Passa ai contenuti principali

In Siria è guerra totale: spalancate le porte ai profughi




Nessuno saprà mai come è andata realmente, complotto o non complotto, trappolone o meno, l'unica cosa certa è che ancora una volta innocenti sono stati uccisi, con armi convenzionali o meno. Così come impressionate è la cabina di regia unica che ha determinato le reazioni contro la Siria e la Russia,  non si è dato il tempo di appurare il reale accadimento dei fatti, le responsabilità effettive, ed ecco che hanno dato il via libera all'aggressione  unilaterale americana, con missili, che hanno colpito una base militare siriana. In Siria è guerra totale. Già tra il Libano e la Turchia vi sono milioni di rifugiati, e solo una piccola manciata è giunta nel Vecchio Continente. Che è imploso con una non emergenza creata ad hoc, che aveva ed ha lo scopo di mettere letteralmente in discussione il progetto di una Europa Unita nella sua diversità, senza confini e frontiere. Ed infatti son ritornati inutili e ridicoli ma anche pericolosi muri, anti-migranti, ma in realtà con lo scopo di minare l'Unione Europea, complice di una politica diabolica, masochista ed irrazionale, artefice della propria morte. Ritornano controlli tra la Slovenia e la Croazia, ridicoli, inutili. Ed i Paesi che per decenni ci hanno raccontato quanto sono meravigliosi i principi di libertà, uguaglianza e fratellanza, trattano i migranti, i richiedenti asilo, come criminali, come piccioni a cui non si deve dare cibo, come bestie da isolare e ghettizzare nella loro sofferenza, nel loro dolore. In Siria la guerra è totale. L'Europa che paga la Turchia per non essere turbata, che promuove accordi con la Libia, che continua a produrre armi che giungono nelle zone di guerra, ora verrà messa seriamente a dura prova. Si devono non aprire ma spalancare le porte ai profughi che fuggono da zone di guerra come la Siria. Si devono creare subito corridoi umanitari, ed anche gli USA oltre alla Russia che ci hanno messo del loro, come sempre, devono accogliere chi fugge da un conflitto in cui hanno anche delle non più celate responsabilità. Abbiamo rinnegato la nostra memoria, la nostra storia. Penso ad esempio, guardando alla nostra piccolissima sfera particolare, quella nella quale viviamo, che vi sono Comuni che non accolgono neanche un richiedente asilo. Terre orgogliose del contributo conferito, anche a caro prezzo, nella resistenza, terre dove si raccontano tragedie e drammi, profuganza e sofferenze, ma anche diversi episodi di accoglienza riuscita durante sia la prima che seconda guerra mondiale ed anche successivamente.

E dove è finito tutto questo spirito di accoglienza? Incendiato dal furore dell'egoismo? Dalla paura dello straniero, che in realtà altro non è che una forma velata di razzismo? L'accoglienza umanitaria è un diritto, un dovere ma anche una opportunità. Ed io voglio confidare soprattutto che la nostra regione, che continua a lagnarsi di cali demografici, di popolazione con età elevata, possa comprendere che l'accoglienza è una risorsa su tutti i fronti, nella società dove siamo oltre 7 miliardi,  e che non necessita certamente di stupidi piani di natalità. Piccola fetta di terra tendente all'essere multiculturale, anche se i segnali odierni sono di una deprimente chiusura, che può essere da esempio per tutti, cosa che ad oggi non è accaduta.
L'occasione è alle porte, e spalanchiamole queste porte a partire a favore di coloro che fuggono dalla Siria, che è attualmente il terreno dello scontro perfetto tra le principali potenze militari mondiali. Ed i civili non hanno colpa alcuna, responsabilità alcuna. Aiutiamoli.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …