Passa ai contenuti principali

Nel nome della "pace Adriatica" Trieste verrà assegnata all'Italia e l'Istria alla Jugoslavia

Rumor, in qualità di Ministro degli affari esteri affermava:“a nome del Governo, che contatti, sondaggi e trattative con il governo ‘della Repubblica socialista federativa di Iugoslavia consentono oggi di definire il contenuto di intese, dirette e, per comune riconoscimento delle due parti, atte a garantire la definitiva chiusura del contenzioso territoriale e giuridico tra l’Italia e la Iugoslavia”. Erano le 17 del primo ottobre del 1975. Nel suo discorso articolato evidenzierà che “il Governo ritiene che la pace adriatica risponda a profonde motivazioni democratiche, al rifiuto e all'assurdità di ricorsi alla forza, ad una lungimirante visione europea della evoluzione dei due paesi. Il senso politico, e se vogliamo storico, dell’accordo oggi possibile, e che illustrerò più avanti è dunque non solo la chiusura dei problemi confinari ancora pendenti e la garanzia di alcuni nostri fondamentali interessi ed essa collegati, ma anche la creazione di un valido motivo di collaborazione, di cui anche le previste intese economiche costituiscono e vogliono essere uno strumento concreto ed efficace. In attesa della costituzione - mai poi avvenuta- del territorio libero, la linea Morgan assunse una funzione giuridicamente rilevante. In sede di statuto provvisorio essa rappresentava infatti la linea di separazione del territorio amministrato dalle autorità militari anglo-americane da quello amministrato dagli iugoslavi: e così venne a costituire la demarcazione tra quelle che ancora oggi si denominano come zona A e zona B. Sul compromesso raggiunto alla conferenza della pace per la costituzione di uno Stato autonomo di Trieste, il nostro giudizio non poteva essere allora, e anche retrospettivamente non può rimanere oggi, che totalmente negativo”. 

Parole dure sulla questione del mai realmente costituito Territorio Libero di Trieste : “Per cercare di superare quelle clausole del trattato il Governo si mosse nella nuova situazione internazionale che si andava determinando in Europa in seguito agli avvenimenti verificatisi nei paesi dell’est. Non si riuscì a conseguire la restituzione del territorio libero di Trieste all’Italia; ma fu ottenuto il risultato di bloccare di fatto la costituzione del territorio stesso. In effetti, se, come previsto dallo statuto definitivo, fossero intervenuti la nomina del governatore del territorio da parte delle Nazioni Unite e lo sgombero delle truppe alleate dalla zona A, si sarebbe non soltanto consumato il definitivo distacco di Trieste dall’Italia, ma creato un vuoto che poteva facilmente aprire la via allo slittamento dell’intero territorio libero di Trieste verso la zona di influenza politico-economica della Iugoslavia. Alla luce della situazione internazionale di quel momento si spiega sia perché fu possibile ottenere la dichiarazione tripartita del 20 marzo 1948 e sia anche perché essa rimase inoperante. Annunciata dal ministro degli esteri francese, Bidault, il 20 marzo 1948 a Torino, e pubblicata nello stesso giorno simultaneamente a Londra, Parigi e Washington, la dichiarazione affermava che i governi della Francia, del Regno Unito e, degli Stati Uniti avevano proposto al governo dell’URSS ed a quello dell’Italia di stipulare un protocollo addizionale al trattato di pace per porre nuovamente sotto la sovranità italiana il territorio libero di Trieste. La proposta delle tre potenze occidentali non fu mai accolta dal governo sovietico”.
Dunque si è espressamente riconosciuta la non intenzione dell'Italia di voler realizzare il TLT.  Aldo Moro, intervenendo in aiuto di Rumor dirà:“il Governo che ho l’onore di presiedere ha ritenuto di dover condurre fino in fondo il sondaggio, già precedentemente iniziato, circa la possibilità di definire, con spirito di comprensione e secondo criteri di reciproca utilità, la frontiera di Stato tra l’Italia e Iugoslavia, risolvendo insieme molteplici problemi di cooperazione tra i due paesi. Lo sforzo negoziale, compiuto con buona volontà dalle parti, ha condotto ad individuare una base d’intesa, che viene sottoposta alla sovrana decisione del Parlamento, prima che gli accordi vengano firmati questo, il nostro proposito sin dal primo momento. Pur esplicandosi infatti in senso proprio la funzione delle Camere al momento della ratifica, il Governo, per un fatto che tocca profondamente la coscienza nazionale, ha desiderato un intervento politico preventivo. Firmeremo, dunque, se voi ci incoraggerete con il vostro consenso … formulando un giudizio positivo su quella piattaforma che si è andata delineando ed i cui termini evidentemente non potrebbero essere mutati senza mettere in discussione il risultato complessivo del negoziato. Per parte sua, il Governo ha lungamente ed attentamente esaminato la situazione, soppesando vantaggi e svantaggi, acquisizioni e concessioni. In questa valutazione d’insieme esso ritiene, in coscienza, di poter raccomandare al Parlamento l’approvazione. La decisione è stata presa, come è naturale, guardando insieme agli interessi nazionali ed alle esigenze della vita internazionale. Passando dalle intese sui principi a quelle di carattere specifico ricorderò, in primo luogo, che si tratta di sostituire al precario regime territoriale derivante dal memorandum d’intesa di Londra del 5 ottobre 1954 una sistemazione definitiva. Il memorandum cesserà quindi di avere effetto, con tutti i suoi allegati (e ne saranno naturalmente informati sia i governi che siglarono quello strumento, sia il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, al quale il memorandum fu a suo tempo comunicato). I1 confine italo-iugoslavo, per la parte non contemplata come tale dal trattato di pace del 10 febbraio 1947, coinciderà con la linea di demarcazione stabilita dal memorandun di Londra tra le due zone del mancato territorio libero di Trieste, oltre che con la frontiera fissata dal trattato di pace tra la Jugoslavia e il territorio in corrispondenza alla cosi detta zona A. L’Italia, in un quadro internazionale per vari aspetti fluido e tormentato, in una regione mediterranea che racchiude ancora gravi germi di instabilità, ha un obiettivo interesse a portare il suo contributo alla definitiva normalizzazione situazioni comunque suscettibili di inasprire gli sviluppi della vita internazionale chiudendo oggi la vertenza italo-iugoslava, noi ci muoviamo appunto in questa direzione, a vantaggio del consolidamento degli attuali equilibri in una zona per noi nevralgica”. E sarà anche nel nome della pace Adriatica che Trieste venne assegnata all'Italia, che Fiume o Pola, l'Istria e le altre zone "contese" dal nazionalismo italiano, rimasero alla Jugoslavia. 
Marco Barone  

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

Per essere un Paese migliore si deve chiedere scusa,ed alcune date di Gorizia da non dimenticare

Quanto è difficile chiedere scusa, eppure chiedere scusa è il primo passo necessario non tanto per ricominciare, ma per avviare un percorso diverso, più onesto, più eticamente e moralmente corretto. Il Papa, ad esempio, qualche passo tenue nei confronti degli omosessuali lo sta facendo, Obama si è recato ad Hiroshima, gesto importante, ma non ha osato chiedere scusa per quel crimine immenso compiuto contro inermi civili. Tante barbarie nel corso della storia sono state compiute in nome e per conto dell'Italia. Dalla “piemontesizzazione del Sud”, ai massacri della prima guerra mondiale, al regime fascista, alle violenze e crimini compiuti nelle terre occupate, in Africa, Albania, Grecia, in Jugoslavia. Mai scusa si è chiesto per ciò. Eppure basterebbe poco, chiedere scusa per restituire dignità all'Italia, il cui nome è stato usurpato dalle peggiori nefandezze. Il problema è che quando pretendi ciò ti etichettano spesso come anti-italiano. A parer mio il peggior modo di essere…