Passa ai contenuti principali

La Carta di Roma? Un documento privo di autocritica e si persiste sugli errori dell’Europa. Così non va


Una dichiarazione simbolica, sottoscritta da 27 leader, così si legge in premessa, dei vari stati membri delle istituzioni dell’UE. E si dice subito che sono orgogliosi dei risultati raggiunti dall’Unione Europea. Le fondamenta dell’attuale Unione Europea sono quelle del mercato, dell’economia, sulla circolazione delle merci, solo successivamente si sono affermati importanti diritti umani, o situazioni finalizzate a garantire la libera circolazione delle persone, a partire dalla demolizione delle frontiere. Ma scrivere in premessa di essere orgogliosi dei risultati raggiunti, significa auto-celebrarsi, senza capire che le politiche governative degli ultimi decenni hanno portato l’Europa nella situazione disastrosa nella quale noi tutti ci troviamo, Grecia docet ed Italia pure. Europa nata dalle macerie della seconda guerra mondiale, che ha conosciuto conflitti importanti, come quello devastante della Jugoslavia, d’altronde non poteva esistere una Jugoslavia socialista forte alle porte della nascente Europa. Questo è certo. Settanta righe, tre pagine e quattro punti che caratterizzano una dichiarazione masochista politicamente.  
La prima voce è la sicurezza, protezione delle frontiere esterne, e contrasto al terrorismo e criminalità organizzata. Voce della sicurezza che rientra anche nel quarto punto. Si insiste sul liberismo, che all’interno di una globalizzazione sfrenata ha letteralmente massacrato le economie dei Paesi dell’Europa del sud e colpito duramente i diritti dei lavoratori e fomentato diseguaglianze pazzesche. D’altronde non si parla mai di redistribuzione delle ricchezze, troppo a sinistra come concetto. L’Europa che dicono costoro di volere non è tanto più quella delle diversità, motto storico dell’Europa, unita nelle diversità, ma di omologazione nel mercato interno unico, di unità, di crescita sostenibile, di progresso economico e sociale. Per non parlare del fatto che si persiste a mantenere impegni con l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico, di cui ancora oggi si fatica a comprendere il senso della sua esistenza, salvo che per giustificare spese militari, o guerre per esportare la democrazia, rivelatesi totalmente fallimentari e disastrose a livello umanitario. Guerra non fa rima con diritti umani. Non si tratta di una occasione mancata, perché le politiche che caratterizzano i principali Paesi membri della UE sono fermi su questa linea. L’Unione Europea è un bene da salvaguardare, ma la sua salvezza passa dal rovesciamento della situazione attuale. Serve una Europa che sappia dare priorità assoluta ai diritti umani, con politiche importanti a favore dei diritti dei lavoratori, con politiche forti finalizzate a determinare una giusta redistribuzione delle ricchezze, con un graduale superamento degli Stati favorendo una nuova Europa geopolitica con le macro regioni. Se così non sarà,  non lamentiamoci se i nazionalismi, e gli zombi nazionalisti, cioè coloro che incarnano lo spirito obsoleto di un nazionalismo morto e sepolto e riportato cameratescamente in vita, possano avere la meglio e condurci in un nuovo periodo buio, favorito dalle politiche sballate di questa Europa che non piace più a nessuno, salvo a chi si auto-celebra nelle proprie errate convinzioni e nella inutilità di un salotto accessibile solo ad una élite che non rappresenta più nessuno. La dichiarazione di Roma è la conferma della distanza profonda e dolorosa che esiste tra i vertici del potere e la base della società.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …