Passa ai contenuti principali

Anche a Trieste i manichini viventi


pubblicato su bora.la
Nella giornata della notte bianca di sabato 8 giugno, a Trieste, si è realizzato un qualcosa che ben rappresenta i nostri tempi.
Tempi moderni  senza cuore ma dall'anima diabolica,  ove regna un capitalismo sfrenato.
Ancora tempi che corrono a ritmi frenetici, frenesia nell'informazione che diventa non informazione, frenesia nel lavoro, frenesia nella vita quotidiana, tempi che mutano il diritto al lavoro in un privilegio ed i diritti ivi correlati semplicemente come una questione da superare.
Passeggi nel centro di Trieste, giunto alle spalle della statua di Saba vedrai un negozio e noterai qualcosa di diverso rispetto al solito.
Manichini viventi.
Uomini e donne seduti , fermi,immobili che pubblicizzeranno i vestiari di quell'attività commerciale.
Uomo e donna oggetto.
Peggio dell'uomo sandwich.
Certo, si dirà, ma è la stessa cosa che accade durante le sfilate di moda.
In quel momento l'uomo o la donna non sarà più tale, ma semplicemente un manichino che cammina, magari con quel tocco di classe ben caro alla solita borghesia, flash, luci, musica, e corpi magri all'inverosimile.
Perfezione imposta nell'imperfezione deprecata.
Sì, nella sostanza ed anche dal punto di vista pratico sarebbero la stessa ed identica cosa.
Manichino vivente che cammina sulla passerella, manichino vivente seduto dietro la vetrina trasparente di un negozio, ma con una piccola e sottile differenza, nel caso della sfilata di moda, si è in presenza di una sorta di arte, nel caso dell'esposizione dietro la vetrina si è in presenza esclusivamente nella mutazione dell'individuo in un prodotto pubblicitario, come un classico manichino di plastica.
Libertà di scelta.
Ognuno dispone del proprio corpo e del proprio essere uomo e donna come meglio crede.
Questa è una società che vive non per essere ma per apparire, ingannando le soggettività, perché se dovesse la presente società apparire per quello che è , dunque mostrare senza alcun velo la sua misera e dura essenza, allora sì che forse si assisterebbe a qualche processo rivoluzionario degno di tal nome, occhio non vede cuore non duole, un detto ancora valido, specialmente in tempo di crisi. Però quando l'occhio  alcune volte vede, il  cuore cerca di prevalere sulla ratio, giustificando ogni bestemmia verso la dignità umana, perché l'oltre,il cambiamento, reca timore. 
Ed allora l'occhio vedrà ma senza osservare.
La dignità non ha prezzo?
Dipende cosa si intende per dignità.
Cosa è oggi la dignità?
Si è disposti a svolgere qualsiasi lavoro pur di guadagnare quattro soldi, però quei quattro soldi ti consentono di sopravvivere.
Si è disposti a qualsiasi cosa pur di avere l'ultimo prodotto del capitalismo, mutui, anche a spogliarsi o fare a botte pur di accaparrarsi le offerte esclusive del momento, perchè, con una dose dopo l'altra, mutando il superfluo in necessario, non per essere ma per adattamento, sei semplicemente drogato di consumismo.
Drogati di consumismo. 
L'astinenza condurrà alla depressione.
La depressione è una malattia difficile da curare e non ancora pienamente compresa.
Il consumismo è il cuore vitale del capitalismo, se cade il consumismo il capitalismo vivrà uno stato certamente comatoso.
Quel manichino vivente che ho visto a Trieste, ma già diffuso in altre parti del mondo consumistico occidentale, deve indurre alla riflessione. Libertà di disporre del proprio corpo, libertà d'iniziativa economica che muta l'essere umano da soggetto in oggetto, quale etica e dignità nel capitalismo del XXI secolo?


Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…