Passa ai contenuti principali

Referendum contro la "buona scuola" e questione mancato raggiungimento firme, di chi è la responsabilità?


Il comunicato dei soggetti promotori dei Referendum sociali dei primi di luglio era già chiaro. Era' chiaro quando diceva che "Il risultato è notevole: siamo riusciti a raccogliere circa 2 milioni di firme complessive sui 4 quesiti. La soglia minima di 500.000 firme a quesito non garantisce margini di sicurezza, nonostante questi numeri". Ora, come è noto, sono tante le realtà che hanno sostenuto attivamente la promozione dei referendum sociali, soprattutto quelli contro alcuni punti caldi della legge 107 del 2015. Si ricordano a tal proposito il Comitato nazionale di sostegno alla LIP per una buona scuola per la Repubblica, Flc-Cgil, Cobas, Gilda, Unicobas, USB, SGB, CUB, Il sindacato è un’altra cosa (area congressuale Flc-CGIL), UdS, Link, Coordinamento nazionale scuola della Costituzione, Associazione nazionale per la Scuola della Repubblica, Adam, Adida, AND, Mida, Retescuole, Cesp, Illumin’Italia. Vi è stata fatica, passione, sudore, il grosso del lavoro è sostanzialmente partito dal basso, dall'autorganizzazione.  

Con una marea di docenti, e tanti studenti, che finito il lavoro a scuola nel pomeriggio effettuavano banchetti. Ma degli interrogativi devono sorgere. Non aver raggiunto le 500 mila firme certe per dare il via libera alla seconda fase della partita, quella più delicata, ovvero quella del voto, senza dimenticare il fattore quorum, farà emergere diverse colpe e responsabilità. Sicuramente non è dei movimenti che si sono mossi dal basso, non è del sindacalismo di base o di buona parte dei sindacati scuola che hanno sostenuto questo referendum, che hanno fatto miracoli ed anche più per raccogliere queste firme. Certamente vi è stata una grande attività di non informazione su questi referendum, se non di boicottaggio bello e buono. Ora, come è noto, tra i sostenitori di questo referendum vi era anche la CGIL Scuola. Il supporto vi è stato, certamente. Ma quello che lascia basiti è che la CGIL complessivamente ha oltre 5 milioni di iscritti. Basta vedere come hanno fatto presto a raccogliere oltre 3 milioni di firme per i referendum abrogativi sulle questioni del lavoro. Se questa battaglia veniva reputata come importante da parte di questa organizzazione, bastava fare il minimo sindacale, appunto, per raggiungere le firme necessarie, attivando i propri iscritti. Sarebbe bastato poco. Ma questo è accaduto?  E se non è accaduto, perché ? Perché non sostenere i referendum abrogativi specifici contro la "buona scuola"? Cuore di questo Governo decisionista che ha scritto ed approvato una riforma contro la quasi totalità della comunità scolastica? 
La responsabilità per il mancato raggiungimento delle 500mila firme andrà individuata soprattutto nel non fare di alcune soggettività che sono quelle che hanno voluto a livello dirigenziale il fallimento di questo referendum. Dal non fare di alcune realtà che avrebbero mezzi e strumenti per fare con il minimo sforzo. Ma a quanto pare forse a dirla tutta questa nefandezza della legge 107 del 2015 non crea a tutti indigestioni, anche se poi ipocritamente la criticano pure. 
Fallito, purtroppo, il referendum non è che rimangono poi molte vie per contrastare questa legge. Oltre alle lotte canoniche e solite vie legali, solo in via legislativa potrà essere bloccata questa Legge e dunque si dovrà attendere un prossimo Governo che abbia la voglia di sostenere la voce di oltre il 70% del popolo della scuola, di quello che ha scioperato nel maggio del 2015, contro la peggiore legge sulla scuola mai scritta ed approvata nella storia della Repubblica italiana. 
Marco Barone



Commenti

Post popolari in questo blog

Incredibile ma vero, il Consiglio Comunale di Trieste approva mozione contro il Sindaco di Napoli

All'inverosimile non vi è mai fine, ed a Trieste meno che mai. Trieste e Napoli due città distanti, che già hanno "guerreggiato" sulla primazia del caffè, quando qualcuno a Trieste collocò un cartello, ancora non rimosso, sulla strada che conduce verso Opicina, con scritto città del caffè, in aggiunta a città della Barcolana. Ma gli scazzi tra Trieste e Napoli non sono mancati neanche ultimamente su diverse questioni politiche e battute miserabili. E la sfida, se così la possiamo chiamare tale situazione politica a dir poco assurda, continua. In relazione ai noti fatti di Napoli, in merito alla visita di Salvini, e manifestazioni di protesta che ne sono conseguite, non avendo nulla di meglio da fare, cosa ha deciso di approvare il Consiglio comunale di Trieste? Una mozione proposta dal partito della lega nord, nella quale si critica duramente l'operato del Sindaco di Napoli, sia "per il diniego dato a Salvini per la sala richiesta" che per i toni utilizzat…

A Trieste e Gorizia esplode l'austronostalgia

Wu Ming 1, scriveva: "Se devo scegliere tra sparare agli Asburgo in nome dei Savoia e sparare sui Savoia in nome degli Asburgo, grazie, ma preferisco sparare su entrambi. Come si legge nel Re Lear, “il tempo della vita è breve, e se viviamo, viviamo per calpestare i re”."E' innegabile che tra Gorizia e Trieste vi sia ancora una sorta di austronostalgia, anche se a dirla tutta non riesco proprio a capire come si possa essere nostalgici di un qualcosa che non è mai stato vissuto, forse ereditato a livello di testimonianza, letto nei libri, od esaltato in alcuni testi. Poco importa. E spesso ci si diverte a giostrare tra chi fosse meglio, i Borboni o gli Asburgo? E vai con l'elencazione delle opere, e delle solite ridondanti questioni . Solo che nel momento in cui implodono i nazionalismi, traballa l'ideale di Europa anche per responsabilità enormi di chi ha guidato l'Europa contro un muro di cemento armato a velocità folle, in questa piccola fetta di territo…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …