Passa ai contenuti principali

Trieste summit Balcani: dal gabbiano perplesso al triestino a petto nudo a Trieste "città friulana"

Il 13 luglio del 1920 una missione nazionalfascista dava fuoco al simbolo del riscatto degli sloveni nella città di Trieste, al Narodni Dom. L'Italia nel corso di quel tempo ha cercato di sopprimere gli slavi del sud, perchè considerati come "razza inferiore" rispetto alla supremazia italiana. Ma tutto questo non ha minimamente sfiorato il summit dei Balcani Occidentali che si è svolto a Trieste.  Figurarsi il contrario. 
Però l'Italia doveva pur creare l'effetto scena, teatro. Ecco spuntare la Palinuro e Francia Italia e Germania si ritrovano a discutere(?) per neanche 20 minuti effettivi del problema immigrazione. Una pacca sulla spalla, quanto siete bravi, amici come prima, ma no se pol. Fallimento. Migliaia di forze dell'ordine che presidiano la città a partire dall'aeroporto di Ronchi ma che ora si chiama Trieste anche se è nella provincia (ex) di Gorizia. Poco importa. Città blindata, turisti scazzati, triestini rassegnati.  Trieste alla ribalta nazionale ed internazionale, si è detto. Ma i principali siti internet nazionali ed internazionali che si occupano di informazione hanno ignorato questo summit o nei migliori dei casi trattato come notizia di poco conto. Per arrivare a qualche perla come "Trieste città friulana", come accaduto al TGLa7. E questo sì che farà incazzare i triestini forse più della zona rossa e dello spritz mancato in centro. Poco importa. Centinaia di telecamere sparse per Trieste, giornalisti da tutto il mondo. Quanti caffè avranno consumato per Trieste? Poco importa. 

Quanto sarà costato questo summit? Poco importa. Tra statue coperte per evitare brutte figure, transenne, bollini, metal dector, cecchini, elicotteri, navi militari, caldo afoso, non ti sfugge certamente un gabbiano perplesso, che non sa se andare oltre le transenne o verso l'Ursus, nel dubbio rimane fermo, immobile, per diversi minuti.
Poi un triestino a petto nudo, si avvicina alle transenne sperando di intravedere qualche leader famoso, ma niente. La distanza è elevata. Ed inconsapevolmente con la punta del piede ha superato la zona rossa. E poi qualche turista sdraiato per terra, non sapendo che rischia una multa per il decoro, ma oggi i vigili hanno altro a cui pensare altro che decoro.

La lotta al degrado può aspettare. E poi quella signora seduta, ad osservare il mare, un mare militarizzato e la giornata tra strette di mano, riti e cerimonie, maledizioni ed imprecazioni a bassa voce, per evitare multe, continua con i triestini che aspettano con ansia di potersi riprendere
il proprio caro centro sperando di non avere più questi inutili summit nella propria città e se proprio li devono fare per citare Trieste, esiste sempre la soluzione fateli su qualche benedetta nave da crociera, magari realizzata proprio a Monfalcone ma con manovalanza bengalese, croata, slovena, rumena, serba ed in via residuale italiana.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

La comunità di Ronchi abbraccia la famiglia di Giulio Regeni

Non esiste altro modo che definire come un grande ed immenso abbraccio quello che si è realizzato nella serata di sabato 11 novembre a Ronchi nella sala della Chiesa di Santa Maria Madre. L'abbraccio alla famiglia di Giulio Regeni, a papà Claudio, alla mamma Paola, alla sorella Irene, ad una famiglia meravigliosa che non ha mai smesso per un solo giorno in questi oltre 21 mesi da quel maledetto 3 febbraio 2016 di battersi per la verità e giustizia per Giulio.

Diciamolo pure, quello che è successo dopo la barbara uccisione di Giulio per mano e volere di chi qualcuno lo vorrebbe ancora come innominabile, è un qualcosa di assolutamente straordinario pur nella drammaticità di questa storia, che è diventata la nostra storia. Da quasi due anni continua a resistere, a crescere, a battere colpi ogni giorno ed essere sempre lì in rete la parola chiave, verità per Giulio. E' in continuo movimento. Internazionale, globale, senza età, Ha raggiunto ogni angolo di questo nostro mondo. Ha p…

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…