Passa ai contenuti principali

Monfalcone e razzismo contro un cingalese: "Che cojoni 'sti bacoli di merda i se anca qua!"




 
I casi di razzismo sono in aumento, ma in aumento sono anche le segnalazioni, le denunce, il muro non tanto dell'indifferenza, che ahimè esiste, ma quello del timore o della fatica di prendere carta e penna od una tastiera per denunciare crolla. Un segnale in tal senso è emerso con forza con la nota lettera pubblicata sul Piccolo di Trieste che ho ripreso sia sul blog che su facebook. La tematica del razzismo è importante, e colpisce quando accade in una città che si considera aperta come Trieste e quando viene colpito lo sloveno, che nel corso della storia ha subito da queste parti una mera operazione di "bonifica etnica".
Non si tratta di casi isolati, come alcuni commenti hanno sottolineato, " e comunque ne ho sentite altre di questo genere, non è il solo caso" e vi è chi ha ricordato anche il  proprio passato "Mi ricordo e mi rattristo ancora ...ho avuto una simile (peggiore) esperienza quando ero alle superiori. Due ragazze e tutto l'autobus contro... siamo dovute scendere noi per sicurezza" chi evidenzia il fatto che se in Slovenia non parlano italiano si rimane infastiditi "Sarebbe bello vedere quanti triestini che vanno a mangiare in Slovenia parlano Sloveno! Invece, purtroppo, succede anche che si incazzano perché il cameriere non parla italiano!" e chi ha denunciato su Facebook un becero episodio di razzismo che si è consumato a Monfalcone contro un ragazzo cingalese.

"Stamattina ero davanti l'atrio dell'ospedale. Alla mia sinistra un giovane cingalese (o giù di lì) appartato, stava tranquillamente telefonando (...) ad un tratto arriva un signore bisiacco in bicicletta che entra in zona pedonale (fino all'entrata dell'ospedale) in sella... sarà stato sulla cinquantina.  Mentre scende dalla sua bicicletta che appoggia al muro davanti all'ingresso dove sono ben visibili i cartelli "Vietato appoggiare le biciclette" - via di fuga sbotta ad alta voce: "Che cojoni 'sti bacoli di merda (guardando verso il ragazzo) i se anca qua!".

Storie di ordinario razzismo, che spesso rimangono nascoste, che procurano una immane sofferenza a chi li subisce e spesso determinano un mero senso di incredulità a chi assiste a tale squallore. Storie di ordinario razzismo che si realizzano frequentemente nei confronti di esseri umani, di persone la cui unica colpa è quella di avere la pelle di un colore diverso, di parlare una lingua diversa, o di non appartenere alla inesistente "razza italica" che qualcuno vorrebbe probabilmente riproporre insieme a tutte quelle schifezze disumane che hanno caratterizzato per oltre due decenni l'Italia e questo difficile e da sempre multiculturale territorio. Storie di ordinario razzismo che vanno denunciate, sempre e devono essere conosciute perchè nessuno possa dire di non sapere quello che accade.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto