Passa ai contenuti principali

Davide e Claudio finalmente "sposi" a Trieste, prima unione civile nella sala "Tergeste" ex matrimoni



Una cerimonia rapida, ma piena di emozioni, come la sala matrimoni, che per l'occasione ed in modo beffardo ha cambiato nome diventando semplicemente sala Tergeste. Davide e Claudio, dopo lunghe battaglie contro tentativi di ghettizzazione, perchè nella sala matrimoni loro non potevano unirsi civilmente, hanno vinto la battaglia che ha reso Trieste una piazza più civile, come diceva un cartello in questo 4 marzo in Piazza dell'Unità a Trieste. Tantissimi partecipanti. Tanta soddisfazione, pur nella consapevolezza che unioni civili e matrimonio rimangono due istituti sostanzialmente differenti, ma comunque un primo passo verso la giusta direzione è stato intrapreso ed indietro non si potrà più tornare. 

cartello di protesta contro il cambio di denominazione

Anche chi ha voluto riportare Trieste ai tempi della romanità, quando si chiamava Tergeste. Ma dovrebbero sapere costoro che nell'antico Impero Romano l'omosessualità era totalmente normale, talmente normale ed accettata che il razzista Giovenale, così si tramanda, avendo attaccato l'Imperatore Adriano per la sua relazione con Antinoo, venne esiliato forse in Egitto. In Esilio a Trieste è finita l'omofobia, almeno per un giorno. Avrebbero potuto in quella sala aggiungere alla voce matrimoni, anche unioni civili. Ma sarebbe stato troppo per chi oggi governa Trieste. Baci d'amore, abbracci d'amore, i colori dell'arcobaleno, hanno trasformato questa unione civile, in un mero atto non solo d'amore ma anche politico ed il tutto si è chiuso, lungo il tragitto che ha condotto da Palazzo "Sipario" alle rive, dove si è svolto il ricevimento, dopo una sorta di corteo spontaneo, visto il gran numero di partecipanti a questo "matrimonio", con un bacio in quella via Cavana, dove sorge il palazzo vescovile, per ricordare a tutti e tutte che la laicità è un bene come l'amore e riconoscere questo diritto sacrosanto anche alle coppie omosessuali, non significa togliere qualcosa a qualcuno, ma aggiungere un pezzo fondamentale nel complicato puzzle dei diritti civili che giorno dopo giorno anche a Trieste tutti insieme stiamo costruendo. Ed a tal proposito è da sottolineare oltre l'impegno costante di diverse realtà associative e non, anche del principale giornale di Trieste e non solo, il Piccolo, che ha sostenuto con la giusta informazione e giusta critica, il diritto di riconoscere le unioni civili anche nella sala matrimoni.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto