Passa ai contenuti principali

Furie per le strade bolognesi


Vedrai volantini ed annunci essere schiaffeggiati da un vento,che bacia Bologna, fuggire da quella rete in una via diventata la via Zamboni calda e desolata nel sole di una estate attesa e pretesa, vedrai biciclette abbandonate, uomini e donne dal volto dipinto di bianco, chi in giacca, chi senza maglia e la vita cerca di farsi spazio nel muro del silenzio.

Vedrai scritte inseguire la rabbia sulle pareti della Città, vedrai libri e vestiti catturare l'attenzione dei passanti che renderanno con il loro passo frenetico il presente un passato non vissuto bensì cucito su quel vestito che mai indosseranno, e se ne andranno, lontano, forse a bagnare le labbra assetate di alcol con una birra fresca acquistata in quella catena di supermarket considerata di serie Zero, ed ora piena più che mai di uomini e donne a comprar cibo, perché in qualche modo si deve pur sopravvivere.
Eh, già, se ne andranno via con i loro passi, in un passato mai presente, eppure vivo, eppure perennemente assente.
Corri, spingi, prendi questo prendi quello, guarda e fuggi.
Uno sguardo.
Un sorriso.
Un vaffanculo libero ed immediato.
Hai rischiato di essere investito sul passaggio pedonale.
Hai rischiato di inciampar su qualche gradino di una città senza più colori.
Hai rischiato, hai in una frazione di nano secondo ringraziato il culo od il tuo santo o dio, sei vivo, non ti sei fatto un cavolo amaro, ma proprio amaro, ed allora vai, vai.
E dove vai?
Chi al lavoro, chi a ricaricare il telefono, chi a far la spesa, chi a guardar le vetrine, chi a prendere l'autobus, chi semplicemente non va.
Corsa frenetica.
Addirittura al semaforo che regola il traffico sotto la pendente torre simbolo di Bologna, ora, è stato collocato un timer.
Cinque, quattro, tre, due, uno e zero.
Corri, altrimenti verrai travolto dal traffico metropolitano.
Zero.
Ritorna sempre.
Lui, figo, se la tira anche, ti cerca e ti attira e poi quando ti ha in pugno, ti lascia annegare nell'ipocrisia di quella furia chiamata frenesia.
E la gente cammina, e la vita continua, nonostante tutto.
Furie, furie dantesche, Bologna è divenuta Dite, e le furie ti seguono, e le furie ti condannano e le furie ti uccideranno.
Perché tu, in quella frenesia, espressione senza alcuna emozione, di ogni folle follia, perderai ogni ragione, perderai ogni senso,perderai quel fottuto grado sopra o sotto lo zero, che ti ha reso essere ed umano.

E poi ecco la vetrina della satira.
Cercasi cliente.
E ti ricordi che sei in crisi.
No, no, non io, ma insomma, questo è il tempo della crisi, è il tempo zero.
Crisi, ovvero scelta.
Io ho scelto.
Tu, io, siamo noi e  la frenetica lentezza.


Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto