Passa ai contenuti principali

L'Ursus da monumento nazionale a pubblicità commerciale





Il gigante del mare di Trieste continua a far discutere, sognare e polemizzare.
L'Ursus una gru immensa, enorme, realizzata nella versione attuale presso il Cantiere San Marco di Trieste tra il 1930 ed il 1931 che nel 1900 ha aiutato la città a crescere a svilupparsi, dove operai con il loro sudore manovrando quel gigante hanno contribuito alla ricchezza di materiale, economica e storica di Trieste, ora si trova in uno strano limbo.
Attualmente è ormeggiato nei pressi del Molo IV, nel 2011 in città dilagava come un fiume in piena la bella notizia che sarebbe divenuto monumento nazionale, uno dei 60.000 monumenti italiani, protetti e tutelati dal competente ministero e finanziato anche dallo Stato per divenire il simbolo di un secolo, di una Città che ha visto crescere la propria attività portuale e non solo proprio grazie al gigante del mare.
Un gigante che ha sfidato il silenzio e l'indifferenza rompendo gli ormeggi e navigando in solitudine nelle acque del golfo triestino.
Ognuno di noi ha una prospettiva di vita, una propria prospettiva della società, una propria idea del progresso e della tutela dei beni.
Alcuni ritengono l'Ursus come un semplice ammasso ferroso inutile, altri come il simbolo della Trieste portuale, del 1900, un simbolo che deve ritornar in vita.
Tra dibattiti e silenzi accade che in questi giorni una macchina pende dall'Ursus.
Già, è stato organizzato una sorta di evento con tanto di sfida ma con uno scopo chiaramente commerciale ovvero pubblicizzare l'apertura di una nuova concessionaria di vendita di auto a Trieste, auto tedesche per la precisione.

Decido di recarmi ai piedi dell'Ursus e vedere quell'auto penzolare dall'alto della gru, che un tempo trasportava materiali destinati alla città, mi ha dato da riflettere.
E' questo il destino dell'Ursus?
E' come se dalla Torre di Pisa penzolasse una macchina per pubblicizzare una concessionaria.
Non credo che i pisani sarebbero contenti di ciò, ma neanche le persone dotate di un minimo di buon senso e sensibilità.
Certo questa non è la società del sentimentalismo, è la società del lucro.
Ma se l'Ursus è destinato a diventare un simbolo, un monumento nazionale, perché consentire queste iniziative di natura meramente commerciale?
Si potrebbe fare altro per l'Ursus, trasformarlo in un museo itinerante, collocare delle targhe illustrative, spiegare alle nuove generazioni cosa è stato l'Ursus per Trieste, insomma riportarlo in vita attraverso la memoria e non offendere la storia con iniziative a dir poco opinabili e di carattere esclusivamente commerciale.
E per questo motivo dico no alla commercializzazione dell'Ursus, ma nello stesso tempo cogliamo l'attimo per conferire al gigante del mare il giusto ruolo che deve rivestire in una società senza più valori e memoria storica.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto