Passa ai contenuti principali

Proibire, come le sigarette, i telefonini ai minorenni, sarebbe giusto o meno?

Una volta per avere il tuo primo telefonino, che poi era un cassettone enorme e neanche nuovo dovevi aspettare la maggiore età. Con la maggiore età potevi avere il telefonino, potevi avere la patente, entravi formalmente nel mondo degli adulti e tu eri totalmente responsabile delle tue azioni ed omissioni. Nel giro di pochissimi anni le cose sono state totalmente stravolte. Certo per la patente si deve ancora aspettare la maggiore età, ma per il resto no. Giocattoli a forma di telefonino per i bambini, ma i telefonini veri vengono anche usati dai bambini che imparano in fretta e son anche più bravi degli adulti, ma li usano prevalentemente per giocare, simulare telefonate e cose di questo tipo. Educati inconsapevolmente al possesso di uno strumento a cui poi non potranno rinunciare, perchè nella disponibilità di tutti. Il problema serio si pone con l'adolescenza, con quella che è storicamente da sempre l'età più difficile, dove giochi e chat e video e foto e mondo dei social hanno comportato quel fenomeno bestiale che si chiama cyberbullismo che in italiano sarebbe bullismo in rete, o sfide mortali che si consumano prevalentemente proprio con l'utilizzo di telefonini più che di computer, perchè oramai i telefonini vengono usati più per scrivere, più per "vivere" il mondo dei social, che per telefonare. Una continua trasformazione in itinere, senza controllo. Si delega troppo alle scuole che non possono e non hanno nè mezzi nè risorse per controllare e governare tale fenomeno. Certo, si possono produrre circolari con il divieto di portare i telefonini a scuola, si possono organizzare corsi di formazione e sensibilizzazione,  individuare referenti ecc, ma quello che poi accade oltre le mura scolastiche è un qualcosa di enorme. Una enormità che  sfugge a qualsiasi autocontrollo, processo di educazione e prevenzione. E nelle famiglie non si ha più il tempo e forse neanche la voglia di confrontarsi. I divieti non son mai serviti a nulla, vietato vietare si diceva una volta. I divieti possono essere sempre raggirati. Ma alcuni divieti possono salvare delle vite umane, possono limitare fenomeni incontrollabili, indomabili in un tempo dove le nuove generazioni sono sempre più ciniche e con valori "ideologici" pari a zero. Non tutti, ovviamente,  così come non si deve mai cadere nella banalità della generalizzazione. Ma più volte ho sentito dire ed anche letto che i telefonini possono nuocere gravemente ai "nostri" ragazzi. Gli abbiamo consegnato un mezzo potente, che se non usato con attenzione può divenire altamente distruttivo. Ma cosa significa usarlo con attenzione con quello che accade in una società altamente priva di relazioni sociali reali come la nostra? Dove lo spirito di umanità è andato in latitanza? Invece di regalare libri, si regalano cellulari. La moda è questa . La tecnologia è una necessità imposta ed esiste un business imponente e chi la contrasta rischia una "lapidazione" sistemica rilevante. Ma le mezze misure non hanno mai portato a niente. Ed allora ci si chiede se sarebbe giusto vietare, come le sigarette, l'uso dei telefonini ai minorenni, oppure se ciò non servirebbe assolutamente a niente.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Nova Gorica interrompa i rapporti con Gorizia

Non è la prima volta e non sarà forse neanche l'ultima volta che Gorizia e l'Italia dovranno vivere un sabato nero. Ricevere certi nostalgici è un qualcosa di veramente incomprensibile che continua a trovare spazio e legittimazione in una zona di confine come questa che ha conosciuto più che altrove le barbarie compiute soprattutto contro gli sloveni. Non è un caso che anche Gorizia ha avuto il suo Narodni dom. Il 4 novembre del 1926, sei anni dopo l'incendio del Narodni dom,un manipolo di fascisti, festeggiando la Celebrazione della vittoria, entrarono violentemente nelle sale del Trgovski Dom, gettando in cortile libri, mobili, oggetti, tutto quello che si poteva gettare venne gettato via fino a costituire un mucchio da bruciare. E bruciarono libri, documenti, mobili,oggetti, simboli, bruciarono l'identità slovena, il riscatto sloveno, tra una folla di cittadini che osservava anche applaudendo ed inneggiando Viva l'Italia. E' inaccettabile che nella Repubbli…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…