Passa ai contenuti principali

Il 28 gennaio i Cobas convocano lo sciopero generale

Il 13 e il 14 gennaio  si svolgerà il referendum per l'accordo di Mirafiori. Gli operai dello stabilimento Fiat voteranno il terzo turno di giovedì 13 e il primo e il secondo turno di venerdì14. Nel tardo pomeriggio di venerdì si sapranno già i risultati.

Risultati prevedibili nell'esito visto l'incredibile ricatto posto in essere dall'uomo dell'anno per il capitalismo italiano quale Marchionne.
Mantenere le promesse è per il Gruppo Fiat un valore fondamentale, perché vogliamo essere un’Azienda credibile ed affidabile. Questo è quanto emerge nella carta dei valori del gruppo Fiat. Peccato però che non appena terminano gli incentivi statali le vendite delle auto fiat crollano.
Ma in tutto ciò sorge un quesito.
Ad oggi risulta che l'accomandita della famiglia Agnelli detiene in Fiat Industrial il 30,417% del capitale attraverso Exor e la parte rimanente attraverso Fiat Spa.
Per quanto riguarda Fiat Spa, invece, la quota è detenuta interamente dalla finanziaria Exor. 
La EXOR S.p.A. è una delle principali società d’investimento europee ed è controllata dalla Famiglia Agnelli.
Gli Agnelli  non vengono mai tirati in ballo in tutta questa vicenda, triste, tristissima, per il sindacalismo italiano, perchè? Perchè gli Agnelli non intervengono espressamente sul punto invece di relegare il tutto al loro uomo quale Marchionne?
Forse i fatti rispondono meglio di ogni parola pronunciata o pronunciabile.
Pochi giorni dopo il referendum si svolgerà lo sciopero indetto dalla Fiom con varie manifestazioni regionali.
Ma è notizia recente che i Cobas per la giornata del 28 gennaio 2010 convocano lo sciopero generale.

Nel comunicato del sindacato di base si legge che i "COBAS stanno lavorando perchè l'accordo ignobile venga respinto dal NO referendario dei/lle lavoratori/trici Fiat, ma ritengono anche decisivo che venga esteso a tutti/e i/le lavoratori/trici lo sciopero che la Fiom ha indetto per i metalmeccanici il 28 gennaio. La richiesta Fiom alla Cgil di convocazione di uno sciopero generale non verrà mai accolta, perchè la Cgil condivide le politiche liberiste, ha sottoscritto in questi anni ogni cedimento al padronato e ai governi, ed è stata la principale responsabile, con Cisl e Uil, della distruzione dei diritti sindacali e di sciopero, prima ai danni dei COBAS e del sindacalismo di base, poi di chiunque non accettasse le politiche concertative.
SPETTA DUNQUE AI COBAS LA RESPONSABILITA' DI CONVOCARE PER IL 28 GENNAIO LO SCIOPERO GENERALEDI TUTTI I LAVORATORI/TRICI PUBBLICI E PRIVATI PER L'INTERA GIORNATA, rispondendo anche alle richieste di generaliz- zazione dello sciopero venute dal movimento degli studenti medi e universitari e da tante strutture del conflitto sociale, territoriale e ambientale"

Questa iniziativa non può che essere letta positivamente, e deve essere affrontato specialmente il punto nodale della questione quale quello della democrazia sindacale.
Perchè la Fiom si troverà presto nelle stesse condizioni di non agibilità in cui da decenni vive il sindacalismo di base. Questo deve essere il momento per discutere di rappresentanza sindacale, di democrazia sindacale, tutelando tutte le realtà anche quelle non concertative che ad oggi non possono neanche svolgere assemblea sindacale nei luoghi di lavoro.
Il nuovo anno è iniziato bene, ovvero all'insegna della lotta.
Il diritto di sciopero deve essere tutelato, protetto ed esteso e non oggetto di strumentalizzazioni politiche e non essere usato per campagne elettorali a sostegno di determinati partiti.
Il 28 gennaio può e deve essere un momento importante di condivisione allargata della lotta per la difesa della democrazia sindacale.

Marco Barone


Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…