Passa ai contenuti principali

169 i prodotti agroalimentari tradizionali del Friuli Venezia Giulia dove la cucina è veramente speciale

Non numeri da record, come la Campania che vanta ben 515 prodotti  agroalimentari tradizionali riconosciuti ufficialmente, ma sicuramente numeri importanti stante anche il fatto che il Friuli Venezia Giulia è una piccola regione. Sono ben 169 i prodotti agroalimentari tradizionali riconosciuti in base all'elenco nazionale dei prodotti agroalimentari tradizionali come previsto dall’articolo 12, comma 1, della legge 12 dicembre 2016, n. 238 Allegato I (di cui all’art. 1 comma 1) .
Ecco l'elenco:

1 Distillato di pere

2 Most

3 Sciroppo di olivello spinoso

4 Sciroppo di piccoli frutti

5 Sciroppo di sambuco

6 Sciroppo di tarassaco

7 Succo di mela

8 Agnello istriano

9 Argjel

10 Bondiola

11 Brusaula

12 Cappone friulano

13 Cicines

14 Coppa di testa

15 Cotto d'oca

16 Crafus

17 Filon

18 Insaccati affumicati

19 Lardo

20 Lingua cotta di Carnia

21 Linguâl

22 Lujànie

23 Marcundela

24 Musetto

25 Ossocollo e culatello affumicati

26 Pancetta arrotolata dolce e affumicata

27 Pancetta arrotolata manicata

28 Pancetta con lonza

29 Pancetta stesa, lardo, guanciale

30 Pestadice

31 Pestat

32 Pitina

33 Petto d'oca affumicato

34 Pindulis

35 Polmonarie

36 Porcaloca

37 Prosciuttino crudo d'oca

38 Prosciutto cotto Praga

39 Prosciutto di Cormons*

40 Prosciutto dolce o affumicato

41 Salam di cueste

42 Salame d'oca

43 Salame friulano

44 Sanganel

45 Sassaka

46 Sbarbot

47 Schulta fumat

48 Sopressa

49 Spalla cotta di Carnia affumicata

50 Speck affumicato

51 Speck d'oca

52 Stinco di Carnia

53 Aceto di mele

54 Osiet

55 Salsa balsamica

56 Caciotta caprina

57 Caprino stagionato

58 Cuincir

59 Formadi frant

60 Formaggio asìno*

61 Formaggio caprino morbido

62 Formaggio di malga*

63 Formaggio fagagna

64 Formaggio salato

65 Formai del cìt

66 Frico

67 Latteria

68 Monte Re

69 Sot la trape

70 Tabor

71 Olio dei Colli Orientali

72 Olio del Carso

73 Ônt (burro fuso di malga)*

74 Aglio di Resia

75 Asparago bianco

76 Asparago verde in agrodolce

77 Blave di Mortean

78 Cavolo broccolo

79 Castagna canalutta

80 Castagna di Mezzomonte

81 Castagna marrone di Vito d'Asio

82 Castagna obiacco

83 Cavolo cappuccio di Collina di Forni Avoltri

84 Ciliegia duracina di Tarcento

85 Cipolla rosa della Val Cosa

86 Craut garp

87 Fagiolo antico di San Quirino

88 Fagioli borlotti di Carnia

89 Fagiolo borlotto di Pesariis

90 Fagiolo cesarins

91 Fagiolo dal santisim

92 Fagiolo dal voglut

93 Fagiolo laurons

94 Fagiolo militons

95 Fagiolo rampicante fiorina

96 Fave di Sauris

97 Fico figo moro

98 Lidrìc cul pòc

99 Mais da polenta

100 Mais bianco Perla friulano

101 Mela zeuka

102 Marrone striato del Landre

103 Patate di Ribis e Godia

104 Patatis cojonariis

105 Pera Pêr Martìn

106 Pesca iris rosso

107 Pesca isontina

108 Pesca triestina

109 Pierçolade

110 Radic di mont

111 Radicchio canarino

112 Radicchio rosa di Sacile

113 Rapa di Verzegnis

114 Ràti

115 Rosa di Gorizia

116 Savors

117 Vellutata di asparago verde

118 Zucchino giallo di Sacile

119 Biscotto esse

120 Biscotto Pordenone

121 Biscotto pevarins

122 Buiadnik

123 Cjalcune

124 Cjalzòns

125 Colaz

126 Favette triestine

127 Gnochi de susini

128 Grissino di Resiutta

129 Gubana

130 Marmellata di mirtilli, fragole, lamponi, mele, prugne, frutti di bosco, menta e mele*

131 Marmellata di olivello spinoso e mele*

132 Pinza triestina

133 Presnitz

134 Putizza

135 Strucchi

136 Strucchi lessi

137 Tiramisù

138 Jota

139 Stak

140 Calamaro di Saccaleva

141 Canocia de nassa

142 Dondolo

143 Matàn

144 Mormora di Miramare

145 Mussolo de scoio

146 Passera coi ovi

147 Pedocio de Trieste

148 Pesce di valle

149 Sardoni in savor

150 Sardoni salati

151 Sievoli soto sal

152 Trota affumicata di San Daniele

153 Miele di acacia del Carso

154 Miele di marasca del Carso

155 Miele di melata di bosco del Carso

156 Miele di tiglio del Carso

157 Miele friulano di acacia

158 Miele friulano di ailanto

159 Miele friulano di amorfa

160 Miele friulano di castagno

161 Miele friulano di melata di abete

162 Miele friulano di rododendro

163 Miele friulano di tarassaco

164 Miele millefiori del Carso

165 Miele millefiori della laguna friulana

166 Miele millefiori della montagna friulana

167 Miele millefiori della pianura friulana

168 Ricotta affumicata di malga

169 Ricotta di capra

* Deroga alle norme igienico sanitarie

A questo importante elenco si deve aggiungere quello delle denominazioni italiane, iscritte nel Registro delle denominazioni di origine protette, delle indicazioni geografiche protette e delle specialità tradizionali garantite. Si segnalano diversi prodotti DOP, come formaggi, prodotti a base di carne, oli e grassi, ortofrutticoli e cereali, prodotti come la Brovada, Montasio, prosciutto san Daniele, prosciutto di Sauris, salamini italiani alla cacciatora, l'olio Tergeste.
Insomma il FVG una regione dove la cucina è veramente speciale.
Marco Barone 
 

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…