Passa ai contenuti principali

In Siria è guerra totale: spalancate le porte ai profughi




Nessuno saprà mai come è andata realmente, complotto o non complotto, trappolone o meno, l'unica cosa certa è che ancora una volta innocenti sono stati uccisi, con armi convenzionali o meno. Così come impressionate è la cabina di regia unica che ha determinato le reazioni contro la Siria e la Russia,  non si è dato il tempo di appurare il reale accadimento dei fatti, le responsabilità effettive, ed ecco che hanno dato il via libera all'aggressione  unilaterale americana, con missili, che hanno colpito una base militare siriana. In Siria è guerra totale. Già tra il Libano e la Turchia vi sono milioni di rifugiati, e solo una piccola manciata è giunta nel Vecchio Continente. Che è imploso con una non emergenza creata ad hoc, che aveva ed ha lo scopo di mettere letteralmente in discussione il progetto di una Europa Unita nella sua diversità, senza confini e frontiere. Ed infatti son ritornati inutili e ridicoli ma anche pericolosi muri, anti-migranti, ma in realtà con lo scopo di minare l'Unione Europea, complice di una politica diabolica, masochista ed irrazionale, artefice della propria morte. Ritornano controlli tra la Slovenia e la Croazia, ridicoli, inutili. Ed i Paesi che per decenni ci hanno raccontato quanto sono meravigliosi i principi di libertà, uguaglianza e fratellanza, trattano i migranti, i richiedenti asilo, come criminali, come piccioni a cui non si deve dare cibo, come bestie da isolare e ghettizzare nella loro sofferenza, nel loro dolore. In Siria la guerra è totale. L'Europa che paga la Turchia per non essere turbata, che promuove accordi con la Libia, che continua a produrre armi che giungono nelle zone di guerra, ora verrà messa seriamente a dura prova. Si devono non aprire ma spalancare le porte ai profughi che fuggono da zone di guerra come la Siria. Si devono creare subito corridoi umanitari, ed anche gli USA oltre alla Russia che ci hanno messo del loro, come sempre, devono accogliere chi fugge da un conflitto in cui hanno anche delle non più celate responsabilità. Abbiamo rinnegato la nostra memoria, la nostra storia. Penso ad esempio, guardando alla nostra piccolissima sfera particolare, quella nella quale viviamo, che vi sono Comuni che non accolgono neanche un richiedente asilo. Terre orgogliose del contributo conferito, anche a caro prezzo, nella resistenza, terre dove si raccontano tragedie e drammi, profuganza e sofferenze, ma anche diversi episodi di accoglienza riuscita durante sia la prima che seconda guerra mondiale ed anche successivamente.

E dove è finito tutto questo spirito di accoglienza? Incendiato dal furore dell'egoismo? Dalla paura dello straniero, che in realtà altro non è che una forma velata di razzismo? L'accoglienza umanitaria è un diritto, un dovere ma anche una opportunità. Ed io voglio confidare soprattutto che la nostra regione, che continua a lagnarsi di cali demografici, di popolazione con età elevata, possa comprendere che l'accoglienza è una risorsa su tutti i fronti, nella società dove siamo oltre 7 miliardi,  e che non necessita certamente di stupidi piani di natalità. Piccola fetta di terra tendente all'essere multiculturale, anche se i segnali odierni sono di una deprimente chiusura, che può essere da esempio per tutti, cosa che ad oggi non è accaduta.
L'occasione è alle porte, e spalanchiamole queste porte a partire a favore di coloro che fuggono dalla Siria, che è attualmente il terreno dello scontro perfetto tra le principali potenze militari mondiali. Ed i civili non hanno colpa alcuna, responsabilità alcuna. Aiutiamoli.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Passo dopo passo il Nord è conquistato da chi vuole "l'indipendenza della Padania"

Ciò che non è entrato dalla porta principale, entra, anno dopo anno, passo dopo passo, in modo sistematico, con estrema pazienza ed intelligenza politica, dalle finestre che connotano la casa del Nord. Un Nord che è uscito con le ossa fratturate dalla crisi del 2007, divenuto isola felice per le mafie, per la corruzione, ma che ha continuato ad essere rispetto al Sud sempre il locomotore dell'Italia, Paese che sta all'Europa come il Sud Italia sta al Nord Italia. Ed il Nord non ci sta più. Pensiamo al Friuli Venezia Giulia, dove cortocircuiti storici sono anche visibili. Ovunque piazze dedicate all'Unità d'Italia che qui non poteva essere festeggiata perchè quando questa raggiunta non era mica contemplata l'Italia, ma si era in gran parte in quello che veniva definito come l'Impero felice a cui è stata anche dedicata una piazza e si continuano a dedicare statue o celebrarne i fasti nobiliari. E poi sarà in prima linea su due fronti di guerra catastrofici, la …

Quel grave gesto di farsi fotografare alla tomba di Giulio Regeni. Violato il rispetto

Ci sono tombe diventate luoghi cult come quella di Jim Morrison, Oscar Wilde, che le guide turistiche non possono non indicare perchè è così che va il mondo. Ci sono tombe che sono espressione della grandezza storica di certi e dati eventi, come quelle dei partigiani, tutti luoghi dove farsi fotografare è legittimo. E poi ci sono luoghi dove dovrebbe governare l'assoluto buon senso e senso del rispetto. Siamo oramai entrati nel pieno del terzo anno dalla scomparsa di Giulio, tre anni di atroci e durissime lotte da parte della famiglia prima di tutto, tre anni alla ricerca continua e costante di quella verità per Giulio che è stata negata, compromessa, a colpi di effetti teatrali, menzogne, depistaggi, con l'aggravante di chi ha rappresentato l'Italia di effettivamente chinarsi ed arrendersi al torto di stato del compromesso. Se nel corso di questi anni praticamente non è mai circolata la foto della tomba di Giulio, qualcuno si sarà posto un minimo perchè? Già la famiglia …

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…