Passa ai contenuti principali

Allora anche Giuseppe era un pedofilo? Apriti cielo e terra



Il titolo che ha messo il Piccolo alla mia breve ma concisa lettera( e che ringrazio per la pubblicazione) è una provocazione che risponde alla provocazione della mia riflessione dovuta alla nota presa di posizione del pugile di Trieste su Maometto.

A dire il vero è da diversi anni che qualche destroide sostiene che Maometto fosse un pedofilo, perchè prese in moglie, una bambina all'età di 6 o 9 anni, pare anche consumandone il rapporto. Seguendo questo schema logico,  se logico lo possiamo chiamare, cosa ho scritto? Una cosa chiara, come ha insegnato la storia della principale religione in Italia, Giuseppe prese in sposa Maria  quando ancora era una bambina, adolescente. E ragionando con gli schemi di oggi questa come andrebbe chiamata? Ovviamente questa provocazione, dove ho posto un semplice interrogativo, ha determinato ira funesta, perchè avrei commesso un gravissimo peccato e forse qualcuno mi vorrebbe messo, metaforicamente, in croce. Non è la prima volta che ciò accade, in via generale sono abituato alle minacce dei fasciofancazzisti da tastiera e non solo. Nella pagina o meglio nel profilo facebook del pugile di Trieste, nonché consigliere comunale, cosa è accaduto? Ha messo un post, rimasto in rete per diverse ore, riferendosi al sottoscritto, con una foto di una terza persona, che non so chi fosse! Cioè ha sbagliato persona, pur essendoci una certa somiglianza, ma si è riferito al sottoscritto. Sono emersi 200 commenti da parte di diversi utenti,con diverse offese, insulti squallidi e due minacce. Vi è chi ha suggerito di mettermi un sacco in testa, di notte, per riempirmi di botte, vi è chi ha messo una foto di Hitler con scritto che "gli sono simpatico e farò la doccia per primo" alludendo ovviamente alla tremenda tragedia che ha colpito soprattutto gli ebrei e non solo.Roba di uno squallore unico in una Trieste, poi, che ha conosciuto la tragedia della Risiera. E non ho notato nessuna presa di distanza o condanna, salvo il caso di due o tre commenti di terze persone.  E per cosa tutto questo? Aver turbato le loro sensibilità. Ovviamente più di qualcuno, come mi ha segnalato, ha provveduto a salvare tutti i commenti in questione e verrà fatta apposita segnalazione all'autorità competente, anche se il post è stato eliminato dal suo profilo dopo diverse ore rimasto in balia della rete. Non ho offeso nessuna religione, come ben si può intuire dal testo succinto che ho scritto, ma semplicemente seguendo il ragionamento principale da cui è derivato il tutto, ho posto una domanda. Poi che Giuseppe abbia o non abbia consumato rapporti con Maria, e che questa fosse o non fosse immacolata, nella realtà questo nessuno può saperlo con certezza assoluta, e poco importa, così come nessuno potrà mai sapere se è vero che Maometto abbia consumato rapporti con Āʾisha. Ci si affida a testi, ad interpretazioni, alla fede, ma la verità non la conosce nessuno e nessuno potrà mai conoscerla né nel primo né nel secondo caso.  Le religioni, tutte, vanno rispettate, purché non vi sia ingerenza nella cosa pubblica, come invece continua ad accadere in Italia,  banalizzare, semplificare, ai minimi termini il tutto, per motivi vari che spesso traggono fondamento da una sola concezione della società, rischia di essere pericoloso e rischia di fomentare fondamentalismi sia nell'una che nell'altra direzione. Incazzatevi pure, ma non è con il sottoscritto che dovete prendervela, la mia è solo una riflessione che consegue ad una battuta assurda del pugile di Trieste, come poi rivendicata e riaffermata.
Marco Barone @ilKontrastivo

Commenti

Post popolari in questo blog

Quattro studentesse dell'Università di Padova in Egitto per una tesi. Era proprio indispensabile?

Circola in rete la notizia che  quattro ragazze Unipd vanno  “alla conquista” dell’Egitto, per lavorare alla loro tesi di laurea e frequentano il corso di Progettazione e gestione del turismo culturale, Dipartimento di Beni Culturali dell'Università di Padova. Si legge  con grande enfasi che  "La loro tesi si è concentrata sulla riprogettazione e sul riallestimento della Sala dei Cimeli nel Sacrario militare italiano. Il Sacrario è un edificio costruito per commemorare i caduti italiani durante le battaglie di El-Alamain, che si sono svolte nel 1942 durante la Seconda Guerra Mondiale."
Ora, non so se vi sono già state altre iniziative del genere da quando è stato assassinato Giulio Regeni, quello che so è che  il rettore dell'Università di Padova, Rosario Rizzuto, ha dedicato la giornata dell'inaugurazione del 794° anno accademico a Giulio Regeni con queste parole "Voglio inoltre ricordare in questa occasione con affetto e dolore Giulio Regeni, il g…

Quella sera a Ruda... e Giulio ci ha fatto conoscere il dolore degli altri

Una miscela di emozioni, di sentimenti. E' stato definito come il pellegrinaggio per la verità e giustizia per Giulio. Sempre costantemente in movimento Paola e Claudio ed ovunque vengono accolti, abbracciati, incontrano l'affetto dell'Italia vera, quella che non ha accettato e mai potrà accettare l'ignobile compromesso che ha portato al cambio di rotta repentino segnato dalla politica di Roma, mai tanto distante quanto ora dalla via della verità e giustizia per Giulio. La politica ha intrapreso la via della normalizzazione dei rapporti, neanche due anni son trascorsi. E son bastati per ritornare amici come prima se non più di prima. D'altronde, lo scrivono in tutte le lingue, Italia ed Egitto sono in rapporto amichevole da 2000 anni. Come a dire, vuoi che 2000 anni di storia vengano compromessi da Giulio?  Non da Giulio, ma da chi ne ha cagionato la morte, da chi ha determinato depistaggi, sviamenti, distrazioni, da chi ha cercato di auto-assolversi, passando in …

Quando venne soppressa la provincia di Gorizia perchè troppo slava e l'italianizzazione dei cognomi a Ronchi

Il libro il " fascismo di Confine" di Degrassi, pubblicato in collaborazione con il Comune di Ronchi, offre dei dati storici interessanti. Principalmente incentrato sulle vicende complessive del Confine Orientale e della Venezia Giulia, si addentra anche su come il fascismo ha condizionato e stravolto la vita soprattutto a Ronchi passata dalla provincia di Gorizia a quella di Trieste, a cui vi rimarrà fino al '47, per poi ritornare a quella di Gorizia successivamente fino all'attualità che la vede nell'UTI Carso Isonzo Adriatico.

Le elezioni del 1921 segnarono l'inizio della fine della provincia di Gorizia come determinatesi dopo la fine della grande guerra. In quel collegio vi erano 117 mila abitanti di lingua italiana, 193 mila di lingua slovena, pari al 60%, circa 4 mila di lingua tedesca e circa 5 mila di altre lingue . Dunque era una provincia a forte connotazione slovena. La batosta che verrà subita a livello elettorale dal primo blocco fascista, dove no…