Passa ai contenuti principali

Pubblicate il testo dell'accordo tra Comune di Monfalcone e Fincantieri su questione amianto




Nel 2015, quando avvenne il noto ritiro di costituzione di parte civile nel processo amianto bis, che vedeva imputati 16 ex dirigenti per la morte di 44 persone, 44 operai, a due giorni dalla sentenza, scrissi, senza mezzi termini, che da sinistra venne letteralmente, formalmente e sostanzialmente tradita la questione morale e che ciò lo si sarebbe pagato a caro prezzo. Così è stato. La situazione politica a Monfalcone è già esplosa, con l'astensione enorme, con il popolo della sinistra che non ha votato, o con chi ha votato una destra made Lega Nord, che ha vinto con un programma chiaro e che cercherà di attuare. In questa ottica sono da vedere i famosi sette minuti di scontro verbale, tra il Sindaco di Monfalcone ed il mio conterraneo Bono. Toni alti. Gesto simbolico importante. Alzare la voce è fondamentale, non scontato, purché non sia rappresentazione di un nulla. Così come è più che naturale che la Lega Nord tutelerà i lavoratori a modo suo, con la sua visione del mondo, con il prima i monfalconesi. Ma non dobbiamo dimenticarci i rapporti che in passato vi sono stati  a livello nazionale tra la Lega Nord e la Fincantieri, tanto che venne prodotta interrogazione parlamentare sul punto. E non son mica passati mille anni. Solo pochi anni. Ma già finiti nel dimenticatoio. Erano altri tempi, si ribadirà. Comunque sia, se la destra oggi si permette di duellare con Fincantieri è perchè si è aperta una voragine immensa che ha risucchiato sinistra e compagnia varia. E dunque se la destra difenderà i lavoratori, a modo suo, è perchè ha una strada spianata. Comunque pur avendo le parole un loro peso politico rilevante, contano solo i fatti. E siamo tutti curiosi di capire e comprendere se questo duello, sia tale o solo una rappresentazione di un duello.
La cosa imbarazzante è che è difficile, da sinistra, in questo momento dire che l'attuale Sindaco sbaglia. Perché, pur non condividendo alcuni contenuti delle sue dichiarazioni, fa quello che avrebbero dovuto fare altri anche a livello nazionale. Perché la questione di Monfalcone non la risolvi a livello locale. Così come è vero che la questione Fincantieri che condiziona l'intero mandamento riguarda ed interessa tutti a partire da quel patto di legalità che latita, mentre ad Ancona nel 2015 per la durata di tre anni è stato stipulato. Ora, emergono sempre più dettagli su quel famoso accordo dell'estate 2015 che continua ad essere ricordato come il patto dei 140 mila euro. Visto che si tratta di accordo stipulato tra l'azienda che è in un certo senso ancora pubblica ed il Comune, è diritto dei cittadini conoscerne il testo integrale. Non mi risulta che questo testo sia stato reso pubblico,  e se lo è stato se ne chiede cortesemente la ripubblicazione attraverso il nostro giornale, e se non lo è stato ci si chiede il perchè.
E' diritto dei cittadini dell'intero mandamento conoscere i dettagli dell'accordo, i suoi reali riflessi, sapere a cosa si è rinunciato, in quali termini e con quali termini. La situazione sociale sussistente a Monfalcone è bollente, non servono commissioni parlamentari d'inchiesta per affrontare i problemi, perchè spesso inutili e poi lo Stato dovrebbe, ancora una volta, indagare su se stesso? 
Così come pare evidente che uno stato di reale conflittualità con la Fincantieri è, oggi, puramente immaginario. Si vive complessivamente una grave situazione di imbarazzo e questo imbarazzo rischia di essere una costante amara con cui dover fare i conti a lungo termine. E questa cosa fa veramente incazzare. Certo che è veramente singolare, che nel momento storico in cui ritornano le classi, la sinistra in via generale è totalmente sbandata, e la destra, nelle sue diverse versioni, nel populismo globale, ha saputo cogliere l'attimo vincente, per divenire la guida di una massa senza più ideali, nel nome del loro santo, prima gli all'interno di una globalizzazione,che non è mai stata realmente contrastata. Ma il prima gli sarà fallimentare, perchè comporterà una ulteriore divisione e frammentazione che favorirà il Golia della situazione anche a Monfalcone, diventata in questo periodo il simbolo del fallimento totale della globalizzazione, e ciò è una rima per nulla poetica ma banalmente amara.
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

L'Italia entro il 2065 rischia di perdere quasi 20 milioni di abitanti, con anche spopolamento enorme nel Sud

Siamo un piccolo Paese, che ha raggiunto la soglia di 60 milioni di abitanti e che probabilmente non solo non supererà mai più ma che rischia di vedere con il binocolo per i prossimi decenni. Certamente viviamo in una società di 7 e passa miliardi di persone, siamo troppi, ma chi pagherà più di altri lo spopolamento saranno i Paesi poveri e tra questi vi è ovviamente anche l'Italia. Se il Sud rischia di vivere uno spopolamento pazzesco, nell'Europa, l'Italia è come il suo sud, vivrà uno spopolamento importante. Cosa comunica l'ISTAT? 
"La popolazione residente attesa per l'Italia è stimata pari, secondo lo scenario mediano, a 58,6 milioni nel 2045 e a 53,7 milioni nel 2065. La perdita rispetto al 2016 (60,7 milioni) sarebbe di 2,1 milioni di residenti nel 2045 e di 7 milioni nel 2065. Tenendo conto della variabilità associata agli eventi demografici, la stima della popolazione al 2065 oscilla da un minimo di 46,1 milioni a un massimo di 61,5. La probabilità d…