Passa ai contenuti principali

E' guerra, l'Europa del Sud è sotto attacco



L'Europa del Sud è palesemente sotto attacco.
Spagna, Portogallo, Grecia, Cipro,Italia, e paesi confinanti, come Slovenia, la Croazia, Cipro, sono letteralmente sotto un violento attacco.
Nè bombe, né missili, né rifugi sotterranei ma Borse, numeri e cifre, banche, fallimenti, protesti, debiti e ricatti.
E' una guerra all'interno del capitalismo tramite lo strumento più sconosciuto, fino a qualche anno addietro, ora servito su ogni tavola di ogni cittadino di questa Vecchia Europa, ovvero quello della finanza e dei mercati.
Nessuna crisi del capitalismo, ma solo guerra nel capitalismo con l'inevitabile effetto del massacro sociale che colpisce i popoli, così come accaduto in ogni tradizionale guerra.
Fame e povertà, disperazione e depressioni e vittime.
Ciò per quell'effetto collaterale e prevedibile della disperazione, della depressione, della guerra tra poveri o di condizioni di lavoro sempre più disumane o della perdita di ogni fiducia e speranza.
Speranza fuggita ed in piena latitanza.
Ed ecco nascere nazionalismi, populismi, protezionismi, qualunquismi identitari, razzismi e violenze di Stato.
Si massacrano i diritti dei lavoratori, tutte le conquiste nate dal maggio francese sono state violentate dalle speculazioni finanziarie e supportate dalle azioni del capitalismo di Stato.
In Italia tra gennaio e settembre del 2012 sono uscite dal mercato 55 mila aziende, 45.280 fallimenti registrati fra 2009 e 2012 e nel 2012 si contano 47mila società protestate (+8,8% sul 2011).
Tutti dati che ovviamente sono destinati a peggiorare nel 2013.
Aumenta la delocalizzazione, in Cina, India,in Romania, in Bulgaria, in Polonia, in Canton Ticino (Svizzera), Austria, in Brasile e Panama.
Disoccupazione di cui si conosce l'inizio ma non la fine, precarietà sempre più sottile e precaria, e nello stesso tempo la Germania vede il proprio PIL in crescita, anche se solo dello 0,1% nel primo trimestre 2013.
La Germania dovrebbe chiudere il 2013 in pareggio di bilancio, e con un avanzo pari allo 0,5 per cento del Pil nel 2014 . Secondo la famigerata agenzia Moody’s , che ha confermato la tripla “A” alla Germania, con outlook negativo in tale Stato si registra una vera e propria azione “avanzata, diversificata e altamente competitiva” e le sue politiche macroeconomiche sono “orientate alla stabilità”.
Insomma chi trae beneficio da tutto ciò è la Germania.
Aumentano i fenomeni di emigrazione verso lo Stato tedesco, ed aumenta anche l'instabilità nel resto del Vecchio Continente. La Germania vince questa guerra, è responsabile delle politiche di austerità adottate in Europa, austerità che ha facilitato l'attacco all'economia italiana, che ne uscirà male da questa guerra ed ancora una volta sconfitta, così come ne uscirà male tutta l'Europa del Sud.
Perché non creare un cartello tra i Paesi dell'Europa del Sud contro questo modo di operare dello Stato tedesco che ha in pugno l'intera economia dell'Europa? Non esiste altra via alla solidarietà, si deve edificare una sorta di cartello equo e solidale tra i Paesi che sono sotto attacco, per uscire dall'incubo del nazionalismo, per uscire dall'incubo della recessione, per uscire dall'incubo delle violenze di Stato e di nuovi fascismi.
La Germania se ora aprirà la via alla non austerità, o ad una austerità meno rigida è solo perché vede diminuire il settore delle esportazioni, dunque solo per propri calcolati interessi nazionali.
Hanno massacrato l'economia piccola e grande di intere realtà sociali e statali, Paesi in svendita, persone che soffrono, persone che vivono fobie e depressioni di ogni natura, così avanti non si può mica continuare.
Certamente quello che viviamo tutti noi oggi non è imputabile esclusivamente alle politiche imposte dalla Germania, che si è arricchita sulle sofferenze dell'Europa del Sud, ma è imputabile anche alle responsabilità di politiche fallimentari adottate nel corso del tempo in tutti i Paesi dell'Europa del sud avvolti e travolti da questa nuova guerra. D'altronde il capitalismo è anche ciò. Nessuna distribuzione equa e solidale delle ricchezze ma solo sproporzionata ed unilaterale. Il Capitalismo è ingiustizia e le politiche imposte dalla Germania a discapito dell'Europa del Sud sono, oggi, il simbolo vivente di questa immensa ingiustizia.
Siamo in guerra e non lo abbiamo ancora capito.


Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Ma ha ancora senso la "Venezia Giulia"? O meglio regione di Trieste?

Venezia Giulia. Un nome che ha sicuramente un suo fascino, originale, una forzatura storica pasticciata, proposta ed utilizzata sin dal 1863, come si legge nell'Enciclopedia Treccanti dal linguista goriziano G.I. Ascoli in sostituzione di ‘Litorale’ (Küstenland), usato dagli Austriaci. "Dal 1920 sotto la denominazione di V. furono compresi anche territori appartenenti alla Carniola; i limiti della regione non erano del resto ben definiti: ora comprendeva anche il Friuli ora questo era considerato come appartenente al Veneto, per cui la V. corrispondeva ai territori orientali ceduti dall’Austria all’Italia in seguito alla Prima guerra mondiale, cioè le province di Gorizia, Trieste, Pola e Fiume (superficie 8893 km2 con 955.257 ab. nel 1936), zona caratterizzata dal graduale trapasso del sistema alpino in quello dinarico e dalla compenetrazione di elementi italiani e slavi. Il piccolo lembo della V. rimasto all’Italia dopo la Seconda guerra mondiale è confluito nella regione a …