Passa ai contenuti principali

A Ronchi le elezioni vinte con il voto di un quinto della popolazione, la democrazia traballa

 
Questa mia breve riflessione trae spunto dall'ultimo evento elettorale, quale quello di Ronchi. A Ronchi come è noto si è registrata una grande astensione, abbiamo un Sindaco eletto con i voti di soli 1906 cittadini su 10 mila elettori, con una partecipazione al voto di poco più di 5000 cittadini.  Dunque praticamente un quinto della popolazione ha determinato il Sindaco e l'attuale amministrazione governa con i voti di un quinto della popolazione. Questi sono i dati che contano, e quando ciò accade altro non è che la conferma che questa democrazia non funziona più, non appassiona più. A Ronchi non ha vinto la destra, come rischia di vincere a Monfalcone per motivi ben noti e soprattutto perchè la sinistra ha smesso di essere sinistra, ma una coalizione mista, che ha certamente una forte prevalenza di destra, ma non è corretto dire che ha vinto la destra. E comunque si registrerà una continuità con dieci anni pregressi di amministrazione, perchè è evidente a tutti che, salvo qualche personalismo, hanno governato fino al giorno prima delle elezioni insieme buona parte di coloro che si trovano alle opposizioni oggi, parlo del PD con chi oggi amministra il nostro piccolo Comune. Così come ancora una volta è emersa la conferma che i voti dei 5stelle sono, quasi sempre, funzionali alla sconfitta della sinistra, d'altronde non ho sentito una sola cosa tipicamente di sinistra da questo movimento/partito alle elezioni a Ronchi e se è stata detta è sfuggita ai più. Poco importa. Basta vedere i programmi per notare che le differenze sui temi che contano sono inesistenti. Il polo intermodale lo sosterranno entrambi, ( mi riferisco a Pd ed attuale amministrazione) i migranti non li accoglieranno per ragioni ben note, la toponomastica non vogliono modificarla, il teatro non lo vogliono fare ecc.  Si deve essere consapevoli che con le UTI, nei Comuni non capofila, i consigli comunali conteranno meno di zero e meno di zero le opposizioni salvo che non siano finte opposizioni e braccia di sostegno alla maggioranza. Ora l'attenzione si sposterà sul 4 dicembre, e sia che vinca il sì, che il no che io sostengo attivamente, nulla in ogni caso sarà politicamente come prima e ciò rischia di avere dei riflessi anche a Ronchi. Insomma il dato su cui riflettere è l'enorme astensione che rischia di delegittimare la politica rappresentativa attuale anche nei nostri Comuni.
 
Marco Barone

Commenti

  1. Il fatto è che di questa tornata elettorale, negativa per la pseudosinistra, non ne parla nessuno...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…