Passa ai contenuti principali

Il 2011 è l'anno dell'uomo-macchina?

L'Unione Sarda, Repubblica, giusto per citare alcuni quotidiani, evidenziano che il 2011 sarà caratterizzato da meno festività e quindi si lavorerà di più. Detto in breve, meno feste e più produttività.

L'economista Carlo Dell'Aringa, intervistato sul punto da Repubblica,  in qualità di professore ordinario dell'Università Cattolica di Milano sottolinea  che "chi comanda è la domanda, quindi il vantaggio può avere un respiro di breve periodo".

Domanda, economia di mercato, globalizzazione, produzione, schiavismo.

La Fiat  vuole adottare un modello di organizzazione del lavoro, il World class manifacturing (Wcm), che avrebbe lo scopo  di ridurre i costi e aumentare efficienza e qualità dei prodotti; il Wcm in «versione Fiat» prevede anche l’utilizzo di una metodologia (ErgoUas) che associa gli aspetti ergonomici con la definizione dei tempi e dei ritmi di una postazione di lavoro. 
Tale modello è una vera e propria rivisitazione tutta italiana di quello giapponese della Lean production (produzione snella); un modello d’organizzazione che si basa essenzialmente su due fattori: il just in time e l’autoattivazione-coinvolgimento dei lavoratori.
Ovvero la trasformazione dell'uomo in macchina. Ciò in barba alla sicurezza sul lavoro, all'articolo 2087 del c.c., ed alla dignità dell'uomo.
Marchionne è stato definito dal Sole 24 Ore come l'uomo dell'anno per "aver ricordato a tutte le istituzioni economiche  italiane, sindacato compreso  e alla politica che adesso bisogna tener conto delle regole globali e condurre l’economia con un occhio al mondo globale".


Certo, le loro regole, che invadono lo status dell'individuo all'interno della società per trasformarlo nel nuovo servo della globale era. Oggi giorno i lavoratori sono servi dei ritmi imposti dalla produzione ovvero dal profitto di pochi eletti. 
Quindi, quello che veniva evidenziato nell'articolo di Repubblica ripreso da altri quotidiani è che il 2011 sarà caratterizzato da meno festività e quindi probabilmente da una maggiore produzione.
Ora, che la nostra società, nostra per modo di dire, sia tutta imperniata sul concetto del lavoro è un dato di fatto. Ma perchè non ribaltare la visione e la prospettiva del presente?
Meno lavoro, più vita.
Società utopica certamente, ma non impossibile.
Dobbiamo assolutamente ribaltare la visione oramai data come per assodata del funzionamento del sistema vigente e presente.
Ciò perchè deve esser l'uomo a ritornare al centro dell'interesse della società e non il profitto elitario tipico di questo mondo.
Ed allora penso ad una rivisitazione dell'omocentrismo in armonia con l'ambiente naturale ospitante tutti noi.
E' veramente indicibile, è  blasfemo sostenere questo principio?
Non lo è certamente, e non lo deve divenire, anche per rispetto di tutti gli omicidi accaduti sul lavoro e nel lavoro e per il lavoro,per rispetto di quella parola che ogni tanto tutti noi invochiamo quale la dignità umana.
A meno che non vogliamo continuar a colmare gli spazi oggi esistenti solo con pura demagogia e retorica.
Ma questo mondo non necessita di retorica, non necessita di demagogia.
Abbiamo bisogno di altro, di maggiore vita, di maggior rispetto per la persona umana, della nostra persona.
Ed allora meno lavoro e più vita.
Più feste meno sfruttamento.
Se utopia deve essere a tutti noi in ogni caso la libera scelta di che vita morire.

Marco Barone 
Segue calendario festività nazionali.
MESEFESTIVITA'GIORNO DELLA SETTIMANA
Gennaio 6 (Befana) giovedì
Aprile 25 (Festa della Liberazione e Pasquetta) lunedì
Maggio 1 (Festa dei lavoratori) domenica
Giugno 2 (Festa della Repubblica) giovedì
Agosto 15 (Ferragosto) lunedì
Novembre 1 (Ognissanti) martedì
Dicembre 8 (Immacolata) giovedì
25 (Natale) domenica
26 (Santo Stefano) lunedì
Gennaio (2012) 1 (Capodanno) domenica

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone