Passa ai contenuti principali

In Siria è guerra totale: spalancate le porte ai profughi




Nessuno saprà mai come è andata realmente, complotto o non complotto, trappolone o meno, l'unica cosa certa è che ancora una volta innocenti sono stati uccisi, con armi convenzionali o meno. Così come impressionate è la cabina di regia unica che ha determinato le reazioni contro la Siria e la Russia,  non si è dato il tempo di appurare il reale accadimento dei fatti, le responsabilità effettive, ed ecco che hanno dato il via libera all'aggressione  unilaterale americana, con missili, che hanno colpito una base militare siriana. In Siria è guerra totale. Già tra il Libano e la Turchia vi sono milioni di rifugiati, e solo una piccola manciata è giunta nel Vecchio Continente. Che è imploso con una non emergenza creata ad hoc, che aveva ed ha lo scopo di mettere letteralmente in discussione il progetto di una Europa Unita nella sua diversità, senza confini e frontiere. Ed infatti son ritornati inutili e ridicoli ma anche pericolosi muri, anti-migranti, ma in realtà con lo scopo di minare l'Unione Europea, complice di una politica diabolica, masochista ed irrazionale, artefice della propria morte. Ritornano controlli tra la Slovenia e la Croazia, ridicoli, inutili. Ed i Paesi che per decenni ci hanno raccontato quanto sono meravigliosi i principi di libertà, uguaglianza e fratellanza, trattano i migranti, i richiedenti asilo, come criminali, come piccioni a cui non si deve dare cibo, come bestie da isolare e ghettizzare nella loro sofferenza, nel loro dolore. In Siria la guerra è totale. L'Europa che paga la Turchia per non essere turbata, che promuove accordi con la Libia, che continua a produrre armi che giungono nelle zone di guerra, ora verrà messa seriamente a dura prova. Si devono non aprire ma spalancare le porte ai profughi che fuggono da zone di guerra come la Siria. Si devono creare subito corridoi umanitari, ed anche gli USA oltre alla Russia che ci hanno messo del loro, come sempre, devono accogliere chi fugge da un conflitto in cui hanno anche delle non più celate responsabilità. Abbiamo rinnegato la nostra memoria, la nostra storia. Penso ad esempio, guardando alla nostra piccolissima sfera particolare, quella nella quale viviamo, che vi sono Comuni che non accolgono neanche un richiedente asilo. Terre orgogliose del contributo conferito, anche a caro prezzo, nella resistenza, terre dove si raccontano tragedie e drammi, profuganza e sofferenze, ma anche diversi episodi di accoglienza riuscita durante sia la prima che seconda guerra mondiale ed anche successivamente.

E dove è finito tutto questo spirito di accoglienza? Incendiato dal furore dell'egoismo? Dalla paura dello straniero, che in realtà altro non è che una forma velata di razzismo? L'accoglienza umanitaria è un diritto, un dovere ma anche una opportunità. Ed io voglio confidare soprattutto che la nostra regione, che continua a lagnarsi di cali demografici, di popolazione con età elevata, possa comprendere che l'accoglienza è una risorsa su tutti i fronti, nella società dove siamo oltre 7 miliardi,  e che non necessita certamente di stupidi piani di natalità. Piccola fetta di terra tendente all'essere multiculturale, anche se i segnali odierni sono di una deprimente chiusura, che può essere da esempio per tutti, cosa che ad oggi non è accaduta.
L'occasione è alle porte, e spalanchiamole queste porte a partire a favore di coloro che fuggono dalla Siria, che è attualmente il terreno dello scontro perfetto tra le principali potenze militari mondiali. Ed i civili non hanno colpa alcuna, responsabilità alcuna. Aiutiamoli.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Non insegnare lo sloveno significa negare le radici slave del FVG

Numeri. Quantificazione. Dimmi quanto siete e ti dirò quanti diritti puoi avere. Dimmi chi sei e ti dirò che diritto potrai avere. Stiamo letteralmente dando i numeri ultimamente contro gli amici sloveni. Purtroppo qualche giapponese nella giungla in Friuli Venezia Giulia vi è ancora. Pensano di essere ancora ai tempi della guerra fredda o forse del fascismo dove tutto ciò che non era italiano andava annichilito, in particolar modo se era slavo. Concetti che già emergevano ai tempi della Carta del Carnaro dannunziana. La quale in modo fittizio tutelava le minoranze. Nel testo di quella carta emergeva che "nella terra di specie latina, nella terra smossa dal vomere latino, l’altra stirpe sarà foggiata o prima o poi dallo spirito creatore della latinità". E la soccombenza è avvenuta,come ben sappiamo con il fascismo, con i processi di italianizzazione forzata. Qualche nostalgico ancora oggi lotta contro il bilinguismo. I nazionalismi non appartengono più a questa epoca, vi è …

Celebrazione di D'Annunzio e Fiume, risponde l'Ambasciata croata: Basta celebrazioni ci attiveremo

Il cinque settembre, come è noto, avevo scritto una lettera all'Ambasciata della Repubblica di Croazia con sede in Roma in merito a quanto puntualmente ogni anno avviene in Monfalcone. Si celebra l'occupazione militare di Fiume ed un poeta razzista nei confronti dei croati quale D'Annunzio. Mi ero sempre chiesto ma perchè la Repubblica di Croazia tace? Probabilmente perchè non era a conoscenza di quanto accade in Italia? Per tagliare la testa al toro ho scritto la lettera di cui in premessa e mi ha risposto gentilmente ed in tempi anche rapidi il Ministro Plenipotenziario dell'Ambasciata della Repubblica di Croazia Mladenka Šarac-Rončević.


Questo il testo della sua risposta, come si potrà vedere chiaro, conciso:


"Ringraziamo della Sua mail del 5 settembre 2017. Condividiamo la Sua opinione che simili anniversari danneggiano l'atmosfera dei rapporti amichevoli tra i nostri due paesi e che celebrarli incita sentimenti nazionalistici. L'Ambasciata della …

A Gorizia migranti abbandonati in mezzo alla strada. Appello del volontariato: servono coperte,cibo,vestiti

Gorizia è una città che non vuole installazioni artistiche che dovrebbero rappresentare muri, perchè a dirla tutta di muri forse ne hanno già tanti in questa piccola città estrema e periferica d'Italia e dimenticata dall'Italia. E quello visibile contro i migranti fuori convenzione, cioè che non rientrano all'interno di certi e dati parametri numerici, che quindi rimangono letteralmente nel bel mezzo della strada, è diventato da anni l'assoluta normalità. Una vergogna indicibile. Altro che Gorizia umanitaria e solidale. Menzogne. Ovviamente non è questo il motivo che ha determinato in città la morte precoce di una mostra artistica. Sbatterti in faccia la realtà può essere un qualcosa di indigeribile. Una indigestione che la politica dell'apparenza deve perseguire. Così come a Gorizia continua a muoversi la macchina del volontariato. Variegato. Esistono diverse realtà. Diverse situazioni.  Da segnalare l'appello della comunità di volontariato indipendente L'…