Passa ai contenuti principali

L'Europa è l'ultima che può indignasi contro le politiche di Trump sull'immigrazione. Basta ipocriti moralismi




L'annuncio del neo Presidente USA, Trump, che ha vinto le elezioni pur non avendo la maggioranza dei voti, ma è così che funziona la democrazia americana, e fino ad oggi nessuno aveva nulla da obiettare, in materia di immigrazione ha creato un putiferio di reazioni. Certamente sono deprecabili i divieti di ingresso negli Stati Uniti per quanti provengano da 7 paesi a maggioranza islamica: Iran, Iraq, Libia, Somalia, Sudan, Siria e Yemen. Lista che probabilmente crescerà. E' sacrosanto battersi contro i nuovi muri, o quelli che verranno continuati, come quello messicano iniziato da Clinton nel '94, anche se pochi si scandalizzarono in quel periodo per quel muro. E' sacrosanto lottare contro le discriminazioni, i razzismi. Ma l'Europa è l'ultima che ha il diritto di esercitare qualsiasi forma minima di moralismo in tal senso. L'Europa è da anni che si sta recintando per tutelarsi dai processi immigratori "economici". 
L'Europa ricca che si chiude contro il mondo povero. Abbiamo creato frontiere mobili sul mediterraneo, siamo responsabili della morte di migliaia di migranti, di reclusioni illegali, di situazioni deficitarie in materia di diritti umani, non ha battuto ciglio contro il reticolato ridicolo sloveno, che in realtà è costruito contro la Croazia, ha alzato la voce contro quello ungherese, ma solo per questioni di facciata, ha pagato la Turchia per trattenere in condizioni certamente non umane migliaia di migliaia di rifugiati, perchè l'Europa non vedesse, ha gestito come questione di ordine pubblico e di sicurezza i processi, ancora in corso, di profuganza, ha selezionato quali migranti accogliere, vedi la Germania e di quale paese perchè considerati utili al sistema di manovalanza locale. E nessuno ha alzato la voce dall'America per protestare. E l'Europa non ha alcun diritto di scandalizzarsi per quello che ora accade in America, perchè noi abbiamo fatto di peggio. E poi, quante sono le domande di richieste di asilo respinte? La maggioranza. E comunque, a questo punto, ci si deve interrogare su che senso ha la statua della libertà americana. Potete gettarla negli abissi dell'oceano, meglio la coerenza che l'apparenza, perchè l'apparenza nuoce alla consapevolezza, fomenta illusioni, e qui non abbiamo bisogno di illusioni. Non più. La statua della libertà non è più Liberty Enlightening the World, il faro della speranza per i migranti.

Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Ma se in Friuli Venezia Giulia si votasse per diventare Stato indipendente,cosa vincerebbe?

Se c'è una regione dove l'Italia ed il sentirsi italiano ha veramente preso poco, questa è certamente il Friuli Venezia Giulia. Non è l'unica in Italia, basta pensare alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, alla Sicilia, al Veneto, ma se si facesse qualche analisi più approfondita forse la maggior parte delle regioni italiane si sentono poco italiane. Il Friuli Venezia Giulia ha conseguito il suo stato di autonomia grazie al plurilinguismo, dal friulano, allo sloveno, al tedesco, e poi vi sono diversi dialetti, dal bisiaco, al triestino ecc. Una terra che nel corso della sua storia ha conosciuto diversi domini, diverse appartenenze, alcune profonde come quella con la Repubblica Veneta, o l'Impero Austroungarico, altre di passaggio e da un secolo oramai vi è l'Italia. Che si è presentata nei peggiori dei modi fin dall'origine, perchè il nome dell'Italia è coinciso con la fascistizzazione di questa area, con tutte le brutalità che ne sono conseguite, e sarà s…

Attraversando Pordenone (foto)

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …