Passa ai contenuti principali

Portogruaro: riuscita l'iniziativa antifascista sul giorno del ricordo, nonostante i tentativi di censura


Se c'è un momento storico dove in Italia si registra la sospensione della democrazia, una violenza enorme nei confronti della storia, della libertà di espressione, di parola, questo è sicuramente nel mese di febbraio in prossimità del giorno del ricordo, giornata diventata oramai verbo per le menzogne storiche, le strumentalizzazioni, le mistificazioni, e le negazioni di cosa è stata realmente la storia, che non può essere ricondotta ad un banale estratto. Ogni anno si verificano sempre divieti, censure, negazioni di sale pubbliche, con motivazioni che alla fine coincidono sempre nell'intento, e non vi è colore politico che tiene, in sostanza tutto quello che va contro la verità, che verità non è, del sistema nazionalistico, non può passare la porta della libertà di espressione, di critica, di pensiero.  Giorno strumentalizzato all'ennesima potenza per fini nazionalistici, revisionistici, ed è noto che l'intento di tanti è quello di "ricordare per ritornare" insomma riprendersi ciò che è stato italiano per un piccolo cortocircuito storico e di brevissima durata temporale. Parlare in questi giorni, senza negare l'esistenza di foibe od esodo, ma semplicemente spiegando attraverso almeno oltre un secolo di storia perchè è accaduto quello che è accaduto, come è accaduto, riconducendo tutto alla normale portata e non abnorme come accade quotidianamente, smentendo ogni menzogna e falsificazione, questo non si può fare, anzi vieni accusato di essere "negazionista" come quelli che negano l'olocausto. Cosa ovviamente totalmente infame e vigliacca. A Portogruaro si è svolta l'iniziativa sul giorno del ricordo, dove si è parlato in modo approfondito della vicende del confine orientale partendo dall'ultimo periodo dell'Impero Austro Ungarico per arrivare al memorandum di Londra. Doveva svolgersi in una sala comunale, ciò non è stato possibile, facile intuire il motivo, ma si è svolta ugualmente, grazie alla tenacia del collettivo stella rossa ed osservatorio antifascista nord est,sì in un luogo "privato" ma aperto al pubblico, dunque l'iniziativa è stata pubblica come importante la partecipazione. Non è passata inosservata la presenza di diverse forze dell'ordine, questo perchè chi parla in questi giorni mettendo in discussione l'essenza ed il cuore di una delle peggiori leggi mai scritte in Italia in materia di memoria storica e con alte finalità nazionalistiche, è a rischio di attacco da parte di qualche gruppetto reazionario squadrista di matrice fascista. Si deve essere consapevoli della gravità della situazione, ma anche della importanza di non cedere, privato o pubblico che sia il luogo, quel giorno od in prossimità di questa ricorrenza si deve dire quello che va detto, contestare quello che deve essere contestato, affermare ciò che si deve affermare perchè l'antifascismo passa anche attraverso la demolizione di quel cuore nero che anima il giorno del ricordo che ha strumentalizzato sofferenze e drammi di diverse persone per altri fini. Piero Purini ha attraversato con la sua importante narrazione un pezzo di storia con la quale non è possibile alcun tipo di conciliazione o riconciliazione, e le diverse iniziative che seguiranno nei prossimi giorni si continueranno a porre su questa linea, la linea della verità, contro la menzogna del revisionismo storico, la verità che nuoce al nazionalismo ed a quel sentimento proprio del risorgimento che in Italia ha prodotto solo disastri.
Marco Barone

Foto di copertina tratta da 
Collettivo Stella Rossa - Nordest

Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

La comunità di Ronchi abbraccia la famiglia di Giulio Regeni

Non esiste altro modo che definire come un grande ed immenso abbraccio quello che si è realizzato nella serata di sabato 11 novembre a Ronchi nella sala della Chiesa di Santa Maria Madre. L'abbraccio alla famiglia di Giulio Regeni, a papà Claudio, alla mamma Paola, alla sorella Irene, ad una famiglia meravigliosa che non ha mai smesso per un solo giorno in questi oltre 21 mesi da quel maledetto 3 febbraio 2016 di battersi per la verità e giustizia per Giulio.

Diciamolo pure, quello che è successo dopo la barbara uccisione di Giulio per mano e volere di chi qualcuno lo vorrebbe ancora come innominabile, è un qualcosa di assolutamente straordinario pur nella drammaticità di questa storia, che è diventata la nostra storia. Da quasi due anni continua a resistere, a crescere, a battere colpi ogni giorno ed essere sempre lì in rete la parola chiave, verità per Giulio. E' in continuo movimento. Internazionale, globale, senza età, Ha raggiunto ogni angolo di questo nostro mondo. Ha p…

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…