Passa ai contenuti principali

L'Ursus da monumento nazionale a pubblicità commerciale





Il gigante del mare di Trieste continua a far discutere, sognare e polemizzare.
L'Ursus una gru immensa, enorme, realizzata nella versione attuale presso il Cantiere San Marco di Trieste tra il 1930 ed il 1931 che nel 1900 ha aiutato la città a crescere a svilupparsi, dove operai con il loro sudore manovrando quel gigante hanno contribuito alla ricchezza di materiale, economica e storica di Trieste, ora si trova in uno strano limbo.
Attualmente è ormeggiato nei pressi del Molo IV, nel 2011 in città dilagava come un fiume in piena la bella notizia che sarebbe divenuto monumento nazionale, uno dei 60.000 monumenti italiani, protetti e tutelati dal competente ministero e finanziato anche dallo Stato per divenire il simbolo di un secolo, di una Città che ha visto crescere la propria attività portuale e non solo proprio grazie al gigante del mare.
Un gigante che ha sfidato il silenzio e l'indifferenza rompendo gli ormeggi e navigando in solitudine nelle acque del golfo triestino.
Ognuno di noi ha una prospettiva di vita, una propria prospettiva della società, una propria idea del progresso e della tutela dei beni.
Alcuni ritengono l'Ursus come un semplice ammasso ferroso inutile, altri come il simbolo della Trieste portuale, del 1900, un simbolo che deve ritornar in vita.
Tra dibattiti e silenzi accade che in questi giorni una macchina pende dall'Ursus.
Già, è stato organizzato una sorta di evento con tanto di sfida ma con uno scopo chiaramente commerciale ovvero pubblicizzare l'apertura di una nuova concessionaria di vendita di auto a Trieste, auto tedesche per la precisione.

Decido di recarmi ai piedi dell'Ursus e vedere quell'auto penzolare dall'alto della gru, che un tempo trasportava materiali destinati alla città, mi ha dato da riflettere.
E' questo il destino dell'Ursus?
E' come se dalla Torre di Pisa penzolasse una macchina per pubblicizzare una concessionaria.
Non credo che i pisani sarebbero contenti di ciò, ma neanche le persone dotate di un minimo di buon senso e sensibilità.
Certo questa non è la società del sentimentalismo, è la società del lucro.
Ma se l'Ursus è destinato a diventare un simbolo, un monumento nazionale, perché consentire queste iniziative di natura meramente commerciale?
Si potrebbe fare altro per l'Ursus, trasformarlo in un museo itinerante, collocare delle targhe illustrative, spiegare alle nuove generazioni cosa è stato l'Ursus per Trieste, insomma riportarlo in vita attraverso la memoria e non offendere la storia con iniziative a dir poco opinabili e di carattere esclusivamente commerciale.
E per questo motivo dico no alla commercializzazione dell'Ursus, ma nello stesso tempo cogliamo l'attimo per conferire al gigante del mare il giusto ruolo che deve rivestire in una società senza più valori e memoria storica.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…