Passa ai contenuti principali

Il 28 gennaio i Cobas convocano lo sciopero generale

Il 13 e il 14 gennaio  si svolgerà il referendum per l'accordo di Mirafiori. Gli operai dello stabilimento Fiat voteranno il terzo turno di giovedì 13 e il primo e il secondo turno di venerdì14. Nel tardo pomeriggio di venerdì si sapranno già i risultati.

Risultati prevedibili nell'esito visto l'incredibile ricatto posto in essere dall'uomo dell'anno per il capitalismo italiano quale Marchionne.
Mantenere le promesse è per il Gruppo Fiat un valore fondamentale, perché vogliamo essere un’Azienda credibile ed affidabile. Questo è quanto emerge nella carta dei valori del gruppo Fiat. Peccato però che non appena terminano gli incentivi statali le vendite delle auto fiat crollano.
Ma in tutto ciò sorge un quesito.
Ad oggi risulta che l'accomandita della famiglia Agnelli detiene in Fiat Industrial il 30,417% del capitale attraverso Exor e la parte rimanente attraverso Fiat Spa.
Per quanto riguarda Fiat Spa, invece, la quota è detenuta interamente dalla finanziaria Exor. 
La EXOR S.p.A. è una delle principali società d’investimento europee ed è controllata dalla Famiglia Agnelli.
Gli Agnelli  non vengono mai tirati in ballo in tutta questa vicenda, triste, tristissima, per il sindacalismo italiano, perchè? Perchè gli Agnelli non intervengono espressamente sul punto invece di relegare il tutto al loro uomo quale Marchionne?
Forse i fatti rispondono meglio di ogni parola pronunciata o pronunciabile.
Pochi giorni dopo il referendum si svolgerà lo sciopero indetto dalla Fiom con varie manifestazioni regionali.
Ma è notizia recente che i Cobas per la giornata del 28 gennaio 2010 convocano lo sciopero generale.

Nel comunicato del sindacato di base si legge che i "COBAS stanno lavorando perchè l'accordo ignobile venga respinto dal NO referendario dei/lle lavoratori/trici Fiat, ma ritengono anche decisivo che venga esteso a tutti/e i/le lavoratori/trici lo sciopero che la Fiom ha indetto per i metalmeccanici il 28 gennaio. La richiesta Fiom alla Cgil di convocazione di uno sciopero generale non verrà mai accolta, perchè la Cgil condivide le politiche liberiste, ha sottoscritto in questi anni ogni cedimento al padronato e ai governi, ed è stata la principale responsabile, con Cisl e Uil, della distruzione dei diritti sindacali e di sciopero, prima ai danni dei COBAS e del sindacalismo di base, poi di chiunque non accettasse le politiche concertative.
SPETTA DUNQUE AI COBAS LA RESPONSABILITA' DI CONVOCARE PER IL 28 GENNAIO LO SCIOPERO GENERALEDI TUTTI I LAVORATORI/TRICI PUBBLICI E PRIVATI PER L'INTERA GIORNATA, rispondendo anche alle richieste di generaliz- zazione dello sciopero venute dal movimento degli studenti medi e universitari e da tante strutture del conflitto sociale, territoriale e ambientale"

Questa iniziativa non può che essere letta positivamente, e deve essere affrontato specialmente il punto nodale della questione quale quello della democrazia sindacale.
Perchè la Fiom si troverà presto nelle stesse condizioni di non agibilità in cui da decenni vive il sindacalismo di base. Questo deve essere il momento per discutere di rappresentanza sindacale, di democrazia sindacale, tutelando tutte le realtà anche quelle non concertative che ad oggi non possono neanche svolgere assemblea sindacale nei luoghi di lavoro.
Il nuovo anno è iniziato bene, ovvero all'insegna della lotta.
Il diritto di sciopero deve essere tutelato, protetto ed esteso e non oggetto di strumentalizzazioni politiche e non essere usato per campagne elettorali a sostegno di determinati partiti.
Il 28 gennaio può e deve essere un momento importante di condivisione allargata della lotta per la difesa della democrazia sindacale.

Marco Barone


Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…