Passa ai contenuti principali

E' guerra, l'Europa del Sud è sotto attacco



L'Europa del Sud è palesemente sotto attacco.
Spagna, Portogallo, Grecia, Cipro,Italia, e paesi confinanti, come Slovenia, la Croazia, Cipro, sono letteralmente sotto un violento attacco.
Nè bombe, né missili, né rifugi sotterranei ma Borse, numeri e cifre, banche, fallimenti, protesti, debiti e ricatti.
E' una guerra all'interno del capitalismo tramite lo strumento più sconosciuto, fino a qualche anno addietro, ora servito su ogni tavola di ogni cittadino di questa Vecchia Europa, ovvero quello della finanza e dei mercati.
Nessuna crisi del capitalismo, ma solo guerra nel capitalismo con l'inevitabile effetto del massacro sociale che colpisce i popoli, così come accaduto in ogni tradizionale guerra.
Fame e povertà, disperazione e depressioni e vittime.
Ciò per quell'effetto collaterale e prevedibile della disperazione, della depressione, della guerra tra poveri o di condizioni di lavoro sempre più disumane o della perdita di ogni fiducia e speranza.
Speranza fuggita ed in piena latitanza.
Ed ecco nascere nazionalismi, populismi, protezionismi, qualunquismi identitari, razzismi e violenze di Stato.
Si massacrano i diritti dei lavoratori, tutte le conquiste nate dal maggio francese sono state violentate dalle speculazioni finanziarie e supportate dalle azioni del capitalismo di Stato.
In Italia tra gennaio e settembre del 2012 sono uscite dal mercato 55 mila aziende, 45.280 fallimenti registrati fra 2009 e 2012 e nel 2012 si contano 47mila società protestate (+8,8% sul 2011).
Tutti dati che ovviamente sono destinati a peggiorare nel 2013.
Aumenta la delocalizzazione, in Cina, India,in Romania, in Bulgaria, in Polonia, in Canton Ticino (Svizzera), Austria, in Brasile e Panama.
Disoccupazione di cui si conosce l'inizio ma non la fine, precarietà sempre più sottile e precaria, e nello stesso tempo la Germania vede il proprio PIL in crescita, anche se solo dello 0,1% nel primo trimestre 2013.
La Germania dovrebbe chiudere il 2013 in pareggio di bilancio, e con un avanzo pari allo 0,5 per cento del Pil nel 2014 . Secondo la famigerata agenzia Moody’s , che ha confermato la tripla “A” alla Germania, con outlook negativo in tale Stato si registra una vera e propria azione “avanzata, diversificata e altamente competitiva” e le sue politiche macroeconomiche sono “orientate alla stabilità”.
Insomma chi trae beneficio da tutto ciò è la Germania.
Aumentano i fenomeni di emigrazione verso lo Stato tedesco, ed aumenta anche l'instabilità nel resto del Vecchio Continente. La Germania vince questa guerra, è responsabile delle politiche di austerità adottate in Europa, austerità che ha facilitato l'attacco all'economia italiana, che ne uscirà male da questa guerra ed ancora una volta sconfitta, così come ne uscirà male tutta l'Europa del Sud.
Perché non creare un cartello tra i Paesi dell'Europa del Sud contro questo modo di operare dello Stato tedesco che ha in pugno l'intera economia dell'Europa? Non esiste altra via alla solidarietà, si deve edificare una sorta di cartello equo e solidale tra i Paesi che sono sotto attacco, per uscire dall'incubo del nazionalismo, per uscire dall'incubo della recessione, per uscire dall'incubo delle violenze di Stato e di nuovi fascismi.
La Germania se ora aprirà la via alla non austerità, o ad una austerità meno rigida è solo perché vede diminuire il settore delle esportazioni, dunque solo per propri calcolati interessi nazionali.
Hanno massacrato l'economia piccola e grande di intere realtà sociali e statali, Paesi in svendita, persone che soffrono, persone che vivono fobie e depressioni di ogni natura, così avanti non si può mica continuare.
Certamente quello che viviamo tutti noi oggi non è imputabile esclusivamente alle politiche imposte dalla Germania, che si è arricchita sulle sofferenze dell'Europa del Sud, ma è imputabile anche alle responsabilità di politiche fallimentari adottate nel corso del tempo in tutti i Paesi dell'Europa del sud avvolti e travolti da questa nuova guerra. D'altronde il capitalismo è anche ciò. Nessuna distribuzione equa e solidale delle ricchezze ma solo sproporzionata ed unilaterale. Il Capitalismo è ingiustizia e le politiche imposte dalla Germania a discapito dell'Europa del Sud sono, oggi, il simbolo vivente di questa immensa ingiustizia.
Siamo in guerra e non lo abbiamo ancora capito.


Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto