Passa ai contenuti principali

Allora Mattarella a Gorizia dovrebbe onorare i nostri partigiani e condannare le stragi nazifasciste

Il Presidente della Repubblica viene a Gorizia nel periodo coincidente storicamente con la disfatta di Caporetto per i fatti della prima guerra mondiale e per l'ennesimo sodalizio con i vicini sloveni. Qualcuno, visto che il Presidente si reca al Parco della Rimembranza, ha cercato di spostare il tiro invitandolo ad onorare il contestato lapidario. Premesso che la seconda guerra mondiale sarebbe finita non il 2 maggio ma il 9 maggio, premesso che i partigiani liberarono Gorizia dall'occupante nazifascista a partire dal primo maggio, a Gorizia si dimentica totalmente l'occupazione delle altre truppe alleate, che durerà fino al '47, si ometteranno le violenze che accadranno per la Gorizia italiana con la complicità e l'omertà delle truppe così dette alleate, e nel mentre si esaspera all'ennesima potenza la questione del lapidario, basta pensare ai tantissimi nomi indicati nella lapide del Parco della Rimembranza che risultano essere indicati erroneamente come deportati, eppure tali nomi sono ancora lì, nonostante molti di loro furono anche totalmente estranei ai fatti di cui a quella lapide. E vanto d'orgoglio che dovrebbe essere per tutte le città, dovrebbe esserlo per Gorizia,  il 14 maggio 1946, la Città di Gorizia è stata insignita della Medaglia d'Oro al Valor Militare per i sacrifici delle sue popolazioni e per la sua attività partigiana. E si dovrebbe a questo punto onorare la nostra resistenza, con l'eroica battaglia partigiana di e per Gorizia del settembre del 1943. Si dovrebbero ricordare a questo punto con la visita del Presidente al Castello di Gorizia le stragi naziste avvenute il  30 marzo del 1944 , 5 aprile, 13 aprile, 29 aprile, 31 luglio, 17 agosto, 2 gennaio 1945 e 8 aprile 1945.  Oppure, giusto per fare alcuni esempi indicativi, quanto accaduto il 4 novembre del 1926, sei anni dopo l'incendio per mano di simpatizzanti dannunziani ed ultra-nazionalisti che saranno fascisti della prima ora del Narodni dom, quando un manipolo di fascisti, festeggiando la Celebrazione della vittoria, accompagnati dal manganello, dal motto me ne frego ed inneggiando Viva l'Italia, aggredirono il Trgovski Dom il quale dopo l'assalto e dopo un decreto prefettizio di requisizione del 1927, diventerà la casa del Fascio. Ma come è noto il Presidente della Repubblica verrà per altri motivi a Gorizia, per il centenario della grande carneficina che nè a Gorizia nè in FVG è stato ricordato a dovere in un momento storico ove si rischia di  ricadere in un grande cataclisma collettivo.
 
Marco Barone 

Commenti

Post popolari in questo blog

Attraversando Pordenone (foto)

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

E' necessario produrre una filmografia sulla resistenza e realizzare musei sulla sua storia

I tempi son mutati ed è di fondamentale importanza, per non rischiare di essere sommersi dall'ignoranza, dal revisionismo storico, dall'indifferenza,  trasmettere i valori della resistenza anche attraverso strumenti e mezzi che ad oggi per ragioni a dire il vero incomprensibili sono stati poco utilizzati. Libertà, uguaglianza, fratellanza, pace, riscatto morale ed etico del nostro Paese, internazionalismo, diritti dei lavoratori, diritti delle donne, diritti civili, ovvero antinazifascismo. Concetti che quotidianamente vengono sistematicamente e metodicamente messi in discussione. E' vitale, per la memoria umana storica attivarsi in ogni ovunque per promuovere una filmografia sulla nostra resistenza, necessità che viene espressa non solo da storici, ma anche da scrittori, registi, e cittadini, nonché promuovere spazi museali affinché si possano raggiungere con maggiore facilità e coinvolgimento, anche emotivo e fisico, le nuove generazioni. Esistono musei di ogni tipo in …