Passa ai contenuti principali

Troppi stranieri nelle scuole di Monfalcone? Basta realizzare un progetto di accoglienza condiviso

Leggendo i dati del MIUR emerge che in Italia si conferma un costante e significativo incremento nelle iscrizioni degli alunni stranieri si è passati infatti da 196.414 alunni nell’a.s. 2001/02 (2,2% della popolazione complessiva) agli 814.187 dell’a.s. 2014/15, pari al 9,2% del totale. Gli iscritti stranieri fra il 2009/10 e il 2014/15 sono cresciuti del +20,9% a fronte di una diminuzione pari al -2,7% fra gli italiani. 
Un dato particolarmente significativo è che gli alunni stranieri ma nati nel nostro paese costituiscono ormai da qualche anno la maggioranza, raggiungendo nel 2014/15 il 55,3% degli iscritti stranieri: tale percentuale sale addirittura all’84,8% nella scuola dell’infanzia. Con riferimento alla distribuzione territoriale in Italia, i dati mostrano una maggior concentrazione dei minori soli nelle regioni maggiormente esposte al fenomeno degli arrivi via mare e in quelle in cui sono presenti grandi città. Tra le principali regioni di accoglienza: Sicilia (4.109); Calabria (1.126); Puglia (1.102); Lazio (934), Lombardia (931), Emilia Romagna ( 783), Toscana (521). Dati significativi che se armonizzati con il quadro immigratorio ed emigratorio come sussistente in Italia verrebbe da dire che se non ci fossero gli studenti stranieri, visto che gli italiani continuano ad emigrare, molte delle nostre scuole rischierebbero la chiusura e molti docenti e non solo perderebbero il lavoro. Come affrontano il tutto in queste zone interessate da rilevanti processi immigratori? Con protocolli di accoglienza, che immagino esistono anche a Monfalcone. Quale il compito di questi protocolli? Rendere fluido e condiviso nelle sue tappe essenziali il momento dell’inserimento degli alunni stranieri sia all’inizio dell’anno scolastico, sia in corso d’anno; scandire le fasi dell’inserimento e promuovere dispositivi per l’accoglienza; definire e precisare ruoli, funzioni, procedure e modalità di intervento. Sorgono alcune perplessità in merito alle lamentazioni che emergono ultimamente sulla questione di Monfalcone. Ma il problema è che vi è una concentrazione nelle scuole del centro? E se questa fosse maturata solo in quelle periferiche, si direbbero le stesse cose? Sicuramente avere una dirigenza non in reggenza sarebbe importante, ma è relativa e non determinante come questione. Dipende da come viene affrontata l’accoglienza e l’inserimento nelle singole scuole a livello collegiale, senza dimenticarci che esiste il problema della scuola dell’infanzia. Quanti gli stranieri che le frequentano? E’ forse da qui che si dovrebbe partire, per iniziare ad avere un primo approccio con la lingua italiana, ed il Comune in ciò avrebbe un ruolo importante, ma non vorrei che poi qualcuno dicesse che vi sono troppi studenti stranieri all’infanzia. Perché se così fosse, allora il problema sarebbe di ben altro tenore e colore.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Ma se in Friuli Venezia Giulia si votasse per diventare Stato indipendente,cosa vincerebbe?

Se c'è una regione dove l'Italia ed il sentirsi italiano ha veramente preso poco, questa è certamente il Friuli Venezia Giulia. Non è l'unica in Italia, basta pensare alla Sardegna, al Trentino-Alto Adige, alla Sicilia, al Veneto, ma se si facesse qualche analisi più approfondita forse la maggior parte delle regioni italiane si sentono poco italiane. Il Friuli Venezia Giulia ha conseguito il suo stato di autonomia grazie al plurilinguismo, dal friulano, allo sloveno, al tedesco, e poi vi sono diversi dialetti, dal bisiaco, al triestino ecc. Una terra che nel corso della sua storia ha conosciuto diversi domini, diverse appartenenze, alcune profonde come quella con la Repubblica Veneta, o l'Impero Austroungarico, altre di passaggio e da un secolo oramai vi è l'Italia. Che si è presentata nei peggiori dei modi fin dall'origine, perchè il nome dell'Italia è coinciso con la fascistizzazione di questa area, con tutte le brutalità che ne sono conseguite, e sarà s…

Attraversando Pordenone (foto)

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …