Passa ai contenuti principali

Scuola e ferie docenti: dispiace aver fatto cadere la mascella e venire l'ulcera ad una lettrice del Piccolo


Mi dispiace aver fatto cadere la mascella e venire l'ulcera ad una lettrice del Piccolo. Così come non era mio intento offendere(?) profondamente i lavoratori ed i disoccupati, ma ognuno è libero di percepire le cose come vuole. No, non sono un professore. Sono un libero professionista che ogni giorno si interroga sul proprio futuro, perchè noi giovani, anche se oramai forse non più tanto giovani anche se comunque sotto i 40anni, che abbiamo deciso di percorrere una via, con enormi sacrifici,ci siamo formati in un certo modo, siamo stati letteralmente schiaffeggiati da un sistema che continua a maltrattarci, sempre più oneri sempre meno onori e sempre più precari in una situazione sociale ed economica pessima. Non è un mistero che sono migliaia gli avvocati che si son cancellati in tutta Italia dall'albo per le nuove regole, ma il grosso dell'emorragia deve ancora arrivare, questione di qualche anno, quando finiranno le "agevolazioni", sarà un disastro (previsto) con migliaia di migliaia di nuovi disoccupati. Ma, nonostante ciò, ho sempre difeso i lavoratori, tutti, e continuerò a farlo, fino a quando ne avrò la possibilità, a partire da quelli della scuola. Sì, sono trattati in modo indegno rispetto al lavoro che svolgono, concetto che rivendico. Come lei dovrebbe sapere le ferie annuali retribuite sono un diritto sancito dalla Costituzione e regolato dal Codice Civile e dal Dlgs 66/2003 con successive modificazioni, per cui ogni lavoratore ha diritto a fruire di un periodo di ferie non inferiore alle 4 settimane all'anno, o anche di più se previsto dal CCNL di categoria, per esigenze psicofisiche e di salute. Per il personale della scuola queste vengono esercitate per contratto obbligatoriamente durante il periodo della sospensione dell'attività didattica, non hanno altra possibilità. Non si deve dimenticare che circa l'80% se non più del personale scolastico è di sesso femminile, che esiste una questione di lavoro femminile sottovalutata nella scuola quanto nella società e che il loro lavoro non si esaurisce con le ore classiche di didattica frontale ma continua ogni giorno anche a casa( e non è retribuito) nonostante tutte le incombenze che si devono affrontare. Poi se avere una retribuzione adeguata, un contratto dignitoso, viene valutato come un privilegio, è un concetto che rispedisco al mittente. Comunque se non si conosce profondamente il mondo della scuola, comprendo il senso di stupore che possono suscitare alcune considerazioni, da chi vive il tutto dall'esterno, troppo qualunquismo e troppa demagogia martellante nella nostra Italia nel corso degli anni hanno partorito un mostro che si accanisce contro uno dei tasselli più importanti e fragili della nostra società e ci spinge a trasformare i diritti in privilegi e ad accettare come fattore normale situazioni lavorative al ribasso. Ma è un discorso troppo articolato da poter esercitare in sole 30 righe. Rimango a disposizione del nostro giornale per qualsiasi approfondimento che vorrà effettuare e che ringrazio per lo spazio dedicato a tale questione. 
Marco Barone

Note:
Questo il mio intervento Pubblicato sul Piccolo  

Questa la replica della lettrice del Piccolo pubblicata il 26 luglio
Talvolta mi capita di leggere su codesta rubrica alcune segnalazioni che mi fanno cadere la mascella e venire l'ulcera. Una di queste è stata pubblicata venerdì 21 luglio, a firma del sig. Marco Barone, professore, suppongo. Egli, molto concentrato sui diritti più che sui doveri e privilegi della categoria o sulla triste realtà dell'intero mondo del lavoro, ci ha raccontato quanto sia bistrattato il corpo docente della scuola pubblica, gravato da tante responsabilità sociali, con contratto fermo da dieci anni, con stipendi "ridicoli", continui incrementi di responsabilità e carichi di lavoro a costo zero per lo Stato, tormentato dalla "disdicevole" impostazione meritocratica del lavoro, dettata dalla dirigenza. Mi permetto qualche considerazione per tentare di lenire la profonda offesa fatta dal signor Barone a tanti lavoratori e a troppi disoccupati. Tutto ciò che viene lamentato riguarda la maggior parte dei lavoratori con l'aggravio, per chi opera nel privato, di vivere nell'incubo costante di poter perdere il lavoro da un giorno all'altro. Poi ci sono i tanti, anche molto qualificati, che pagherebbero oro per avere un contratto vecchio di dieci anni e per portarsi a casa "stipendi ridicoli" (definizione che ritengo, in questo caso, offensiva, inaccettabile, ributtante!). L'aumento dei carichi di lavoro a costo zero, riguarda tutte le categorie: crisi, malgoverno, demenziale aumento di tasse e burocrazia stanno penalizzando tanti, imponendo stress e ritmi di vita rocamboleschi, non solo senza maggior guadagno ma, spesso, col solo fine di tamponare perdite. Ma arriviamo alla "chicca": il signor Barone protesta contro chi attribuisce agli insegnanti ben due mesi di ferie estive... A parte il fatto che, oltre agli insegnanti, non conosco tanta gente che abbia trenta 30 giorni di ferie estive, sarebbe onesto precisare che ulteriori 30 e più giorni di reperibilità non possono essere equiparati a giornate lavorative: uno può essere reperibile ma andare a Barcola, a passeggiare sul Carso, a fare shopping o starsene comodo a casa a farsi i propri affari, per poi, magari, imprecare quando, raramente, viene disturbato per rientrare un paio di giorni al suo incarico. Ciò è ben diverso dal lavorare. Il signor Barone si è poi scordato di annoverare i vari giorni di interruzione del lavoro degli insegnanti in occasione di Natale, Carnevale, Pasqua, ponti vari, eventuali elezioni... Ah, forse perché questi non sono propriamente "ferie estive". Esorto il signor Barone a leggere su internet quanto dichiarato in merito dal suo più onesto collega professor Enrico Galiano. E a provare a lavorare come libero professionista o come dipendente nel privato: 40 e più ore alla settimana, per almeno 47 settimane all'anno, senza matematica certezza di uno stipendio, di ferie o di continuità di lavoro.Elena Dominicini

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…