Passa ai contenuti principali

Arriva la Matura

Ci siamo.
Poche ore ancora e migliaia di studenti e studentesse si accingeranno ad affrontare quell'esame di Stato che li lancerà nel mondo dell'Università o del precariato.
Quando arriva questo momento penso sempre al tempo in cui anche io ho affrontato tale evento.
Evento dalla grande tensione, notti accompagnate dal caffè, sigaretta e dai quei sogni, sì il sognare l'ultimo suono della campanella che però porterai sempre dentro il tuo divenire essere adulto.
Ricordo la mia tentata fuga nel giorno delle prove orali.
In matematica ero un disastro, grande tensione.
La mia famiglia ad attendermi innanzi i locali della scuola.
I Professori che mi cercavano.
Io rinchiuso in una baracca a ripetere matematica con un mio amico.
Poi mi accorgo che era tardi, tardissimo.
Via di corsa verso quel banco dell'ultima prova.
Sudore, sorrisi.
Ed arrivederci Scuola ciao.

Come sempre accade in questi giorni si parla del rischio scopiazzamento, del rischio internet, delle avvisaglie della Polizia Postale che vigilerà su tutta la rete e nei forum considerati.
Solite storie spesso offensive verso tutti quei ragazzi che studiano.
Studiano ed ora completano un ciclo e che certamente non necessitano di copiare o ricorrere ai soliti noti trucchetti.
Forse è di questo che si dovrebbe parlare, di una scuola senza risorse, che cade a pezzi, e che nonostante tutto con il lavoro a volte anche coraggioso e sotto-pagato dei docenti, migliaia di ragazzi usciranno con le proprie forze e speranze da quella porta del ciclo obbligato d'istruzione per scegliere.
Scegliere di che speranza sognare e vita da sperare.
Ancora una volta con le loro forze, ancora una volta con le loro gambe.
I ragazzi e le ragazze di oggi giorno sono già maturi a questo mondo acerbo ed aspro, hanno ben compreso in che tempo viviamo, sono consapevoli e questa è la prova di maturità più grande che hanno affrontato ed affronteranno. Essere consapevoli ed in tale consapevolezza andare avanti nel cammino, lottare e resistere per un tempo dalla pretese necessarie che verrà.
Ed a tutti questi studenti, che affronteranno Scipione per conseguire la maturità, a tutti i docenti che vivranno l'ennesimo esame di maturità o che per la prima volta si troveranno nel banco d'esame ma dalla parte di chi dovrebbe giudicare, valutare, sperando che non abbiano dimenticato il loro anche essere stati  studenti, voglio conferir il mio più grande in bocca all'esame.



Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto