Passa ai contenuti principali

Regione FVG un possibile caso di etica mancata



L’assessore con le deleghe alla Funzione pubblica, Autonomie locali e Coordinamento delle riforme , che dall’estate del 2009 faceva parte della giunta regionale del Presidente Tondo, si è dimesso per rivestire un ruolo nel Cda di Insiel.

Cosa è l’Insiel?

Nel  MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 come pubblicato nel sito dell’Insiel si legge testualmente che l’ Insiel (Informatica per il Sistema degli Enti Locali), società costituita nel 1974 sotto il gruppo Finsiel (Telecom Italia), in partnership con la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, è nata con l’obiettivo di realizzare il sistema informativo regionale. Nel tempo si è evoluta fino a diventare una tra le maggiori società italiane di consulenza e soluzioni IT per la Pubblica Amministrazione Locale e la Sanità. Nel 2005 un passaggio azionario da Telecom alla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia delle quote di partecipazione in Insiel ha portato la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia a detenere il 100% del pacchetto azionario di Insiel, dopo aver acquisito anche il 1,47% in una prima fase detenuto dall'Azienda per i Servizi Sanitari n. 4 "Medio Friuli". Per ottemperare alle prescrizioni del Decreto , la Regione Friuli Venezia Giulia ha quindi stabilito l’avvio di un’operazione di scorporo delle c.d. “attività non consentite” svolte da Insiel S.p.a

Insiel opera sul territorio regionale progettando soluzioni IT di avanguardia per le pubbliche amministrazioni locali e la sanità facilitando il loro rapporto con i cittadini e le imprese: l’azienda segue oggi circa 300 enti del Friuli Venezia Giulia oltre all’ente Regione. Insiel inoltre coordina gli interventi, progetta e gestisce direttamente l’infrastruttura di dorsale regionale a larga banda unitamente alla Rete Unificata per le Amministrazioni Regionali (RUPAR). Con circa 700 dipendenti e numerose partnership caratterizzate da un profondo radicamento sul territorio e un forte know-how tecnologico, l’azienda punta ad offrire servizi e soluzioni di altissima qualità nel settore dell’Information Communication Tecnology (ICT).

Questa società  ha un capitale sociale pari ad euro  17.766.250, diviso in n. 17.766.250 azioni da nominali euro 1,00 cad.,  interamente detenuto dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.
La regione Friuli Venezia Giulia tende a considerare l’Insiel come ente strumentale. Le delibere che si sono susseguite in particolar modo dalla fine del 2008 ad oggi hanno rafforzato il campo di operatività di questa società.  Per esempio nel  2011 emerge una delibera regionale che autorizza ai sensi dell’art 51 , comma 4 , della lr 14/2002 , l’affidamento in delegazione amministrativa intersoggettiva alla società insiel s.p.a. la progettazione definitiva ed esecutiva e della realizzazione degli interventi di cablatura in fibra ottica delle aree industriali facenti capo a consorzi e distretti industriali del Friuli Venezia Giulia.

Oppure emerge successivamente il conferimento ad insiel spa della delega per la gestione dei rapporti con gli operatori delle telecomunicazioni che intendono avvalersi della rete pubblica regionale per il superamento del divario digitale presente sul territorio del FVG.

Oppure l’Autorizzazione a concedere gratuitamente ad insiel spa, considerata come ente strumentale, ai sensi dell’ art 9 bis, comma 3, della lr 57/1971, l’immobile regionale ubicato in via san Francesco, 43 a Trieste, compresi gli impianti tecnologici funzionali all’operatività dell’edificio e le strutture logistiche di pertinenza dell’edificio sulla base dello schema di concessione.

Perfezionato il quadro di operatività di questa società, considerata come ente strumentale e quindi legittimata ad utilizzare gratuitamente l’immobile regionale di via San Francesco compresi gli impianti tecnologici connessi,  accade che uno dei principali esponenti della Giunta regionale del FVG viene nominato nel CDA di questa società.

L’attenzione si è concentrata sulla problematica vitalizio e possibile riscatto da parte dell’Assessore dimissionario, polemiche che lui ha già sedato con la dichiarazione di rinuncia. A parer mio il vero elemento su cui focalizzare l’attenzione deve essere e non può che essere , visto quanto brevemente illustrato in precedenza, il seguente punto: quanto è tollerabile, eticamente, che un politico che ha fatto parte di una giunta che ha deliberato e rafforzato la struttura della società considerata, alla fine prossima del mandato politico della giunta in carica, venga nominato nel CDA della società considerata?
Il codice etico dell’Insiel esplica che  non eroga contributi, vantaggi o altre utilità ai partiti politici e alle organizzazioni sindacali dei lavoratori, né a loro rappresentanti o candidati, fermo il rispetto della normativa applicabile.  La nomina di Garlatti sarà anche legittima, legale, ma eticamente a parer mio non lo è. Ed è su questo punto che si dovrebbe riflettere.
Perché si corre il rischio che le Regioni possano realizzare, edificare, nel corso del tempo enti strumentali ad hoc per poi accomodare la solita politica. Io non voglio trarre conclusioni, riporto solo dei fatti, ognuno è libero di dedurre le libere interpretazioni, ma a parer mio, sarebbe un bel gesto etico e sociale che l’assessore dimissionario della giunta Tondo, si dimettesse anche dalla neo carica di componente di CDA dell’Insiel.
Nessun componente della politica, né direttamente né indirettamente, specialmente quando ha fatto parte di una giunta che ha deliberato a favore di un certo ente o  certa società, deve rivestire alcun ruolo nella considerata società od ente.

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…