Passa ai contenuti principali

1924/26: D'Annunzio e Mussolini, tra reciproci elogi,onori e cortesie ed abbracci

Erano gli anni dell'omicidio Matteotti, della annessione di Fiume all'Italia,delle prime leggi fascistissime, delle cittadinanze onorarie riconosciute a Mussolini, dell'inizio di diversi processi di italianizzazione, si parlava molto delle violenze del fascismo e dei fascisti, si scriveva e si denunciava che non si poteva non vedere quello che stava accadendo, ci si interrogava sul ruolo della opposizione, sul ruolo degli intellettuali, dell'ambiguità di alcuni e della complicità di altri. Molti confidavano nel silenzio, speravano che il silenzio di alcuni intellettuali fosse sinonimo di antifascismo, ma così non sarà per D'Annunzio, per esempio.

Il viaggio di Mussolini a Gardone, scriverà l'Unità di quel tempo, “non ha solamente il significato di omaggio a D'Annunzio,ma ha soprattutto significato politico”. Ed emergerà tutta le delusione sia dei costituzionalisti che degli antifascisti, che a quanto pare ancora si rifiutavano,probabilmente per ragioni di opportunismo, di inquadrare D'Annunzio nella sua reale veste, si leggerà che il silenzio di D'Annunzio dopo la marcia su Roma, nonostante alcuni suoi gesti per nulla ambigui, “ aveva riaperto il cuore dell'antifascismo. L'incontro odierno toglie ai costituzionalisti definitivamente la speranza di un D'Annunzio antifascista”. Il Giornale d'Italia scriverà, a tal proposito: “mentre Mussolini rappresenta il fascismo al governo, D'Annunzio rappresenta il popolo dei combattenti.(...) D'Annunzio non ha mai compiuto atti di ostilità contro il governo fascista”.

Verrà poi pubblicata anche una nota di D'Annunzio, per Mussolini, sull'Unità per ringraziarlo della nomina a Principe di Montenevoso, accompagnandola con doni, e si concluderà con un “ti abbraccio”.

Il 23 aprile 1924 , in merito alla morte di Eleonora Duse D'Annunzio invierà un telegramma pubblico, pubblicato sull'Unità ove si evincerà la richiesta del poeta guerrafondaio a Mussolini affinché sia lo Stato italiano a sue spese, a curare la restituzione della salma e Mussolini risponderà tempestivamente accogliendo le richieste di D'Annunzio ed anche questa nota si concluderà con un “ti abbraccio” pubblico ma questa volta da parte di Mussolini verso D'Annunzio.

Si pubblicherà, una lettera, datata 14 febbraio, ove si ricorderà che l'avvocato Gianturco ha tenuto al gruppo fascista Oberdan una conferenza intorno a Fiume si scriverà che l'oratore ha dimostrato la “perfetta concordanza dell'opera del poeta prima e di Mussolini dopo per Fiume “e si annoterà che “nel 1921 le prime squadre fasciste cantavano per D'Annunzio e Mussolini eja eja alala”.

E' interessante notare come, tra le diverse informative che riportava l'Unità, in merito all'attività dei fascisti, si segnalava il 28 ottobre 1925 l' inaugurazione della sede di un gruppo fascista dedicata a “D'Annunzio”, nel milanese.

Oppure si segnalerà un comunicato del governo fascista, del 22 giugno 1926, il quale deciderà di procedere alla costituzione dell'Istituto nazionale per la pubblicazione dell'Opera Omnia di D'Annunzio sotto l'alto patronato di Mussolini. Per la pubblicazione dell'opera omnia si è costituita una società con un capitale pari a sei milioni, cifra enorme per l'epoca, e D'Annunzio salutò, ovviamente, positivamente il tutto, con cinque colpi di cannone inviando telegrammi di ringraziamento al Re ed a Mussolini. D’Annunzio verrà rappresentato, nel Consiglio di amministrazione, dal figlio Gabriellino.



Commenti

Post popolari in questo blog

A Monfalcone l'Esercito popolare di liberazione della Jugoslavia diventa "milizia partigiana titina". Quella targa sbagliata sul 12 giugno del '45 che si collega a quella del 12 settembre

" Dal primo maggio al 12 giugno 1945 le milizie partigiane titine occuparono la città di Monfalcone con la volontà di annessione alla Jugoslavia. In quei quaranta giorni si consumarono sofferenze, violenze, sopraffazioni e deportazioni a danno della popolazione. Questa lapide vuole rendere omaggio agli scomparsi e a coloro che persero la vita a causa di una crudele barbarie ideologica. Essa è collocata nello spazio antistante le carceri di allora, dove furono arbitrariamente reclusi tanti concittadini. Che nel ricordo di quella tragica stagione si possa consolidare la speranza di un futuro migliore per le nuove generazioni. 1945-2020. Comune di Monfalcone ". Questo è il testo sulla lapide di piazza Cavour inaugurata il 12 giugno 2020. Ponendosi la città di Monfalcone in linea con Trieste e Gorizia. Un testo che contiene comunque degli errori. Innanzitutto non si capisce perchè si scrive il primo maggio in lettere e il 12 giugno in cifre. Poi i giorni di occupazione non furono

Una storia per bambini della scuola primaria nella giornata Mondiale della Gentilezza

Il 13 novembre in tutto il mondo si celebra la Giornata Mondiale della Gentilezza, nata da una conferenza del 1997 a Tokyo e introdotta in Italia dal 2000. Per questa propongo una storia per le classi di scuola primaria. La storia che segue, ambientata a Trieste, ha per protagonisti tre supereroi ed una nonna, Rosellina.  Il disegno è stato fatto in una classe di una scuola dove la storia è stata letta. mb I tre supereroi e la nonnina Rosellina C’era una volta, anzi no. C’erano una volta tre supereroi. Avete presente quelli con i super poteri che si vedono nei film? Nei cartoni animati? Nei fumetti? Sì, proprio loro. E si trovavano in una bellissima città italiana, Trieste. Non erano mai stati prima a Trieste. Rimasero stupiti nel vedere quanto era lungo il molo sul mare, e quanto era enorme la piazza con due alberi di due navi dove sventolavano le bandiere, ogni tanto. Dopo essersi fatti un selfie sul molo Audace che è costruito sui resti di una vecchia n

L'Emilia Romagna è la prima regione italiana a "sospendere" i rapporti con l'Egitto

Ad oggi in Italia sono la Camera dei deputati ha osato sospendere i rapporti diplomatici con l'Egitto.  Ma un secondo tassello si sta unendo  a quello della Camera. E arriva da una Regione importante. Una delle più importanti. Mentre la Regione di Giulio, il Friuli Venezia Giulia, ha eliminato lo striscione verità per Giulio dalla facciata del palazzo regionale ed eliminato il logo anche dal sito della Regione, è rimasto solo su quello del Consiglio regionale, è l'Emilia Romagna a dare un segnale importante. No, non è una sospensione dei rapporti diplomatici. Ma è pur un segnale importante e per come vanno le cose nel disastrato nostro Paese per nulla scontato. La vice presidente della Regione Elly Schlein, ha dichiarato che intervenendo a nome della Giunta regionale  ha chiesto "di sospendere e rinviare in Commissione la ratifica di un accordo di collaborazione sull'educazione e la formazione professionale tra Regione Emilia-Romagna e il Fondo per lo Sviluppo dell’