Passa ai contenuti principali

I muri ed i confini sono il segno della debolezza e della paura

Se c'è un luogo dove l'individuo rinuncia alla propria minimale identità, per cercare qualcosa di più profondo e grande, questi sono i luoghi di confine, dove i muri cadono per la forza e la voglia di condividere, conoscere, sapere. I muri son sempre esistiti come fortezza espressione della debolezza massima di chi li ha realizzati. 
E son crollati, sempre, e sempre crolleranno, perchè quella imposizione oltre millenaria che vuole il solco, dai tempi di Romolo e Remo, se non prima, è finita. E' in corso una rivoluzione culturale che mina quelle sterili ed imposte radici che vorrebbe l'Europa come figlia della civiltà cristiana o romana. Siamo oramai oltre tutto ciò. Ed ogni tentativo di ritorno sarà solo una sterile simulazione. Urla di disperazione che fanno una letterale concorrenza e per niente artistica, vista anche la bruttezza dei muri nascenti in questo terzo millennio, all'urlo di Munch.  
Pensiamo, per esempio, a quell'unicum in Italia, ma non nel mondo, che vi è tra Gorizia e Nova Gorica dove puoi stare con un piede non in due scarpe ma in ben due Stati diversi. Oppure alla diagonale della follia nel cimitero di Miren, Merna. Ancora oggi è visibile la linea senza ombra con inciso la data del 1947, quando verrà il cimitero diviso dal confine come definito sulla carta nel trattato di Pace e quella del 1974, ultimo anno di tale divisione all'interno del cimitero, e la linea di confine verrà poi definita in modo più equilibrato, almeno all'interno del cimitero. I confini, i muri, sono sintomo di debolezza e paura. Essendo anche una condizione umana quella della paura e della debolezza, non è una condizione umana né il confine, né il muro. Pensiamo che rinchiuderci in un recinto come vitelli, possa segnare la salvezza di non si sa poi neanche bene cosa e da cosa? 
A volte, nella nostra assoluta auto-referenzialità  crediamo di essere dei vitelli d'oro ignorando poi la fine che fece l'idolo fabbricato da Aronne al ritorno di Mosè.
Metaforicamente parlando Mosè ritornerà, prima o poi, con o senza recinto, reticolato o muro. E questo crollerà, e verrà anche rinnegato.
Siamo in un mondo di 7 miliardi di persone, pensare di chiudersi è una totale follia e neanche figlia dell'istinto animalesco che ancora caratterizza la vita dell'uomo. I luoghi di confine devono insegnare che solo la condivisione, il dialogo, l'integrazione reciproca e non unilaterale, sono la miglior protezione contro il degrado asociale ed inumano nel quale siamo precipitati e noi in FVG possiamo insegnare tanto in tale direzione, visto quando accaduto negli ultimi decenni, nonostante sterili tentativi di ostinazione contraria al buon senso ed al buon vivere comune. 

Marco Barone

Commenti

  1. Bene, non erigiamo muri. E cosa facciamo? Lasciamo che 5 miliardi di persone vengano qui in Europa? Oppure ci limitiamo ai 500 milioni di africani che non hanno di che vivere? Ne basterebbe un quarto per distruggere il delicato equilibrio del nostro continente ed il nostro stile di vita. Immagina l'Italia con 100 milioni di abitanti, lo stato sociale, il mercato del lavoro e persino le infrastrutture non sarebbero capaci di reggere il peso di così tante persone. Purtroppo la realtà è questa, voi sognatori parlate senza sapere. Non volete muri? Beh, c'è chi li vuole. E fortunatamente sono sempre di più quelli che hanno capito che un'immigrazione sconsiderata è un male sia per noi europei sia per i paesi che perdono forze fresche e capaci di migliorare i paesi di origine. I muri ci sono sempre stati, certo, sono caduti, ma sono stati eretti nuovamente. E sempre ci saranno...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…