Passa ai contenuti principali

Lucinico( Gorizia) tra la distruzione della grande guerra e la cancellazione del Comune nel fascismo.E se ritornasse Comune?

Nell'Italia liberata uno dei primi interventi in materia legislativa avvenne durante la Costituente quando vennero ricostituiti ben 468 Comuni, e sino al 4 novembre del 1951 ne vennero ricostituiti 7804 a fronte di oltre 2165 Comuni per alcuni, 2294 per altri, soppressi dal fascismo. I provvedimenti più importanti che avvennero sotto il fascismo furono due, il r. d. l. n. 383/1927 attraverso il quale si provvedeva all'unione, soppressione o aggregazione coattiva di 2.184 piccoli Comuni e si rendeva possibile la facoltà di accorpare i Comuni con popolazione inferiore ai 2.000 abitanti, nel caso fossero mancati i mezzi per provvedere in maniera conveniente ai pubblici servizi. E con il r. d. l. n. 383/1934 all'art. 30. Interessante notare che la motivazione ufficiale era quella della mancanza di servizi e mezzi per provvedere in maniera conveniente ai pubblici servizi. In realtà, il motivo era solo uno, uccidere ogni autonomia possibile, perché autonomia significava compromettere il potere totalitario del regime, essere un fastidio per il regime e le sue articolazioni. E questo fastidio venne contrastato nell'Italia liberata con diversi provvedimenti, ed il più rilevante fu certamente la LEGGE 15 febbraio 1953, n. 71 dal titolo ben chiaro " Ricostituzione di Comuni soppressi in regime fascista". Il Caso di Lucinico, Lucinîs in friulano ordinario, Luzinìs in friulano goriziano, Ločnik in sloveno, Lutschineick in tedesco, è da leggere anche nell'ottica dell'italianizzazione forzata che ha caratterizzato le vicende del Confine Orientale. Con atto del 2 gennaio del 1927 all'articolo 4, il Re Vittorio Emanuele III " per grazia di Dio e per volontà della Nazione" e su proposta di Mussolini ed altri ministri dispose che i "comuni di Lucinico, Piedimonte del Calvario, Salcano, San Pietro di Gorizia e Sant’Andrea di Gorizia sono uniti al comune di Gorizia." Come è noto Lucinico oggi rappresenta poco più del 10 % della popolazione del Comune di Gorizia, è un centro funzionale, ma distante circa 1 km da Gorizia e con circa 3500 abitanti. Lucinico ha subito più di altri la distruzione nella prima guerra mondiale tanto che nel 1920 alla Camera si parlava del Caso di Lucinico che a causa dello scoppio di “bombarde, gelatina ed altre munizioni concentrate nei pressi degli abitati" riportava gravissimi danni alle persone ed alle case od ancora nel 1921 quando si denunciava che a Lucinico ancora non era stata ricostruita una sola casa. 

Un piccolo centro distrutto dalla grande guerra e distrutto dal fascismo nella sua autonomia per divenire, oggi, un (non) luogo periferico estremo di Gorizia. Lucinico è anche citata nella grande opera di Svevo, "La coscienza di Zeno" quando Zeno passeggiando per le strade di Lucinico respirava a pieni polmoni l'aria pulita di questo importante centro. E se ritornasse Comune? Certo, è vero che in Italia si incentivano le fusioni, che si vogliono far sparire i piccoli Comuni inferiori ai 5000 mila abitanti, similmente a come accaduto sotto il fascismo, ma se fosse possibile quanti lo vorrebbero? Gli abitanti di Lucinico vorrebbero ritornare, a distanza quasi di un secolo dalla soppressione del suo essere entità autonoma, Comune?
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

L'Italia entro il 2065 rischia di perdere quasi 20 milioni di abitanti, con anche spopolamento enorme nel Sud

Siamo un piccolo Paese, che ha raggiunto la soglia di 60 milioni di abitanti e che probabilmente non solo non supererà mai più ma che rischia di vedere con il binocolo per i prossimi decenni. Certamente viviamo in una società di 7 e passa miliardi di persone, siamo troppi, ma chi pagherà più di altri lo spopolamento saranno i Paesi poveri e tra questi vi è ovviamente anche l'Italia. Se il Sud rischia di vivere uno spopolamento pazzesco, nell'Europa, l'Italia è come il suo sud, vivrà uno spopolamento importante. Cosa comunica l'ISTAT? 
"La popolazione residente attesa per l'Italia è stimata pari, secondo lo scenario mediano, a 58,6 milioni nel 2045 e a 53,7 milioni nel 2065. La perdita rispetto al 2016 (60,7 milioni) sarebbe di 2,1 milioni di residenti nel 2045 e di 7 milioni nel 2065. Tenendo conto della variabilità associata agli eventi demografici, la stima della popolazione al 2065 oscilla da un minimo di 46,1 milioni a un massimo di 61,5. La probabilità d…