordata a quelle che turbano il meno possibile il funzionamento del mercato interno e, se del caso, all'applicazione dei meccanismi di salvaguardia settoriali esistenti.

Tradotto in parole semplici, se la Croazia turberà l'equilibrio dell'economia interna, dei mercati interni dell'UE, avrà delle pesanti sanzioni.  La Croazia per almeno tre anni sarà sì all'interno dell'UE, ma a metà e farà di tutto per ottemperare quanto richiesto . Ma nel dubbio Slovenia in testa, probabilmente seguita anche dall'Italia, decidono di autotutelarsi applicando la moratoria. Ciò comporterà che i croati, sebbene cittadini europei, sulla carta, per lavorare regolarmente in quei Paesi della UE che decidono di autoregolarsi, dovranno ottenere un permesso di lavoro identico a quello previsto per i cittadini di Paesi non comunitari.
Solo quando saranno soddisfatte le esigenze del mercato, quando si offriranno segnali positivi in tal senso, liberalizzazioni, privatizzazioni, si potrà poi, in un secondo tempo, pensare all'estensione dei diritti a favore del così detto popolo. La vigilanza dovrà essere massima, per tutelare il territorio, il paesaggio, la storia e l'ambiente dalle speculazioni edilizie, i paradisi ritrovati che caratterizzano la Croazia, rischiano di far gola al capitalismo made Ue o sponsorizzato dalla Ue.
Certamente si velocizzeranno le procedure di controllo al confine, ma rimarranno per un lungo periodo sempre tali, sia via mare che via terra, insomma una Croazia sotto osservazione per tre anni, sino al 2015 certamente non godrà dei diritti di Schengen, dovrà aspettare una decisione del Consiglio Europeo in tal senso dopo le dovute verifiche.
Ma che Europa è quella che teme i propri concittadini? Il proprio popolo? Che pensa solo al mercato interno, all'economia? Che Europa è quella che non si preoccupa delle condizioni dei lavoratori? Andrebbero sanzionate invece tutte quelle aziende che sfruttano manodopera per attingere vantaggi economici , profitti ed utili cogliendo l'attimo offerto dall'opportunità di mercato del lavoro indegno . Appunto, il lavoro non dovrà essere più mercato e l'Europa non dovrà essere più solo ed esclusivamente economia. A questo punto è forse meglio dire che la Croazia sarà realmente uno Stato della UE solo a partire dal 2015, salvo diverse situazioni, ovvero quando si concluderà il periodo di osservazione e quando potrà godere di tutti i diritti in tal senso come deliberati dal Consiglio Europeo





Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

Per essere un Paese migliore si deve chiedere scusa,ed alcune date di Gorizia da non dimenticare

Quanto è difficile chiedere scusa, eppure chiedere scusa è il primo passo necessario non tanto per ricominciare, ma per avviare un percorso diverso, più onesto, più eticamente e moralmente corretto. Il Papa, ad esempio, qualche passo tenue nei confronti degli omosessuali lo sta facendo, Obama si è recato ad Hiroshima, gesto importante, ma non ha osato chiedere scusa per quel crimine immenso compiuto contro inermi civili. Tante barbarie nel corso della storia sono state compiute in nome e per conto dell'Italia. Dalla “piemontesizzazione del Sud”, ai massacri della prima guerra mondiale, al regime fascista, alle violenze e crimini compiuti nelle terre occupate, in Africa, Albania, Grecia, in Jugoslavia. Mai scusa si è chiesto per ciò. Eppure basterebbe poco, chiedere scusa per restituire dignità all'Italia, il cui nome è stato usurpato dalle peggiori nefandezze. Il problema è che quando pretendi ciò ti etichettano spesso come anti-italiano. A parer mio il peggior modo di essere…