Passa ai contenuti principali

Non sarà l'Italia ad uscire dall'Euro, ma sarà l'Euro a buttare fuori l'Italia

Comunque vada il 4 dicembre, sia che vinca il sì, che il no, è già chiaro quello che accadrà. Si vive in una società che dopo la famigerata crisi, che crisi non era, del 2007/2008,  ha visto la democrazia venire demolita, giorno dopo giorno,  e chi oggi governa è una oligarchia finanziaria importante. Lo dicono i mercati e dunque si deve fare. Chi sono questi mercati, nessuno lo ha mai capito. Numeri, cifre, dati, linea che sale, linea che scende, milioni di miliardi bruciati in un niente. Caduta la democrazia, ridotta oggi ad una brutta copia di una tragicommedia del terzo millennio, ci sono tutte le indicazioni che lasciano intendere un qualcosa che sarà inevitabile. In Italia è rimasto ancora poco da comprare, da vendere, pochi beni su cui speculare. Sicuramente in testa vi è la sanità, più qualche altre grande o piccola devastazione ambientale in un Paese che alle prime piogge frana, si allaga, alle prime scosse di terremoto crolla. Siamo ridotti malissimo, l'Italia è allo sfascio più totale. Ma ancora qualcosina da mangiare esiste. L'Italia non è il Regno Unito, che non ha mai realmente fatto parte dell'UE e mai aderito all'Euro. L'Italia senza l'euro collassa, e non può permettersi di uscire, ma quello che invece accadrà è che sarà l'Euro a buttare via l'Italia dal suo circuito. La globalizzazione ha vinto, ha vinto perchè la distribuzione delle ricchezze vi è stata in una sola direzione, come giustamente mi è stato fatto osservare, dunque non è vero che la distribuzione delle ricchezze non vi è stata, vi è stata, ma unilaterale a favore dei ricchissimi. Ha vinto il capitalismo più brutale, sono state annientate le sinistre, perchè quelle governative hanno spianato la strada al disastro sociale che oggi ben conosciamo. Il nazionalismo non è la soluzione, ma è la cosa più probabile con cui si dovrà fare i conti, le parole d'ordine saranno sovranità nazionale, sovranità monetaria, prima gli italiani. Concetti fatti propri dai neofascisti. Ma alla fine saranno palliativi, perchè l'Italia con il suo debito pubblico è nelle mani di strozzini, non ha potere decisionale, non è libera, non è autonoma, non è indipendente, e questi processi li si potranno conseguire o con una guerra civile, i cui segnali ci sono già, vedi l'ira irrazionale sulla questione immigrazione, o semplicemente con il gettare il nostro Paese nel primo cesso disponibile, dopo averlo depredato, e manca poco. Ed a quel punto si sarà realizzato il sogno di tanti, la Repubblica delle banane dove diventeremo tutte scimmie isteriche, con tutto il rispetto che possa nutrire per le scimmie, ritornando allo stato di inciviltà più assoluta, dove sarà il capo a governare una massa di sbandati, che a colpi di slogan, detti dannunziani del terzo millennio, si crederanno di essere una potenza, ma alla fine altro non saranno che una miserabile pagliacciata ed espressione del più meschino decisionismo, ma che non farà ridere per niente, ed anche in questo caso mi scuso con i pagliacci di professione, a cui va tutta la mia stima.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…

Realtà virtuale come un giorno viversi il proprio mondo "felicemente" da casa

La realtà virtuale che è cosa diversa dalla realtà aumentata è tra noi. Nessuna tecnologica ufologica, ma in ogni caso impressionante. Osservare dall'esterno l'individuo  catapultato nel giro di un niente in una dimensione spaziale e temporale diversa da quella che vivi quotidianamente è un qualcosa di assurdo, incredibile. Matrix è tra noi.

Vedrai l'uomo o la donna trasformarsi in un qualcosa di indefinito, muoversi lentamente, con i guanti o con la strumentazione che completerà la proiezione ed il trasporto nella nuova dimensione resa possibile da un casco  con la funzione di visore, da cuffie ed un filo. Dipendente da un filo, lo spazio entro il quale puoi muoverti è limitato, quello reale, ma è immenso quello virtuale.

Percepisci i suoni, le vibrazioni, mancano solo gli odori, ma arriveranno presto anche questi.  Il completamento sensoriale è vicino ad essere ultimato. Vedrai esseri umani essere trasformati in oggetti danzanti, improvvisati scalatori verso l'infin…