Passa ai contenuti principali

Crocetta si deve dimettere



Le recenti elezioni del parlamento siciliano hanno fatto discutere.
I dibattiti che ne sono conseguiti rilevano il presunto boom del movimento a 5 stelle, il disastro del PDL, il timido ma innovativo successo del PD, e qualche osservazione è emersa sul vero dato di queste elezioni che è l'astensionismo.
Rosario Crocetta a scrutinio concluso in 5038 sezioni su 5308 in Sicilia, candidato di Pd e Udc, è stato eletto Presidente della Regione Sicilia con il 30,55% pari a 617.073 preferenze accordate dagli elettori,con un dato di affluenza fermo al 47,42%.
Oltre la metà degli elettori siciliani non si è recato al voto.
Dunque l'elezione di Crocetta sarà anche legale, forse legittima nel loro modo di intendere la politica, ma certamente non legittima per uno dei principi fondanti la democrazia, la sovranità popolare.
Come può governare un candidato che è stato eletto con quei dati ?
Come può assumere, specialmente in Sicilia terra difficile e complessa ancor di più in temo di speculazioni finanziarie, la responsabilità di adottare atti di qualsiasi natura sociale e politica?
Non può.
Non è legittimato.
Chi ha vinto le elezioni è stato il partito dell'astensione.
Un partito che con una violenza silenziosa ha fatto sentir pienamente la sua voce.
Una voce che oltre ad essere sentita deve essere ascoltata.
Una voce che rischia di mutare in azione concreta e violenta.
Quello che è accaduto in Sicilia probabilmente accadrà nelle altre regioni chiamate al voto nonché alle politiche nazionali.
Rosario Crocetta non può che dimettersi. Questo deve essere il suo primo atto ufficiale da Presidente della regione Sicilia, conferendo il giusto riconoscimento a chi ha vinto le elezioni, al partito del non voto, l'unico legittimato a decidere del futuro della Sicilia.
La Sicilia andrà commissariata per i prossimi anni, fino a quando non sarà lo stesso popolo ad invocare nuove elezioni.
Sorge spontanea la provocazione.
Perché non prevedere per le elezioni un quorum di validità? Se non si reca al voto la maggioranza più uno degli aventi diritto al voto, le elezioni andranno annullate d'ufficio e la Regione, il Comune,o lo stesso Stato andrà commissariato.
Ciò sarà utile per far maturare la giusta consapevolezza dello stato delle cose alla gente comune, che quotidianamente deve capire come fare per sopravvivere, ciò sarà utile per la democrazia vera reale e partecipata.
Nessuna demagogia, nessuna colpa al popolo che non vota, ma che deve vedere ed avere riconosciuto il proprio diritto del non voto, la legittimazione politica e sociale a governare tramite questa innovativa voce di protesta.
Se non si comprenderà ciò sarà inevitabile un processo rivoluzionario anche di natura violenta che non è detto che intraprenda la strada della sospirata ed attesa giustizia sociale, equità sociale, ma rischia di incanalarsi nella via di un nuovo fascismo , di un nuovo estremismo di destra non estraneo in questa fase neanche alle logiche opportunistiche della mafia.
Dalla rete chiedo le dimissione di Rosario Crocetta perché non è legittimato a governare la Sicilia.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…