Passa ai contenuti principali

Proposta una nuova commissione parlamentare d’inchiesta sul trattamento dell’"italiano" a Bolzano



L'Italia quando ha conquistato, a carissimo prezzo, fette di terra, aggredendo certi e dati territori, alla fine del primo conflitto mondiale ha avviato sin da subito politiche di italianizzazione violenta, così è stato nella Venezia Giulia così è stato a Bolzano, dove il fascismo di confine si è svelato prima che altrove in tutta la sua brutalità. E questi effetti son perdurati nel tempo. Il territorio di Bolzano è enorme, è la seconda provincia più estesa d'Italia ed ancora oggi si registrano diverse provocazioni ed iniziative di carattere neofascista. 
Cosa si legge nella premessa? 
Che "all’interno della provincia autonoma di Bolzano, provincia a caratterizzazione etnica, senza dubbio gli italiani, come dimostrato anche dalle recenti inchieste trasversali del quotidiano tedesco « Dolomiten », dell’Alto-Adige, de « Il fatto », de « La Repubblica » e de « Il Giornale », si sentono alienati e frustrati rispetto alla maggioranza di lingua tedesca, « dolcemente coccolata » dai vari Governi italiani succedutisi negli anni. Gli italiani dell’Alto Adige sono « a disagio », « spaesati », come titola un noto libro di un giornalista locale relativo al « compromesso etnico » nato sessantuno anni fa dall’accordo De Gasperi-Gruber(...)" e dove emerge "la creazione di una minoranza italiana in terra italiana all’interno di una realtà etnica nella quale il gruppo tedesco è pari a circa 300.000 unità e quello italiano supera di poco le 100.000 unità e i mistilingue, fenomeno in grande crescita, non possono essere censiti e, dunque, non sono legalmente riconosciuti.
La politica miope tende a cancellare ogni traccia di identità e di cultura italiane, si favoriscono l’impresa, il commercio, l’artigianato e l’associazionismo tedeschi assistendo alla progressiva sparizione, specie in periferia, della presenza italiana in ogni settore strategico economico con la conseguenza, fin troppo evidente, della cosiddetta Todesmarsch –marcia della morte, della sparizione, dell’assottigliamento della comunità italiana."
Quale lo scopo della proposta di legge? 
"Si intende dunque proporre l’irrimandabile istituzione di una Commissione parlamentare di inchiesta per verificare le motivazioni, le  responsabilità, lo stato e le condizioni della minoranza italiana nella provincia autonoma di Bolzano e della popolazione mistilingue e per definire gli eventuali interventi amministrativi e legislativi necessari per garantire un’assoluta parità di diritti, come peraltro previsto dall’articolo 3 della  Costituzione, tra i componenti delle diverse comunità linguistiche presenti nella provincia autonoma di Bolzano." 
Nello specifico questi sarebbero i compiti della Commissione:
a) verificare l’andamento demografico della minoranza italiana nella provincia autonoma di Bolzano negli ultimi trentanni e indagare sulle cause della sua evoluzione;
b) indagare sulle condizioni di accesso al lavoro dei componenti delle comunità linguistiche nel territorio della provincia autonoma di Bolzano;
c) verificare le condizioni di accesso agli impieghi pubblici dei componenti delle comunità linguistiche nella provincia autonoma di Bolzano e delle nomine ai vertici degli enti pubblici;
d) verificare i criteri di assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica nella provincia autonoma di Bolzano;
e) verificare se le condizioni di accesso alle libere professioni e alle attività di lavoro autonomo in campo industriale, agricolo, artigianale, commerciale e nei servizi siano paritarie tra i componenti delle comunità linguistiche nella provincia autonoma di Bolzano;
f) indagare sull’esistenza di forme di discriminazione diretta o indiretta ai danni della comunità linguistica italiana e se queste configurino una violazione dell’articolo 3 della Costituzione;
g) proporre eventuali correttivi amministrativi e legislativi al fine di garantire l’assoluta parità tra i componenti delle comunità linguistiche nella provincia autonoma di Bolzano.
h) verificare se le commissioni paritetiche dei sei e dei dodici abbiano ancora profilo costituzionale e se le relative norme di attuazione abbiano leso i diritti o assoggettato le comunità linguistiche nella provincia autonoma di Bolzano al potere costituito.
I costi: 
Le spese di funzionamento della Commissione, pari a 50.000 euro, eventualmente incrementabili, in caso di proroga della durata della Commissione ai sensi dell’articolo 2, comma 4, di una somma pari a 20.000 euro, sono poste per metà a carico del bilancio interno della Camera dei deputati e per metà a carico del bilancio interno del Senato della Repubblica.
Ennesimo tentativo, ennesima proposta, situazioni che vanno seguite con attenzione in un contesto generale dove i nazionalismi, piccoli o grandi che siano, ritornano con furore.
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…