Passa ai contenuti principali

Lettera aperta: Installare un Tutor sulla tratta Barcola-Costiera di Trieste.



Lettera aperta al Sindaco della Città di Trieste, al Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, al Presidente della Provincia di Trieste.


Una guida spericolata compromette la sicurezza non solo del conducente dell'auto considerata e del possibile passeggero, ma anche di tutte quelle persone che con la propria auto, a piedi, od in bicicletta, ogni giorno percorrono quel tratto lungo ed affascinante che unisce Barcola sino a Sistiana attraversando una delle strade più belle che esistano sull'intero territorio nazionale, quale la costiera triestina.
Ma accade, con frequenza ordinaria, di assistere ad automobilisti confondere quel lungo percorso stradale con un autodromo. Giusto la scorsa sera una macchina color nero mi ha sorpassato all'ingresso di Barcola ad una velocità certamente superiore ai 100km/h quando il limite era ed è di 50 km orari.
Il tratto della costiera è quasi integralmente caratterizzato da limiti di velocità di 80 km/h, salvo brevi intervalli tra i 50 ed i 60 km/h.
Capita di assistere spesso a sorpassi azzardati, capita spesso di assistere ad incidenti mancati per un soffio di vita.
Percorrere ogni volta quel bellissimo tratto di strada comporta una grande quantità di stress e preoccupazione, proprio stante il modo di guidare di tantissime persone.
Ed allora visto che non si può evitare di bloccare sul mercato la circolazione di automobili che hanno la possibilità di superare i limiti di velocità consentiti dalla normativa vigente, e ciò dovrebbe indurre alla seria riflessione, vista la non educazione stradale di moltissime persone, penso che si debba ricorrere ad un rimedio estremo.
Ovvero valutare se esiste la possibilità tecnica di installare un Tutor, come accade in molte tratte autostradali, che permette grazie all'installazione di sensori e portali con telecamere, il rilevamento della velocità media lungo tratte stradali di lunghezza variabile, indicativamente tra 10 e 25 Km.
Come si legge nel sito di autostrade in tema di Tutor, la velocità media è calcolata in base al tempo di percorrenza: il sistema monitora tutto il traffico e ne registra gli orari di passaggio sotto i portali posti all'inizio ed alla fine della tratta controllata. I dati relativi ai veicoli la cui velocità media non supera quella consentita vengono automaticamente eliminati.
Il sistema Tutor è stato installato lungo quelle tratte che presentavano tassi di mortalità superiori alla media. Attualmente il controllo della velocità tramite Tutor è attivo su oltre 2.500 km di carreggiate (pari a circa il 40% della rete del Gruppo Autostrade per l'Italia) ed ha permesso, nei primi 12 mesi di funzionamento, di registrare una significativa riduzione della velocità media (- 15%) e della velocità di picco (- 25%), determinando anche una netta diminuzione dell'incidentalità e delle conseguenze alle persone:
  • Tasso di mortalità: -51%
  • Tasso incidentalità con feriti: -27%
  • Tasso di incidentalità: -19%
Prevenire è meglio che curare, si dice.
Rilevato che noto sempre con maggior frequenza percorrere quel lungo tratto spesso con velocità altamente sostenute e certamente oltre i limiti consentiti, forse è il caso di prendere in considerazione l'installazione del Tutor anche sulla tratta interna Barcola/Sistiana.
Provocazione? No, indignazione e preoccupazione.


Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…