Passa ai contenuti principali

Bologna: il lavoro si vince alla lotteria!

Una volta in una paese quale la Repubblica Italiana vi era una Carta Costituzionale ove si leggeva che L'Italia era una Repubblica democratica, fondata sul lavoro, che La Repubblica riconosceva a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuoveva le condizioni che rendevano effettivo questo diritto, ma anche che l'iniziativa economica privata era libera e non poteva svolgersi in contrasto con l'utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana.

 Dico questo perchè ho la netta sensazione che la nostra Carta Costituzionale sarà destinata  a divenire un libro di favole, raccontanta  ai bambini prima di accompagnarli nel mondo dei sogni, ove forse sogneranno proprio l'esercizio di quei diritti scritti nella Costituzione Italiana.

Perchè dico ciò?

Mi è stato segnalato questo evento che si svolgerà nella serata del 4 novembre in Bologna.

In un momento in cui le aziende chiudono, mettono in cassa integrazione, licenziano, ci sono imprenditori che invece continuano a sognare e a mettere in atto i loro sogni. Il 4 novembre 2010 alle ore 20.00 assisterete all'estrazione del CONCORSO più STRAORDINARIO e D’ATTUALITà che si potesse ideare:  "VINCI UN POSTO DI LAVORO".
La serata dell'estrazione si terrà al Centergross di Bologna sarà condotta dal mitico Red Ronnie  e dalla Bellissima Elisa Gardini.
Ci saranno i candidati più motivati d'Italia. Vedremo chi davvero avrà la tenacia e la determinazione di trovare un lavoro. Sarà un ottima vetrina per farsi vedere da migliaia di imprenditori, in quanto la serata sarà trasmessa in streaming.
Il concorso ha come premio un contratto di minimo 18.000 euro per un anno. Il regolamento è stato approvato dal ministero e quindi è tutto in regola.
Per coinvolgere tutta ITALIA sono state estratte 110 persone dalle 110 province Italiane e convocate per l’estrazione finale alla presenza di imprenditori e autorità.

Il Presidente YouCV
Davide Malaguti
http://www.youcv.eu/PublicationDetails.aspx?idPublication=83

 Giusto per nota informativa al concorso hanno aderito 32.576 persone!

Quindi, 32.576 persone che suderanno, sogneranno, illuderanno il proprio essere per elemosinare un contratto di un solo anno di lavoro.
Tutto in regola si legge nel comunicato sopra riportato!
Il regolamento è stato approvato dal ministero quindi dove sarebbe  il problema?
Persone che si mettono in vetrina, "sarà un ottima vetrina per farsi vedere da migliaia di imprenditori, in quanto la serata sarà trasmessa in streaming", persone che confideranno nella sorte per avere l'affermazione di quel diritto che sarebbe il lavoro, e che sarebbe anche garantito nella nostra Costituzione, "vedremo chi davvero avrà la tenacia e la determinazione di trovare un lavoro".

Ovviamente come ricordato in precedenza esiste l'articolo 41 della Costituzione che garantisce la libertà d'iniziativa economica, che il governo attuale vuole liberalizzare ancora di più, ma tale iniziativa economica non deve recare danno alla dignità umana. Certo la partecipazione a tale concorso è libera e volontaria, ma sperare nell'estrazione per avere un lavoro , anzi un contratto di lavoro per un solo anno, vi sembra normale? 
Vi sembra rispettoso di quei valori sociali che caratterizzano il diritto del lavoro ove si esplica la dignità umana?  Questo concorso ove si estrae un posto di lavoro, è a parer mio pericoloso ed uno schiaffo alla nostra Costituzione.


Mi viene da pensare la prossima estrazione sarà per il diritto allo sciopero? Per una  retribuzione dignitosa? Per le  ferie?

Invito tutte e tutti a riflettere ed a non sottovalutare la portata sociale di questa strana anomala ma forse poi non tanto anomala inziativa.






Marco Barone

Commenti

  1. di sicuro non si può criticare nè chi si è iscritto per la disperazione alla ricerca di un lavoro,
    nè questa azienda, che almeno un lavoro lo dà.
    Vorrei capire cosa fa il governo per risolvere
    i problemi :-(

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…