Passa ai contenuti principali

Se la BBC, dopo i fatti di Londra, non considera le reazioni della stampa italiana



La BBC, insieme alla CNN ed Al Jazeera è certamente tra i colossi più importanti dell'informazione nel panorama Occidentale. E' stato pubblicato sul suo sito   un breve pezzo dove si analizzano succintamente le reazioni come emerse sulla stampa di alcuni Paesi europei, e non solo, e la cosa che balza immediatamente all'occhio è che la stampa italiana non viene minimamente citata, anzi, è proprio ignorata. Si parlerà di quella belga, francese, tedesca, russa, di diversi Paesi arabi, di quella della Romania, perchè alcune delle persone coinvolte erano originarie della Romania. Si evidenzia, con tono critico, il fatto che anche se l'attentatore ancora non era stato identificato, come molti giornali europei " si sono affrettati ad incolpare l'estremismo islamico".
Sicuramente una differenza effettiva vi è stata tra la reazione della stampa italiana e quella inglese, già alle prime ore di quel drammatico ed assurdo fatto, accaduto nel cuore di Londra. Gli inglesi, salvo qualche rara eccezione, erano più cauti, gli italiani, no, ma la reazione emersa sulla stampa italiana non si discostava molto da quella emersa su altri giornali europei, solo che non è stata citata. Su ciò si dovrebbe riflettere. Si dovrebbe riflettere sul comportamento di alcuni giornali europei, che oltre a spettacolarizzare i drammi, per esempio pubblicando foto delle vittime con viso riconoscibile, sembravano quasi fare il tifo perchè l'evento come accaduto potesse essere effettivamente di matrice terrorista ed islamista. Quando oramai è evidente a tutti che è in corso un chiaro cambio di regia su come gestire a livello di informazione questi fatti. Cautela. 

Cautela per non fomentare odio ed intolleranza che ha favorito a dismisura i nazionalismi ed indebolito una Europa già in precarie condizioni. Così come emerge sempre di più la consapevolezza che siamo probabilmente alle ultime battute di un terrorismo misterioso, bastardo, in chiara difficoltà, che continua a colpire innocenti. E molti si chiedono ma dopo al Qaida, dopo l'Isis, che cavolo arriverà? L'unica cosa certa in tutto ciò è che ci vanno di mezzo persone civili che non hanno alcuna colpa se non quella di trovarsi nel momento sbagliato, nel luogo sbagliato, ma questo non potevano saperlo. Insomma, abbiamo molto da imparare, ancora una volta, da questi fatti, e dalle reazioni conseguenti. Ma in Italia se mai dovesse verificarsi un fatto similare a quello di Londra, o di altri Paesi interessati da questo maledetto fenomeno, da questi atti criminali e disumani, sono più che certo che si affermerà una reazione di una bestialità unica, ed estremamente pericolosa, perchè noi non siamo un Paese civile, non siamo un Paese che ha gli anticorpi verso fenomeni di intolleranza ed odio razziale, siamo un Paese dove il disprezzo e l'odio è diffuso per le strade più che mai, e non aspetta altro che il momento giusto per rompere le righe e compiere disastri. E di ciò se ne deve essere consapevoli perchè il mito dell'italiano "brava gente", ha distorto e manipolato in modo pessimo la realtà effettiva delle cose.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …