Passa ai contenuti principali

" Vogliamo l'Italia Dannunziana e dai mille campanili". Ecco l'Italia dei Finiani e di Futuro e Libertà.

Osservando la convention di Futuro e Libertà, certamente una cosa ben chiara  balza all'occhio anche del più distratto spettatore di tale rappresentazione teatrale e tetra, della politica italiana.

Ovvero che i Finiani, hanno imparato come comunicare, come organizzare determinanti eventi dal loro grande maestro, ovvero Berlusconi.

Ciò lo si comprende dalle false lacrime, dalle false emozioni, dagli applausi, dall'introduzione del leader, dall'attesa e quasi suspense creata ad hoc per ascoltare le parole di Gianfranco Fini.

Per non parlare della musica, della lettura della carta dei valori del nuovo divenire partito della destra sociale quale Futuro e Libertà.

Riporterò in questo articolo le questioni più rilevanti che sono emerse in tale convention e che sicuramente dovranno fare riflettere i più attenti critici  e lettori della società.

" Italia umile, casta, francescana, garibaldina e dannunziana; Italia della legalità,della produzione, della competizione, dei mille campanili, del merito".

Queste sono alcune delle frasi emerse da uno dei tanti politichesi che ha attratto e distratto lo spettatore durante questa performance teatrale in tale triste domenica autunnale tutta italiana.

Il Ministro Ronchi che anticipa il discorso di Fini sostiene che loro vogliono l'Italia della famiglia, della Patria, senza dimenticare le radici cristiane. Ronchi che rimette il proprio mandato di Ministro nelle mani di Fini.

Peccato che fino a quel momento si è gran parlato di avere rispetto del Popolo Sovrano.

Ma ecco che nel rispetto del Popolo Sovrano a chi si decide di affidare la responsabilità della carica di Ministro, pagata da tutti noi contribuenti?

Nella mani di Fini...
Ipocrisia?
Libera valutazione!

Fini,tanto atteso, tanto acclamato, debutta sostenendo che possono ritenersi soddisfatti, perchè ora sono politicamente determinanti per le sorti del governo ed avvenire "della nostra patria".

Parla  più di una volta del concetto di idea di patria che deve essere fondata sulla coscienza d'identità nazionale. La gens italica, dice Fini, esiste da 2000 anni, e bisogna quindi con legittimo orgoglio affermare la storia della patria e la coscienza nazionale.
A conferma di ciò il suo primo pensiero corre ai soldati Italiani impegnati in quella, che anche dalla Lega Nord è stata definita come missione di guerra e non di pace, etichettati come " i nostri eroi".

Eroi che a quanto pare hanno gran responsabilità sulle morti anche di civili nelle terre di missioni chiamate di pace.
Ma questo poco importa ai Finiani.
Si parla del valore della legalità.
"Prima i doveri poi i diritti" dice Fini.solo "così può esserci libertà".

Certo che correlare la libertà al principio di dovere è abbastanza singolare come concetto, ma certamente non lo è per chi ha un passato politico chiaro come quello di Fini.

Colui che è l'attuale Presidente della Camera afferma che si deve avere rispetto della persona umana.
" non si possono distinguere tra eterosessuali ed omosessuali, tra uomini e donne", ma ciò " significa adempiere sempre i propri doveri", sul problema cittadinanza correlato al discorso rispetto della persona umana afferma che " non contestiamo la necessità di espellere l'immigrato clandestino", ma la questione della cittadinanza deve essere rivista.

Certo l'immigrato clandestino non è persona umana che merita rispetto.
Ovvio, sì, tristemente, drammaticamente ovvio.

Fini, che parla dell'esaltazione del lavoro, "inteso come principale pilastro dell'economia", centralità del lavoro come garanzia di espressione della propria potenzialità, capacità, " lavoro che è diventato naturale alleato del capitale" si deve trovare "sintesi tra capitale e lavoro".

Ancora... sulla questione famiglia dice che questa deve essere considerata come " la cellula primaria della società".

Se per caso qualcuno di sinistra o che si creda tale pensa ancora di proporre patto per la democrazia con questa destra sociale, o qualunque destra essa sia credo sia veramente accecato dalla cultura delle poltrone!

Fini che sostiene che il credere, obbedire, combattere appartengono ad altri tempi, ma pensando alle forze dell'ordine, ed ecco grande applauso, afferma che si deve investire di più per garantire la legalità.
Certo la cultura della legaltià deve passare per la repressione, non per altre vie.Tutto chiaro, ma tutto scontato nello stesso tempo.
Rivolgendosi al governo attuale Fini dice che tampona solo le relative emergenze, che vive alla giornata, ma dovrebbe avere in agenda determinate questioni.

Ed ecco che parte la proposta di Fini , che alla fine diverrà ultimatum al Berlusconi e Pdl.
Al primo posto pone la questione dell'appartenenza nazionale,ed unità nazionale,segue poi la coesione sociale, il welfare delle tutele che deve divenire welfare delle opportunità sullo stile della Germania, poi la stagnazione economica che penalizza la produttività, la eccessiva tolleranza della cultura dell'arbitrio, ed il decadimento morale che secondo Gianfranco Fini non è figlio obbligato della modernità.

Ed ecco rimpiangere il rigore e lo stile di Moro, Berlinguer ed Almirante, alla cui pronuncia del nome la platea esplode in grande inteso applauso.


Futuro e Libertà che non dice di porre fine alla precarietà lavorativa, ma che in verità occorre richiamare la questione tedesca dove i contratti a tempo determinato esistono ma la retribuzione è più elevata.
Che ciò sia di monito per tutti quei precari che in Fini vedevano nuove illusorie speranze...

Parlando della legislatura attuale sostiene che " non so se ci sono le condizioni per il patto di legislatura, che è cosa seria ed è possibile però solo se c'è svolta, decretando fine di una fase, definendo nuova agenda politica, nuovo programma di governo".

Un Gianfranco Fini che si richiama ad un tavolo sociale dove sindacati tutti, ivi inclusa la CGIL, come da lui stesso riconosciuto hanno proposto varie questioni come l'investimento nell'innovazione e ricerca ma anche il fatto che il salario debba essere legato alla produttività "chi lavora di più e meglio va pagato di più" dice Fini.

 Proposta uscita da tale tavolo, che deve essere riconvocato.

La CGIL ha proposto  il legame del salario alla produttività?
Attendiamo lumi sul punto!


" Dal 1861 al 1870 vi furono riforme che unificarono l'Italia" dice Fini. Criticando la Lega nord ed il suo modus operandi però sul federalismo fiscale dice che" il Federalismo Fiscale non è pericoloso perchè c'è fondo di compensazione nazionale, sarà una bella sfida per le classi dirigenziali meridionali"
Nello stesso tempo dice che è necessaria una politica di ammodernamento federale dello Stato.
Prima si invoca a tutta piazza l'Unità d'Italia e poi si parla di ammodernamento federale dello Stato?

Ed ecco l'ultimatum...

Pensando all'UDC che rischia di fare saltare il peso politico della nuova(?) realtà politica capeggiata dall'ex leader di AN, anticipa i tempi dicendo che o " Berlusconi rassegna le dimissioni, sale al Colle, avvia nuova fase dove si discute dell'agenda e del programma, o i ministri" facenti capo a Fini... si dimetteranno.

Conclude dicendo " avanti così non si può andare."

Caro Gianfranco Fini hai proprio ragione, così non si può andare avanti.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Ma ha ancora senso la "Venezia Giulia"? O meglio regione di Trieste?

Venezia Giulia. Un nome che ha sicuramente un suo fascino, originale, una forzatura storica pasticciata, proposta ed utilizzata sin dal 1863, come si legge nell'Enciclopedia Treccanti dal linguista goriziano G.I. Ascoli in sostituzione di ‘Litorale’ (Küstenland), usato dagli Austriaci. "Dal 1920 sotto la denominazione di V. furono compresi anche territori appartenenti alla Carniola; i limiti della regione non erano del resto ben definiti: ora comprendeva anche il Friuli ora questo era considerato come appartenente al Veneto, per cui la V. corrispondeva ai territori orientali ceduti dall’Austria all’Italia in seguito alla Prima guerra mondiale, cioè le province di Gorizia, Trieste, Pola e Fiume (superficie 8893 km2 con 955.257 ab. nel 1936), zona caratterizzata dal graduale trapasso del sistema alpino in quello dinarico e dalla compenetrazione di elementi italiani e slavi. Il piccolo lembo della V. rimasto all’Italia dopo la Seconda guerra mondiale è confluito nella regione a …