Passa ai contenuti principali

Crocetta si deve dimettere



Le recenti elezioni del parlamento siciliano hanno fatto discutere.
I dibattiti che ne sono conseguiti rilevano il presunto boom del movimento a 5 stelle, il disastro del PDL, il timido ma innovativo successo del PD, e qualche osservazione è emersa sul vero dato di queste elezioni che è l'astensionismo.
Rosario Crocetta a scrutinio concluso in 5038 sezioni su 5308 in Sicilia, candidato di Pd e Udc, è stato eletto Presidente della Regione Sicilia con il 30,55% pari a 617.073 preferenze accordate dagli elettori,con un dato di affluenza fermo al 47,42%.
Oltre la metà degli elettori siciliani non si è recato al voto.
Dunque l'elezione di Crocetta sarà anche legale, forse legittima nel loro modo di intendere la politica, ma certamente non legittima per uno dei principi fondanti la democrazia, la sovranità popolare.
Come può governare un candidato che è stato eletto con quei dati ?
Come può assumere, specialmente in Sicilia terra difficile e complessa ancor di più in temo di speculazioni finanziarie, la responsabilità di adottare atti di qualsiasi natura sociale e politica?
Non può.
Non è legittimato.
Chi ha vinto le elezioni è stato il partito dell'astensione.
Un partito che con una violenza silenziosa ha fatto sentir pienamente la sua voce.
Una voce che oltre ad essere sentita deve essere ascoltata.
Una voce che rischia di mutare in azione concreta e violenta.
Quello che è accaduto in Sicilia probabilmente accadrà nelle altre regioni chiamate al voto nonché alle politiche nazionali.
Rosario Crocetta non può che dimettersi. Questo deve essere il suo primo atto ufficiale da Presidente della regione Sicilia, conferendo il giusto riconoscimento a chi ha vinto le elezioni, al partito del non voto, l'unico legittimato a decidere del futuro della Sicilia.
La Sicilia andrà commissariata per i prossimi anni, fino a quando non sarà lo stesso popolo ad invocare nuove elezioni.
Sorge spontanea la provocazione.
Perché non prevedere per le elezioni un quorum di validità? Se non si reca al voto la maggioranza più uno degli aventi diritto al voto, le elezioni andranno annullate d'ufficio e la Regione, il Comune,o lo stesso Stato andrà commissariato.
Ciò sarà utile per far maturare la giusta consapevolezza dello stato delle cose alla gente comune, che quotidianamente deve capire come fare per sopravvivere, ciò sarà utile per la democrazia vera reale e partecipata.
Nessuna demagogia, nessuna colpa al popolo che non vota, ma che deve vedere ed avere riconosciuto il proprio diritto del non voto, la legittimazione politica e sociale a governare tramite questa innovativa voce di protesta.
Se non si comprenderà ciò sarà inevitabile un processo rivoluzionario anche di natura violenta che non è detto che intraprenda la strada della sospirata ed attesa giustizia sociale, equità sociale, ma rischia di incanalarsi nella via di un nuovo fascismo , di un nuovo estremismo di destra non estraneo in questa fase neanche alle logiche opportunistiche della mafia.
Dalla rete chiedo le dimissione di Rosario Crocetta perché non è legittimato a governare la Sicilia.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto