Passa ai contenuti principali

Non sarà l'Italia ad uscire dall'Euro, ma sarà l'Euro a buttare fuori l'Italia

Comunque vada il 4 dicembre, sia che vinca il sì, che il no, è già chiaro quello che accadrà. Si vive in una società che dopo la famigerata crisi, che crisi non era, del 2007/2008,  ha visto la democrazia venire demolita, giorno dopo giorno,  e chi oggi governa è una oligarchia finanziaria importante. Lo dicono i mercati e dunque si deve fare. Chi sono questi mercati, nessuno lo ha mai capito. Numeri, cifre, dati, linea che sale, linea che scende, milioni di miliardi bruciati in un niente. Caduta la democrazia, ridotta oggi ad una brutta copia di una tragicommedia del terzo millennio, ci sono tutte le indicazioni che lasciano intendere un qualcosa che sarà inevitabile. In Italia è rimasto ancora poco da comprare, da vendere, pochi beni su cui speculare. Sicuramente in testa vi è la sanità, più qualche altre grande o piccola devastazione ambientale in un Paese che alle prime piogge frana, si allaga, alle prime scosse di terremoto crolla. Siamo ridotti malissimo, l'Italia è allo sfascio più totale. Ma ancora qualcosina da mangiare esiste. L'Italia non è il Regno Unito, che non ha mai realmente fatto parte dell'UE e mai aderito all'Euro. L'Italia senza l'euro collassa, e non può permettersi di uscire, ma quello che invece accadrà è che sarà l'Euro a buttare via l'Italia dal suo circuito. La globalizzazione ha vinto, ha vinto perchè la distribuzione delle ricchezze vi è stata in una sola direzione, come giustamente mi è stato fatto osservare, dunque non è vero che la distribuzione delle ricchezze non vi è stata, vi è stata, ma unilaterale a favore dei ricchissimi. Ha vinto il capitalismo più brutale, sono state annientate le sinistre, perchè quelle governative hanno spianato la strada al disastro sociale che oggi ben conosciamo. Il nazionalismo non è la soluzione, ma è la cosa più probabile con cui si dovrà fare i conti, le parole d'ordine saranno sovranità nazionale, sovranità monetaria, prima gli italiani. Concetti fatti propri dai neofascisti. Ma alla fine saranno palliativi, perchè l'Italia con il suo debito pubblico è nelle mani di strozzini, non ha potere decisionale, non è libera, non è autonoma, non è indipendente, e questi processi li si potranno conseguire o con una guerra civile, i cui segnali ci sono già, vedi l'ira irrazionale sulla questione immigrazione, o semplicemente con il gettare il nostro Paese nel primo cesso disponibile, dopo averlo depredato, e manca poco. Ed a quel punto si sarà realizzato il sogno di tanti, la Repubblica delle banane dove diventeremo tutte scimmie isteriche, con tutto il rispetto che possa nutrire per le scimmie, ritornando allo stato di inciviltà più assoluta, dove sarà il capo a governare una massa di sbandati, che a colpi di slogan, detti dannunziani del terzo millennio, si crederanno di essere una potenza, ma alla fine altro non saranno che una miserabile pagliacciata ed espressione del più meschino decisionismo, ma che non farà ridere per niente, ed anche in questo caso mi scuso con i pagliacci di professione, a cui va tutta la mia stima.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

A Trieste e Gorizia esplode l'austronostalgia

Wu Ming 1, scriveva: "Se devo scegliere tra sparare agli Asburgo in nome dei Savoia e sparare sui Savoia in nome degli Asburgo, grazie, ma preferisco sparare su entrambi. Come si legge nel Re Lear, “il tempo della vita è breve, e se viviamo, viviamo per calpestare i re”."E' innegabile che tra Gorizia e Trieste vi sia ancora una sorta di austronostalgia, anche se a dirla tutta non riesco proprio a capire come si possa essere nostalgici di un qualcosa che non è mai stato vissuto, forse ereditato a livello di testimonianza, letto nei libri, od esaltato in alcuni testi. Poco importa. E spesso ci si diverte a giostrare tra chi fosse meglio, i Borboni o gli Asburgo? E vai con l'elencazione delle opere, e delle solite ridondanti questioni . Solo che nel momento in cui implodono i nazionalismi, traballa l'ideale di Europa anche per responsabilità enormi di chi ha guidato l'Europa contro un muro di cemento armato a velocità folle, in questa piccola fetta di territo…

Incredibile ma vero, il Consiglio Comunale di Trieste approva mozione contro il Sindaco di Napoli

All'inverosimile non vi è mai fine, ed a Trieste meno che mai. Trieste e Napoli due città distanti, che già hanno "guerreggiato" sulla primazia del caffè, quando qualcuno a Trieste collocò un cartello, ancora non rimosso, sulla strada che conduce verso Opicina, con scritto città del caffè, in aggiunta a città della Barcolana. Ma gli scazzi tra Trieste e Napoli non sono mancati neanche ultimamente su diverse questioni politiche e battute miserabili. E la sfida, se così la possiamo chiamare tale situazione politica a dir poco assurda, continua. In relazione ai noti fatti di Napoli, in merito alla visita di Salvini, e manifestazioni di protesta che ne sono conseguite, non avendo nulla di meglio da fare, cosa ha deciso di approvare il Consiglio comunale di Trieste? Una mozione proposta dal partito della lega nord, nella quale si critica duramente l'operato del Sindaco di Napoli, sia "per il diniego dato a Salvini per la sala richiesta" che per i toni utilizzat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …