Passa ai contenuti principali

A Basovizza ammainato il Tricolore da militanti della Lega Nord.


Il 26 ottobre si festeggerà il ritorno all'Italia di Trieste.

Non voglio entrare nel merito di tale festeggiamento, di tutte le sofferenze, morti, stragi e tragedie che hanno caratterizzato a livello sia umano che sociale il confine orientale del nostro paese.

La lega nord di Trieste, evidenzia sul suo sito il seguente comunicato:

" Il prossimo 26 ottobre Trieste darà il via alle celebrazioni. Ma quanto costeranno alla nostra gente in un periodo in cui non si arriva alla fine del mese. Non era forse meglio, in tutta Italia, una cerimonia sobria e soprattutto rispettosa di quelle famiglie che, negli ultimi anni, hanno perso i loro cari in Paesi che non ci vogliono e soprattutto non vogliono la democrazia? Non era forse più giusto destinare le somme impegnate per questa celebrazione proprio a queste famiglie in ricordo dei loro figli, fratelli e mariti morti in missioni definite di pace ma che in realtà sono solo di guerra. Se fosse accaduto questo, credo che tutti gli italiani avrebbero capito ed apprezzato e l’Italia avrebbe dato un esempio di solidarietà unico al mondo.
http://www.leganordtrieste.it/

E' interessante notare come la forza politica quale la lega nord che è parte integrante e sostanziale della maggioranza governativa di questo paese, sostiene che le missioni di pace all'estero sono in realtà missioni di guerra. Non che noi non lo sapessimo, anzi; ma de facto si pongono in contrasto forte e netto con i propri alleati, ma probabilmente ciò passerà in secondo piano.

Si, perchè per far sentire la loro voce, i separatisti leghisti hanno issato la loro bandiera, quella che ha fatto tanto discutere ad Adro, ammainando il tricolore.

Questo gesto, che non è solo simbolico, ma è una dichiarazione di guerra vera e propria al buon senso del fare politica, una dichiarazione di guerra all'unità d'italia è accaduto a Basovizza.

Sul piccolo di Trieste, il quotidiano più letto in tale realtà territoriale, si parla di "anomalia".

"Poi qualcuno ha notato l'anomalia e ha avvisato i carabinieri della Stazione di Basovizza. L'iniziativa al valico era stata annunciata sabato sera da una telefonata giunta alla redazione del Piccolo. Sedicenti "volontari verdi" avevano genericamente parlato di una clamorosa manifestazione al confine di Basovizza. Il che si è puntualmente avverato dodici ore più tardi". (http://ilpiccolo.gelocal.it/dettaglio/blitz-leghista-basovizza-il-vessillo-col-sole-padano-sventola-al-posto-del-tricolore/2593263).

Certo parlare di anomalia in questo caso è a dir poco stravagante come cosa.

Issare la bandiera separatista, la bandiera simbolo della lega nord, la bandiera simbolo di quella realtà politica affermata nel nord est italiano e non solo, la bandiera di chi professa nel proprio statuto l'indipendenza della Padania e governa questo paese, può essere definito tutto ciò solo come una semplice anomalia?

Ho la sensazione che si sia intrapreso un percorso univoco, un percorso dal quale difficilmente si potrà tornar indietro, se si continueranno a semplificare tale iniziative, se si continuerà a sminuire il significato di gesti come quello di Adro,o Basovizza.

Ultima considerazione, non credo proprio che si possa paragonare l'iniziativa di Terzigno consistente nel dare fuoco al tricolore, con l'ammainare il tricolore per sostiuirlo con la bandiera di una realtà politica che proclama l'indipendenza della padania.

A Terzigno si vive una grande sofferenza, a Terigno si è dato fuoco al tricolore per denunciare pubblicamente come lo Stato Italiano sia assente, come lo Stato Italiano compromesso con il potere occulto della massoneria abbia tradito la popolazione; ma a Terzigno non si "grida" la separazione dell'Italia; si rivendica invece la presenza dello Stato Italiano, quello vero, quello non compromesso con il potere della camorra e massoneria.

A Basovizza invece si respira tutt'altra aria.
Lo Stato Italiano deve "ritirarsi" oltre il confine della Padania, è questo il senso dell'iniziativa della Lega Nord che non può essere paragonata a quella di Terzigno!

Marco Barone
fonte foto:http://ilpiccolo.gelocal.it/multimedia/home/26682792/1/4

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone