Passa ai contenuti principali

La relazione DIA sul primo semestre 2016:in FVG la presenza di mafia e 'ndrangheta è ampiamente documentata





Sono anni ed anni che il territorio del FVG è monitorato dagli organismi operanti nel settore dell'antimafia ed anno dopo anno i segnali di allarme aumentavano per arrivare alla situazione attuale che vede la DIA, nella relazione appena pubblicata nel sito del Parlamento, riguardante il primo semestre del 2016,affermare in modo inequivocabile che la presenza di mafia e 'ndrangheta nella nostra regione è ampiamente documentata. E le inchieste recenti fatti anche dalla stampa locale altro non hanno fatto che confermare ciò. Oramai ci sono, e sono un problema con il quale non si può e non si deve convivere, ma un problema che va contrastato con tutti i mezzi leciti possibili soprattutto prima che queste organizzazioni criminali si strutturino, prima che arrivino, ad esempio, le 'ndrine del FVG. Ma quanto siamo realmente preparati? Mafia ed ‘ndrangheta sono i due capitoli in cui si parla specificatamente del Friuli Venezia Giulia. Venendo al contenuto della relazione. 
Per quanto concerne la mafia siciliana, Veneto e FVG vengono trattate insieme. Per quanto riguarda il FVG viene segnalato che" il Centro Operativo di Palermo ha eseguito anche in provincia di Pordenone, una confisca nei confronti di un imprenditore edile palermitano, le cui possidenze immobiliari e le transazioni finanziarie effettuate su conti personali e societari sono risultate, in realtà, riconducibili a cosa nostra palermitana. Le società di riferimento avevano, infatti, assunto il ruolo di interfaccia e di collegamento con il mondo economico legale, riciclando il denaro proveniente dalle attività delittuose di cosa nostra, anche fuori dalla Sicilia. È della Guardia di Finanza, invece, il provvedimento di sequestro eseguito anche ad Udine, con riferimento al patrimonio di un altro imprenditore, sempre palermitano e sempre collegato a cosa nostra. In tale relazione si evidenzia che si è spontaneamente costituito un pregiudicato domiciliato ad Udine ed organico alla famiglia BRANCACCIO, condannato per il reato di trasferimento fraudolento di valori, aggravato dal metodo mafioso."
Sempre con  riferimento al Veneto e FVG si sottolinea che "sebbene non immediatamente riconducibile ad un contesto di tipo mafioso, si registra un certo attivismo di criminali di origine siciliana, inseriti in associazioni per delinquere autoctone dedite a reati di tipo predatorio o inerenti agli stupefacenti. Nel semestre, il fenomeno è documentato da più operazioni di polizia che hanno condotto all'arresto di pregiudicati coinvolti in rapine ad istituti di credito e nel traffico internazionale di droga. Tra queste, vale la pena di richiamare le operazioni collegate "Vecchio Borgo" e "Apocalisse", concluse dalla Guardia di Finanza di Trieste e Venezia ed a seguito delle quali è stata smantellata un'organizzazione criminale dedita al traffico internazionale di stupefacenti, attiva tra la laguna veneta e Milano".

Per quanto concerne la voce ‘ndrangheta si segnala che “nel corso degli ultimi anni è stata ampiamente documentata la presenza in Friuli Venezia Giulia di soggetti legati a famiglie mafiose siciliane, ma anche a cosche calabresi. D'altra parte è reale il rischio che un'area a forte vocazione industriale come quella friulana, caratterizzata da un tessuto imprenditoriale costituito da piccole e medie imprese, possa subire, in un momento economico particolarmente delicato, l'infiltrazione da parte di ambienti criminali attraverso il ricorso ad una silente contaminazione del sistema produttivo." 
Quanto alle modalità di azione delle cosche, la Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorismo segnala, nella sua ultima Relazione Annuale, nell'approfondimento dedicato al Distretto della Corte di Appello di Trieste, "un significativo accrescimento di elementi attestanti che, se ancora non è configurabile la struttura di vere e proprie 'ndrine, risulta non equivocabile che talune direttive, concernenti le attività delittuose nell'area nord orientale in esame, provengano da soggetti vicini ai sodalizi di tipo mafioso". "Sul piano fattuale, la presenza nella Regione di elementi organici alla 'ndrangheta è stata innanzitutto registrata con riferimento a ditte operanti nel settore edile, estrattivo, del trasporto in conto terzi e del l'industria meccanica. Vanno letti, pertanto, con la giusta attenzione i riflessi che hanno avuto sulla regione le attività concluse dalla Polizia di Stato, nel mese di maggio, con il sequestro di beni per un valore di circa 25 milioni di euro, a carico di un gruppo criminale comprendente esponenti della 'ndrangheta, della camorra e della nota famiglia dei CASAMONICA. Tra le varie aziende sottoposte a sequestro in applicazione di une Misura di Prevenzione emessa dal Tribunale di Roma, figura, infatti, anche una impresa ditta di produzione di attrezzature industriali, con sede in provincia di Pordenone, già sottoposta a procedura fallimentare."   Da segnalare, infine, che nel solo primo semestre del 2016 sono ben otto le persone arrestate per corruzione, "solo" quattro in tutto il 2015 e guardando i dati pregressi è un fenomeno certamente in fase di crescita.
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…

Il duello Piazza Duomo e Tito a Capodistria tanto tuonò che alla fine...

Forse si è trattato di un caso record. 48 ore, ora più ora in meno, è la vita che ha avuto la targa,  delle stesse dimensioni di quella Titov Trg, Piazza Tito, di Capodistria. Se ne è discusso molto nella cittadina slovena, non è stata digerita la provocazione o non provocazione del giorno, in cui è stata affissa, un giorno caro per la Jugoslavia,  il fatto che probabilmente non era neanche in bilingue, come Piazza Tito, e che è il primo passo, non ammesso e non affermabile, che porterà alla rimozione di Piazza Tito e delle altre intitolazioni politiche che ricordano la vecchia Jugoslavia comunista. Tanto tuonò che è stata rimossa e verrà ricollocata a breve, a quanto pare.  Una tempesta fugace che ha lasciato comunque un segno, quello di quel vuoto sotto Piazza Tito. Come è emerso su Radiocapodistria ,dove si è discusso in modo approfondito di questa vicenda,  nel seguito ed importante programma condotto da Stefano Lusa, alla fine pare che il tutto fosse solo un banale e semplice p…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …