Passa ai contenuti principali

Il bacio di Giuda è di casa in Italia


Se c'è un luogo dove Giuda è più di casa che in altri questo è sicuramente il nostro Paese. Pensiamo al cesaricidio, l'assassinio di Gaio Giulio Cesare, o per essere più moderni, pur ricorrendo a termini e concetti del 1800 circa, i Franchi tiratori, ma sicuramente quanto accaduto con la riforma della Costituzione, che non è la più bella del mondo, e colui che l'ha definita come tale tra le altre cose difende il sì perché dice e dicono che i principi fondamentali non vengono mica toccati, cosa non vera, pensiamo al fatto che rischia di sparire dal nostro Parlamento la rappresentanza slovena, con la violazione di articoli come il 2, 5 e 6. Chi ha scritto quella riforma o contribuito alla sua scrittura, poiché è venuto meno il patto dei patti, che anche questo richiama alla religione principale del nostro Paese, per capriccio e dispetto, ora vota contro, ma il suo impero economico, per opportunismo, voterà sì. Un piede in due scarpe. Tipico opportunismo all'italiana. E che dire del rinnovo del contratto dei metalmeccanici? Atteso da otto anni come atto unitario e magicamente arriva, in via preliminare, a ridosso del 4 dicembre?  E la promessa, perché ora di questo si tratta, nel Paese di Pinocchio, dell'aumento salariale per i pubblici dipendenti? O del bonus scuola per la formazione, che è stato sbloccato, per questo anno scolastico a novembre? Quando doveva essere disponibile da settembre? E comunque in ogni caso è stato combinato un pasticcio indigesto? Tutto normale. Non mi sorprende. D'altronde se uno come Trump dice che per conflitto di interessi lascerà le sue aziende perchè si vuole dedicare alla guida del suo enorme Paese che dire? Che le cede alla sua famiglia, ai suoi eredi. Mica le vende a terzi con cui non ha nulla da spartire. Come già accaduto in Italia nel ventennio più disastroso dopo la caduta del fascismo e la nascita della Repubblica. Dall'Italia all'America, mari ed oceani più che dividere uniscono, uniscono nel nome dell'opportunismo e del vento di Giuda. Quel vento che soffia anche in Italia dove tutto è possibile, e dove i ribaltoni sono all'ordine del giorno. D'altronde l'8 settembre del '43 qualcosa deve pur aver insegnato. Dopo aver cantato Eia! Eia! Eia! Alalà, grido del duce mancato, acclamato ovunque il duce, quello vero, salutato con  Heil il dittatore nazista, e poi nel caos più totale, buona parte hanno rinnegato il loro passato, per darsi anche all'antifascismo? E che dire di quel comunismo, che a livello ideale doveva perseguire giustizia ed uguaglianza e che oggi viene liquidato, come se niente fosse, anche a causa di orrori politici e sociali e tradimenti dello spirito comunista che ne hanno violentato l'essenza ed il buon nome, come la peggior ideologia disumana che l'intero mondo abbia mai conosciuto? Fascismo e nazismo rimossi, e chiaramente non possono mica essere paragonati al comunismo. Perché fascismo e nazismo sono nati e concepiti per essere quello che poi si sono rivelati essere. Ma non è questo il punto, il punto è che si va dove soffia il vento dell'opportunismo. Ed è per questo che è fondamentale andare a votare, per evitare, come ha scritto giustamente l'ANPI che ad esempio si realizzi quanto denunciato: "La riforma del Senato, concomitante con la Legge elettorale, fa evolvere il sistema in senso antidemocratico". Ma anche senza legge elettorale, quella riforma ci conduce in un sistema vibrante di decisionismo.
Ad oggi il no sarebbe in vantaggio, ma con gli ultimi eventi che si son verificati, una vittoria del sì non dovrebbe stupire, perché sarebbe l'ennesima conferma che il bacio di Giuda in Italia è proprio di casa. Eppure Pasolini disse che "Quelli che hanno cambiato la storia  non sono stati né i cortigiani né gli assistenti dei cardinali ma chi ha saputo dire no". Ed un no, potrebbe sancire un cambiamento di rotta importante anche a livello di questione etica e morale e preparare, una volta per tutte lo sfratto al bacio di Giuda. Con ciò non voglio definire come "Giuda" coloro che in buona fede voteranno sì, o che dal no, alla luce degli ultimi eventi passeranno al sì, ma provare a descrivere in via generarle e complessiva cosa in Italia  a volte smuove le cose nell'una o nell'altra direzione.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone