Passa ai contenuti principali

Proibire, come le sigarette, i telefonini ai minorenni, sarebbe giusto o meno?

Una volta per avere il tuo primo telefonino, che poi era un cassettone enorme e neanche nuovo dovevi aspettare la maggiore età. Con la maggiore età potevi avere il telefonino, potevi avere la patente, entravi formalmente nel mondo degli adulti e tu eri totalmente responsabile delle tue azioni ed omissioni. Nel giro di pochissimi anni le cose sono state totalmente stravolte. Certo per la patente si deve ancora aspettare la maggiore età, ma per il resto no. Giocattoli a forma di telefonino per i bambini, ma i telefonini veri vengono anche usati dai bambini che imparano in fretta e son anche più bravi degli adulti, ma li usano prevalentemente per giocare, simulare telefonate e cose di questo tipo. Educati inconsapevolmente al possesso di uno strumento a cui poi non potranno rinunciare, perchè nella disponibilità di tutti. Il problema serio si pone con l'adolescenza, con quella che è storicamente da sempre l'età più difficile, dove giochi e chat e video e foto e mondo dei social hanno comportato quel fenomeno bestiale che si chiama cyberbullismo che in italiano sarebbe bullismo in rete, o sfide mortali che si consumano prevalentemente proprio con l'utilizzo di telefonini più che di computer, perchè oramai i telefonini vengono usati più per scrivere, più per "vivere" il mondo dei social, che per telefonare. Una continua trasformazione in itinere, senza controllo. Si delega troppo alle scuole che non possono e non hanno nè mezzi nè risorse per controllare e governare tale fenomeno. Certo, si possono produrre circolari con il divieto di portare i telefonini a scuola, si possono organizzare corsi di formazione e sensibilizzazione,  individuare referenti ecc, ma quello che poi accade oltre le mura scolastiche è un qualcosa di enorme. Una enormità che  sfugge a qualsiasi autocontrollo, processo di educazione e prevenzione. E nelle famiglie non si ha più il tempo e forse neanche la voglia di confrontarsi. I divieti non son mai serviti a nulla, vietato vietare si diceva una volta. I divieti possono essere sempre raggirati. Ma alcuni divieti possono salvare delle vite umane, possono limitare fenomeni incontrollabili, indomabili in un tempo dove le nuove generazioni sono sempre più ciniche e con valori "ideologici" pari a zero. Non tutti, ovviamente,  così come non si deve mai cadere nella banalità della generalizzazione. Ma più volte ho sentito dire ed anche letto che i telefonini possono nuocere gravemente ai "nostri" ragazzi. Gli abbiamo consegnato un mezzo potente, che se non usato con attenzione può divenire altamente distruttivo. Ma cosa significa usarlo con attenzione con quello che accade in una società altamente priva di relazioni sociali reali come la nostra? Dove lo spirito di umanità è andato in latitanza? Invece di regalare libri, si regalano cellulari. La moda è questa . La tecnologia è una necessità imposta ed esiste un business imponente e chi la contrasta rischia una "lapidazione" sistemica rilevante. Ma le mezze misure non hanno mai portato a niente. Ed allora ci si chiede se sarebbe giusto vietare, come le sigarette, l'uso dei telefonini ai minorenni, oppure se ciò non servirebbe assolutamente a niente.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…