Passa ai contenuti principali

Pian dell'Olmo sarà la nuova Val di Susa?

 
In Italia ti possono privare dei diritti sul lavoro, visto e rilevato che oggi giorno si mira a difendere l'esistenza del lavoro, possono aumentare le tasse, possono tutto, ma quando colpiscono l'ambiente che circonda la tua vita quotidiana allora il popolo scende in Piazza.
Questo è un dato di fatto reale.
Penso per esempio a Scanzano o alla battaglia ancora in itinere della Val di Susa, alla vicenda della Val Rosandra, che confermano quanto la tutela ambientale sia importante per la popolazione.
Ma nello stesso tempo ciò che emerge, per l'ennesima volta, come se le battaglie storiche non abbiano insegnato nulla, ed in questo caso verrebbe da dire perseverare è Stato, è l'assoluta mancanza di democrazia.
Una società che pretende di definirsi democratica deve ascoltare la popolazione, devo consultare preventivamente e non successivamente la popolazione.
Imporre dall'alto come una scelta dovuta la realizzazione di una discarica, conferma che questa volontà di rendere la democrazia degna di tal nome, in Italia, non esiste.
Di esempi ve se sarebbero a centinaia, penso alla violenza realizzata verso il referendum sull'acqua, penso alla costituzionalizzazione del pareggio di bilancio, norma che ha inserito il principio cardine del fiscal compact, a prescindere dal fatto che questo venga ratificato o meno, penso alla questione Tav .
Paradosso vuole che ’Amministrazione provinciale di Roma aderisca alla Giornata Mondiale dell’Ambiente, che si svolgerà proprio  il 5 giugno 2012.  Nel sito della Provincia romana si legge che 
Anche quest’anno, dunque, aderendo alla mobilitazione dell’ONU, la Provincia contribuisce a promuovere lo sviluppo sostenibile e la tutela dell’ambiente.  L’iniziativa coincide con l’inaugurazione del parco-giochi di Via Alessandro Vivenza, a Roma, nel Municipio 12.

Intenti, parole, ma la realtà sembra essere altra.
Pian dell'Olmo è la dimostrazione palese della demagogia istituzionale.
Il Ministero dell'Ambiente ha assicurato piena collaborazione tecnica al prefetto, anche per consentire una valutazione comparativa delle diverse soluzioni, così come chiesto dalla legge. A questo proposito, rende noto il Ministero,  in linea con le leggi nazionali e le normative europee, l’area deve escludere rischi di inquinamento dell’ambiente e della falda idrica, assicurare una distanza adeguata dell'impianto dai centri abitati, garantendo al tempo stesso la tutela dei  beni culturali, ed essere servito in modo adeguato dalla rete viaria per ridurre gli impatti della movimentazione dei rifiuti.

Ma il  sindaco di Riano, Marinella Ricceri, afferma che "Non è più il tempo del buon senso, non è più il tempo di essere civili come istituzioni visto che quelli sopra di noi non lo sono stati. Da tempo abbiamo chiesto un incontro e non c'è mai stato, andremo a farci ricevere".

Chi ha ragione?
E' chiaro che una problematica esiste ed è quella della democrazia partecipata e reale che ancora una volta non trova affermazione.
Ascoltare la popolazione, consultarsi preventivamente con la popolazione sarebbe la cosa migliore per evitare contrasti e sofferenze di varia natura.
Uno Stato degno di tal nome dovrebbe tenere conto di ciò.
Pian dell'Olmo sarà il nuovo corno da cui partirà la musica della ribellione, per opporsi a quel modo di fare di uno Stato che impone il proprio autoritarismo senza rispettare la volontà popolare?
Pian dell'Olmo sarà la nuova Val di Susa, una battaglia nata dalla difesa del territorio contro l'abuso di potere di uno Stato autoritario che lede ogni democrazia, che non vuole ascoltare, ma solo imporre?
Eppure basterebbe ancora una volta quel noto e retorico poco.
Poco per la difesa della democrazia, molto per il rispetto della sovranità astratta popolare.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone