Passa ai contenuti principali

L'Inter-Maledizione




Vai al bar, leggi il giornale, sorseggi un caffè, e “sai che ha fatto ieri l'Inter?”, “certo” risponderò,” ha perso, ancora”.
Non si parlerà di politica, di lavoro, di problemi e sventure e disgrazie, di lotte e speranze, ma semplicemente di calcio. Si passerà dal bar politico al bar della qualunque giornata.
E per un momento vuoi pensare che sia tutto nella norma.
Quasi tre mesi dalle elezioni politiche, tra sparatorie, inciuci, complotti, violenze, morti sul lavoro, repressioni, aziende che chiudono, suicidi, divisioni politiche, ritrovi in trattorie od in ex conventi, balene bianche sempre all'agguato, nessun provvedimento legislativo varato, chiacchiere e chiacchiere, dunque sì, oggi mi adeguo alla normalità, alle chiacchiere.
Da quella famigerata partita di novembre 2012, l'Inter che sconfiggeva l'eterna nemica, la Juventus, i primi a battere la Juve allo Juventus Stadium , ebbene vivrà l'inter-maledizione.
Infortuni, errori arbitrali, errori di preparazione atletica della squadra, goal divorati, difesa mutata in groviera, scivoloni sul calcio di rigore, segnano quella maledizione che qualcuno ha lanciato contro l'Inter in modo a dir poco evidente.
Fuori da ogni competizione europea, salvezza raggiunta e guai sempre in agguato.
L'Inter-maledizione, un sorriso ed una incavolatura senza fine. Certo, calcio miliardario, senza etica e morale, ma è sempre lo sport più amato ed odiato, è sempre lo sport più seguito ed inseguito ma è anche lo spot.
Il calcio è lo spot del capitalismo moderno. Competizione individuale, valore economico conferito all'individuo, la vita è prezzata, il calciatore diventa oggetto, d'altronde si parla di calcio mercato, si vende e si compra non solo la prestazione del singolo calciatore ma anche la sua identità per business.
L'Inter- maledizione colpirà anche il capitalismo?
“Ma veramente Alvarez è scivolato mentre batteva il calcio di rigore?” ti sentirai domandare, “sì, è scivolato, e la palla è volata via, sopra la traversa.”

Commenti

Post popolari in questo blog

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…

Realtà virtuale come un giorno viversi il proprio mondo "felicemente" da casa

La realtà virtuale che è cosa diversa dalla realtà aumentata è tra noi. Nessuna tecnologica ufologica, ma in ogni caso impressionante. Osservare dall'esterno l'individuo  catapultato nel giro di un niente in una dimensione spaziale e temporale diversa da quella che vivi quotidianamente è un qualcosa di assurdo, incredibile. Matrix è tra noi.

Vedrai l'uomo o la donna trasformarsi in un qualcosa di indefinito, muoversi lentamente, con i guanti o con la strumentazione che completerà la proiezione ed il trasporto nella nuova dimensione resa possibile da un casco  con la funzione di visore, da cuffie ed un filo. Dipendente da un filo, lo spazio entro il quale puoi muoverti è limitato, quello reale, ma è immenso quello virtuale.

Percepisci i suoni, le vibrazioni, mancano solo gli odori, ma arriveranno presto anche questi.  Il completamento sensoriale è vicino ad essere ultimato. Vedrai esseri umani essere trasformati in oggetti danzanti, improvvisati scalatori verso l'infin…