Passa ai contenuti principali

In Siria è guerra totale: spalancate le porte ai profughi




Nessuno saprà mai come è andata realmente, complotto o non complotto, trappolone o meno, l'unica cosa certa è che ancora una volta innocenti sono stati uccisi, con armi convenzionali o meno. Così come impressionate è la cabina di regia unica che ha determinato le reazioni contro la Siria e la Russia,  non si è dato il tempo di appurare il reale accadimento dei fatti, le responsabilità effettive, ed ecco che hanno dato il via libera all'aggressione  unilaterale americana, con missili, che hanno colpito una base militare siriana. In Siria è guerra totale. Già tra il Libano e la Turchia vi sono milioni di rifugiati, e solo una piccola manciata è giunta nel Vecchio Continente. Che è imploso con una non emergenza creata ad hoc, che aveva ed ha lo scopo di mettere letteralmente in discussione il progetto di una Europa Unita nella sua diversità, senza confini e frontiere. Ed infatti son ritornati inutili e ridicoli ma anche pericolosi muri, anti-migranti, ma in realtà con lo scopo di minare l'Unione Europea, complice di una politica diabolica, masochista ed irrazionale, artefice della propria morte. Ritornano controlli tra la Slovenia e la Croazia, ridicoli, inutili. Ed i Paesi che per decenni ci hanno raccontato quanto sono meravigliosi i principi di libertà, uguaglianza e fratellanza, trattano i migranti, i richiedenti asilo, come criminali, come piccioni a cui non si deve dare cibo, come bestie da isolare e ghettizzare nella loro sofferenza, nel loro dolore. In Siria la guerra è totale. L'Europa che paga la Turchia per non essere turbata, che promuove accordi con la Libia, che continua a produrre armi che giungono nelle zone di guerra, ora verrà messa seriamente a dura prova. Si devono non aprire ma spalancare le porte ai profughi che fuggono da zone di guerra come la Siria. Si devono creare subito corridoi umanitari, ed anche gli USA oltre alla Russia che ci hanno messo del loro, come sempre, devono accogliere chi fugge da un conflitto in cui hanno anche delle non più celate responsabilità. Abbiamo rinnegato la nostra memoria, la nostra storia. Penso ad esempio, guardando alla nostra piccolissima sfera particolare, quella nella quale viviamo, che vi sono Comuni che non accolgono neanche un richiedente asilo. Terre orgogliose del contributo conferito, anche a caro prezzo, nella resistenza, terre dove si raccontano tragedie e drammi, profuganza e sofferenze, ma anche diversi episodi di accoglienza riuscita durante sia la prima che seconda guerra mondiale ed anche successivamente.

E dove è finito tutto questo spirito di accoglienza? Incendiato dal furore dell'egoismo? Dalla paura dello straniero, che in realtà altro non è che una forma velata di razzismo? L'accoglienza umanitaria è un diritto, un dovere ma anche una opportunità. Ed io voglio confidare soprattutto che la nostra regione, che continua a lagnarsi di cali demografici, di popolazione con età elevata, possa comprendere che l'accoglienza è una risorsa su tutti i fronti, nella società dove siamo oltre 7 miliardi,  e che non necessita certamente di stupidi piani di natalità. Piccola fetta di terra tendente all'essere multiculturale, anche se i segnali odierni sono di una deprimente chiusura, che può essere da esempio per tutti, cosa che ad oggi non è accaduta.
L'occasione è alle porte, e spalanchiamole queste porte a partire a favore di coloro che fuggono dalla Siria, che è attualmente il terreno dello scontro perfetto tra le principali potenze militari mondiali. Ed i civili non hanno colpa alcuna, responsabilità alcuna. Aiutiamoli.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

I 220 passi della vergogna d'Italia, la galleria Bombi di Gorizia,non verranno dimenticati

Prima di svoltare l'angolo ed addentrarti nella magnifica cornice che è quella di Piazza Vittoria, leggi una targa che riporta una frase in ricordo della visita di Giovanni Paolo II "Gorizia, situata all’incrocio di correnti di pensiero, di attività e di molteplici iniziative, sembra rivestire una singolare missione, quella di essere la porta d’Italia che pone comunicazione il mondo latino con quello slavo: porta aperta sull’Est europeo e sull’Europa centrale”.
Sembra rivestire.  Appunto. Sembra.
Alle tue spalle la Prefettura, e poi segui quelle persone con la felpa ed il cappuccio entrare dentro la galleria Bombi che dovrebbe unire Gorizia, ma non è così. Però prima di entrare dentro quel luogo buio, umido, una seconda targa coglie la tua attenzione.
Si legge che " stelle è un progetto di raccolta di segni, presenze e storie per comprendere e raccontare la condizione della moltitudine di persone in viaggio lungo la Balkan Route". Segni e presenze che nella g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…