Passa ai contenuti principali

Dopo l'attentato di San Pietroburgo la reazione nella rete è soft


 
Io non so tacere quando in me è il cuore a parlare. Così scrisse  Fëdor Dostoevskij,  e nella sua San Pietroburgo  esiste il Museo letterario memoriale a lui dedicato. Ma questa meravigliosa città della Russia, che nel prossimo futuro ospiterà la sede della Gazprom ed è tra le 25 città più consigliate da visitare nel mondo, nel centenario della rivoluzione russa, ha conosciuto un tremendo atto di terrore, che come sempre si scaglia contro i civili. Chiunque sia stato ha colpito nel cuore della Russia, ha sfidato il potente ed odiato presidente Putin nel momento in cui in quella città stava incontrando il capo di stato bielorusso Alexandr Lukashenko. Nulla è casuale. Ma è sempre interessante monitorare le reazioni, anche emotive che si registrano in rete. Contrariamente ad altri atti terroristici, la reazione della maggioranza degli utenti in Italia è quella di condividere la notizia dell'attentato, o dire che in Russia è accaduto l'attentato, senza aggiungere commenti o considerazioni e senza quel mantra che ora sarebbe io sono San Pietroburgo, almeno in Italia. E San Pietroburgo risulta essere il primo trend su twitter dopo uomini e donne. Giusto per capire in che situazione ci troviamo.
 
Invece, in diverse parti del mondo un messaggio di solidarietà univoco ha iniziato a prendere piede. Il tutto si pone in linea nel nostro non imparziale Paese con l'assenza,salvo qualche caso, di dirette e sorte di maratone televisive che per altri fatti similari, invece, vi sono state.

I motivi possono essere di varia natura, vuoi per la poca simpatia che si nutre complessivamente nei confronti di Putin, vuoi per l'antipatia mai tramontata verso la Russia, vuoi perchè siamo un feudo USA. Distorsioni proprie di un Paese come il nostro che non devono stupire e che hanno profonde ragioni culturali, e soprattutto politiche.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Gorizia si vuole chiudere la Commissione Territoriale? Bene. Allora chiudiamo anche Prefettura,Questura e Tribunale

Le Commissioni Territoriali sono gli organi deputati all’esame delle domande di protezione internazionale ed ospitare una simile struttura dovrebbe essere un grande onore vista la delicatezza e l'importanza delle questioni che tende ad affrontare. Ma a Gorizia non è così. E' stata percepita come un fastidio e dunque depotenziata. E' ovvio che se una città ospita una simile struttura vedrà una maggiore concentrazione di richiedenti asilo. Non è che scelgono Gorizia perchè è come Londra, Parigi o Berlino, visto che Gorizia non è neanche l'ombra di queste capitali. Ma per necessità. Una città che non si è mai strutturata per gestire tale situazione dove l'omissione di soccorso nei confronti dei migranti è diventata la normalità, dove si è abusato del sistema del volontariato. La politica dell'accoglienza diffusa è clamorosamente fallita nell'Isontino, anche per deboli ed inconsistenti politiche provinciali in materia ed anche regionali.  Eppure quella dell…