Passa ai contenuti principali

Il 2011 è l'anno dell'uomo-macchina?

L'Unione Sarda, Repubblica, giusto per citare alcuni quotidiani, evidenziano che il 2011 sarà caratterizzato da meno festività e quindi si lavorerà di più. Detto in breve, meno feste e più produttività.

L'economista Carlo Dell'Aringa, intervistato sul punto da Repubblica,  in qualità di professore ordinario dell'Università Cattolica di Milano sottolinea  che "chi comanda è la domanda, quindi il vantaggio può avere un respiro di breve periodo".

Domanda, economia di mercato, globalizzazione, produzione, schiavismo.

La Fiat  vuole adottare un modello di organizzazione del lavoro, il World class manifacturing (Wcm), che avrebbe lo scopo  di ridurre i costi e aumentare efficienza e qualità dei prodotti; il Wcm in «versione Fiat» prevede anche l’utilizzo di una metodologia (ErgoUas) che associa gli aspetti ergonomici con la definizione dei tempi e dei ritmi di una postazione di lavoro. 
Tale modello è una vera e propria rivisitazione tutta italiana di quello giapponese della Lean production (produzione snella); un modello d’organizzazione che si basa essenzialmente su due fattori: il just in time e l’autoattivazione-coinvolgimento dei lavoratori.
Ovvero la trasformazione dell'uomo in macchina. Ciò in barba alla sicurezza sul lavoro, all'articolo 2087 del c.c., ed alla dignità dell'uomo.
Marchionne è stato definito dal Sole 24 Ore come l'uomo dell'anno per "aver ricordato a tutte le istituzioni economiche  italiane, sindacato compreso  e alla politica che adesso bisogna tener conto delle regole globali e condurre l’economia con un occhio al mondo globale".


Certo, le loro regole, che invadono lo status dell'individuo all'interno della società per trasformarlo nel nuovo servo della globale era. Oggi giorno i lavoratori sono servi dei ritmi imposti dalla produzione ovvero dal profitto di pochi eletti. 
Quindi, quello che veniva evidenziato nell'articolo di Repubblica ripreso da altri quotidiani è che il 2011 sarà caratterizzato da meno festività e quindi probabilmente da una maggiore produzione.
Ora, che la nostra società, nostra per modo di dire, sia tutta imperniata sul concetto del lavoro è un dato di fatto. Ma perchè non ribaltare la visione e la prospettiva del presente?
Meno lavoro, più vita.
Società utopica certamente, ma non impossibile.
Dobbiamo assolutamente ribaltare la visione oramai data come per assodata del funzionamento del sistema vigente e presente.
Ciò perchè deve esser l'uomo a ritornare al centro dell'interesse della società e non il profitto elitario tipico di questo mondo.
Ed allora penso ad una rivisitazione dell'omocentrismo in armonia con l'ambiente naturale ospitante tutti noi.
E' veramente indicibile, è  blasfemo sostenere questo principio?
Non lo è certamente, e non lo deve divenire, anche per rispetto di tutti gli omicidi accaduti sul lavoro e nel lavoro e per il lavoro,per rispetto di quella parola che ogni tanto tutti noi invochiamo quale la dignità umana.
A meno che non vogliamo continuar a colmare gli spazi oggi esistenti solo con pura demagogia e retorica.
Ma questo mondo non necessita di retorica, non necessita di demagogia.
Abbiamo bisogno di altro, di maggiore vita, di maggior rispetto per la persona umana, della nostra persona.
Ed allora meno lavoro e più vita.
Più feste meno sfruttamento.
Se utopia deve essere a tutti noi in ogni caso la libera scelta di che vita morire.

Marco Barone 
Segue calendario festività nazionali.
MESEFESTIVITA'GIORNO DELLA SETTIMANA
Gennaio 6 (Befana) giovedì
Aprile 25 (Festa della Liberazione e Pasquetta) lunedì
Maggio 1 (Festa dei lavoratori) domenica
Giugno 2 (Festa della Repubblica) giovedì
Agosto 15 (Ferragosto) lunedì
Novembre 1 (Ognissanti) martedì
Dicembre 8 (Immacolata) giovedì
25 (Natale) domenica
26 (Santo Stefano) lunedì
Gennaio (2012) 1 (Capodanno) domenica

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…