Passa ai contenuti principali

Dal trio Saba, Svevo Joyce a Trieste, passando per Matos a Zagabria e Dalla a Bologna

Nella indimenticabile disperato erotico stomp, cantava Lucio " Girando ancora un poco ho incontrato uno che si era perduto gli ho detto che nel centro di Bologna non si perde neanche un bambino mi guarda con la faccia un po' stravolta e mi dice: "Sono di Berlino".  

Bologna città a dimensione umana, ma nello stesso tempo città multiculturale, e cosmopolita, che vorrebbe essere metropoli nel suo essere grande paese e non è mica una offesa ciò. Nel centro di Bologna a pochi passi dalla grande incompiuta, la Basilica di San Petronio, per un breve periodo è stato possibile vedere la statua in bronzo dedicata all'amico Lucio. Lui con il suo tipico stile, braccio disteso, sorridente e con in mano un sacchetto aperto. Non so perché, diciamo così, ma in mente mi viene una di quelle pubblicità che si possono vedere in TV che sponsorizzano una nota marca di patatine. Chissà cosa avrebbe detto Lucio di quella statua. Oggetto di culto virtuale, con i canonici ed immancabili selfie. Anche un cane era seduto vicino a Lucio. Forse aspettava che la statua prendesse vita? e che Lucio offrisse al grande e possente cane nero una patatina? E non voleva andare via quel cane al richiamo del padrone. E pensi alla prima volta che hai incontrato Lucio a Bologna. D'altronde tutti quelli che hanno vissuto a Bologna racconteranno quella volta che hanno visto Lucio Dalla per le sue strade, o Gianni Morandi o Francesco Guccini. 
Non è difficile entrare in qualche trattoria tipica e vedere foto con Lucio o Gianni o Francesco. Li chiamo per nome, con tale confidenza, perché è come averli conosciuti di persona nella Bologna che vive tanto di ricordi e fatica ad accettare il nuovo corso moderno che ne stravolge l'autenticità nell'austerità dei diritti sociali, nella globalizzazione che ammazza ogni dissenso. 
Camminava pensoso quella sera d'inverno Lucio nella vicina Piazza Santo Stefano. E se non ricordo male portava a spasso un piccolissimo cane. Pensoso come come James Joyce sul Ponterosso in via Roma a Trieste, e seduto sulla panchina come Antun Gustav Matos  lungo il viale Strossmayer a Zagabria. Esiste oramai una "moda" dedicare ai grandi della propria città, con l'intento di immortalarli attraverso la fisicità nel secolo dell'universo virtuale, una statua a dimensione umana, in una posizione tipica di quel personaggio, tra chi fuma la pipa, come Saba a Trieste e chi intento a fare altro, o semplicemente fermo a guardare, come Svevo sempre a Trieste. Non ho conosciuto Lucio, ma lui seduto sulla panchina, sorridente, sicuramente accogliente, con quel sacchetto aperto mi lascia a dir poco perplesso, come perplesso era quel cane, che attendeva, invano, del cibo,forse, che non arriverà. Forse è un bene che quella statua con la panchina sia sparita, anche se pare che una copia sia in lavorazione. Vedremo.
Marco Barone  @ilKontrastivo

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto