Passa ai contenuti principali

Non sarà l'Italia ad uscire dall'Euro, ma sarà l'Euro a buttare fuori l'Italia

Comunque vada il 4 dicembre, sia che vinca il sì, che il no, è già chiaro quello che accadrà. Si vive in una società che dopo la famigerata crisi, che crisi non era, del 2007/2008,  ha visto la democrazia venire demolita, giorno dopo giorno,  e chi oggi governa è una oligarchia finanziaria importante. Lo dicono i mercati e dunque si deve fare. Chi sono questi mercati, nessuno lo ha mai capito. Numeri, cifre, dati, linea che sale, linea che scende, milioni di miliardi bruciati in un niente. Caduta la democrazia, ridotta oggi ad una brutta copia di una tragicommedia del terzo millennio, ci sono tutte le indicazioni che lasciano intendere un qualcosa che sarà inevitabile. In Italia è rimasto ancora poco da comprare, da vendere, pochi beni su cui speculare. Sicuramente in testa vi è la sanità, più qualche altre grande o piccola devastazione ambientale in un Paese che alle prime piogge frana, si allaga, alle prime scosse di terremoto crolla. Siamo ridotti malissimo, l'Italia è allo sfascio più totale. Ma ancora qualcosina da mangiare esiste. L'Italia non è il Regno Unito, che non ha mai realmente fatto parte dell'UE e mai aderito all'Euro. L'Italia senza l'euro collassa, e non può permettersi di uscire, ma quello che invece accadrà è che sarà l'Euro a buttare via l'Italia dal suo circuito. La globalizzazione ha vinto, ha vinto perchè la distribuzione delle ricchezze vi è stata in una sola direzione, come giustamente mi è stato fatto osservare, dunque non è vero che la distribuzione delle ricchezze non vi è stata, vi è stata, ma unilaterale a favore dei ricchissimi. Ha vinto il capitalismo più brutale, sono state annientate le sinistre, perchè quelle governative hanno spianato la strada al disastro sociale che oggi ben conosciamo. Il nazionalismo non è la soluzione, ma è la cosa più probabile con cui si dovrà fare i conti, le parole d'ordine saranno sovranità nazionale, sovranità monetaria, prima gli italiani. Concetti fatti propri dai neofascisti. Ma alla fine saranno palliativi, perchè l'Italia con il suo debito pubblico è nelle mani di strozzini, non ha potere decisionale, non è libera, non è autonoma, non è indipendente, e questi processi li si potranno conseguire o con una guerra civile, i cui segnali ci sono già, vedi l'ira irrazionale sulla questione immigrazione, o semplicemente con il gettare il nostro Paese nel primo cesso disponibile, dopo averlo depredato, e manca poco. Ed a quel punto si sarà realizzato il sogno di tanti, la Repubblica delle banane dove diventeremo tutte scimmie isteriche, con tutto il rispetto che possa nutrire per le scimmie, ritornando allo stato di inciviltà più assoluta, dove sarà il capo a governare una massa di sbandati, che a colpi di slogan, detti dannunziani del terzo millennio, si crederanno di essere una potenza, ma alla fine altro non saranno che una miserabile pagliacciata ed espressione del più meschino decisionismo, ma che non farà ridere per niente, ed anche in questo caso mi scuso con i pagliacci di professione, a cui va tutta la mia stima.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…