Passa ai contenuti principali

Spending review quando il pubblico agisce per il profitto privato, il caso geomatica



Quello che ora evidenzierò non è nulla di stravolgente e di sorprendente, è una semplice norma, proposta al Senato dal gruppo PD ed approvata in via definitiva nel testo della nota spending review.
Una norma che riguarda un settore in espansione, ove ruotano interessi economici rilevanti che riguardano alcuni importanti gruppi aziendali anche italiani che, in alcuni casi, hanno avuto commissionati progetti e lavori da importanti organismi internazionali.
Di cosa parlo?

L'articolo 23 comma 12quaterdecies della spending review afferma testualmente, quanto ora segue: Per sostenere lo sviluppo delle applicazioni e dei servizi basati su dati geospaziali e per sviluppare le tecnologie dell'osservazione della terra anche a fini di tutela ambientale, di mitigazione dei rischi e per attività di ricerca scientifica, tutti i dati e le informazioni, acquisiti dal suolo, da aerei e da piattaforme satellitari nell'ambito di attività finanziate con risorse pubbliche, sono resi disponibili per tutti i potenziali utilizzatori nazionali, anche privati, nei limiti imposti da ragioni di tutela della sicurezza nazionale. A tale fine, la catalogazione e la raccolta dei dati geografici, territoriali ed ambientali generati da tutte le attività sostenute da risorse pubbliche è curata da ISPRA, che vi provvede con le risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente.

Insomma la scusante formale che ha sostenuto la necessità di proporre questo emendamento,come poi approvato, è stata la necessità di tutelare l'ambiente ed il territorio, quella sostanziale di sostenere il business di alcune aziende.
Se lo scopo nobile era quello di tutelare l'ambiente ed il territorio si doveva in via esclusiva limitare l'utilizzo dei dati geospaziali, acquisiti con fondi pubblici,unicamente allo sviluppo di tecnologie per fini di tutela ambientale e non anche ai fini di tutela ambientale.
In secondo luogo viene coinvolto l'ISPRA che dovrà per forza di cose ricorrere ad un sistema GIS specifico, di cui ora non è dotato, per visualizzare i dati spaziali considerati e per effettuare quella elaborazione dati che poi verrà messa a disposizione del capitale privato.
Chi realizzerà il sistema GIS?
Quali saranno le aziende che utilizzeranno i dati e le informazioni, acquisiti dal suolo, da aerei e da piattaforme satellitari nell'ambito di attività finanziate con risorse pubbliche, per fini di mercato?
Certo quando dicevo che non è nulla di sconvolgente è la verità.
Basta pensare alla FIAT che per anni è stata in sostanza finanziata dallo Stato italiano, dai cittadini, per favorire l'arricchimento di pochi soggetti.
Ma quando un capitale è privato, quando l'azienda si assume il rischio d'impresa, per quale motivo lo Stato, il pubblico, ciò che è finanziato dai cittadini con le tasse, deve essere utilizzato per fini di profitto elitario mascherato dalla menzogna dell'utilità sociale?
Ed infine quale collegamento emerge tra l'ISPRA, le aziende che operano nel campo dei dati geospaziali e produzione di GIS ed il governo italiano? Vi sarà qualche ennesimo caso di conflitto d'interessi?
Internet a tal proposito può essere una gran risorsa di ricerca...
Un piccolo comma, difficile da individuare, perché collocato nella parte finale del corposo testo di legge considerato, un piccolo comma proposto e voluto dal PD espressione di una politica sinistrata e non certamente ed eticamente di sinistra.



Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …