Passa ai contenuti principali

Allora anche Giuseppe era un pedofilo? Apriti cielo e terra



Il titolo che ha messo il Piccolo alla mia breve ma concisa lettera( e che ringrazio per la pubblicazione) è una provocazione che risponde alla provocazione della mia riflessione dovuta alla nota presa di posizione del pugile di Trieste su Maometto.

A dire il vero è da diversi anni che qualche destroide sostiene che Maometto fosse un pedofilo, perchè prese in moglie, una bambina all'età di 6 o 9 anni, pare anche consumandone il rapporto. Seguendo questo schema logico,  se logico lo possiamo chiamare, cosa ho scritto? Una cosa chiara, come ha insegnato la storia della principale religione in Italia, Giuseppe prese in sposa Maria  quando ancora era una bambina, adolescente. E ragionando con gli schemi di oggi questa come andrebbe chiamata? Ovviamente questa provocazione, dove ho posto un semplice interrogativo, ha determinato ira funesta, perchè avrei commesso un gravissimo peccato e forse qualcuno mi vorrebbe messo, metaforicamente, in croce. Non è la prima volta che ciò accade, in via generale sono abituato alle minacce dei fasciofancazzisti da tastiera e non solo. Nella pagina o meglio nel profilo facebook del pugile di Trieste, nonché consigliere comunale, cosa è accaduto? Ha messo un post, rimasto in rete per diverse ore, riferendosi al sottoscritto, con una foto di una terza persona, che non so chi fosse! Cioè ha sbagliato persona, pur essendoci una certa somiglianza, ma si è riferito al sottoscritto. Sono emersi 200 commenti da parte di diversi utenti,con diverse offese, insulti squallidi e due minacce. Vi è chi ha suggerito di mettermi un sacco in testa, di notte, per riempirmi di botte, vi è chi ha messo una foto di Hitler con scritto che "gli sono simpatico e farò la doccia per primo" alludendo ovviamente alla tremenda tragedia che ha colpito soprattutto gli ebrei e non solo.Roba di uno squallore unico in una Trieste, poi, che ha conosciuto la tragedia della Risiera. E non ho notato nessuna presa di distanza o condanna, salvo il caso di due o tre commenti di terze persone.  E per cosa tutto questo? Aver turbato le loro sensibilità. Ovviamente più di qualcuno, come mi ha segnalato, ha provveduto a salvare tutti i commenti in questione e verrà fatta apposita segnalazione all'autorità competente, anche se il post è stato eliminato dal suo profilo dopo diverse ore rimasto in balia della rete. Non ho offeso nessuna religione, come ben si può intuire dal testo succinto che ho scritto, ma semplicemente seguendo il ragionamento principale da cui è derivato il tutto, ho posto una domanda. Poi che Giuseppe abbia o non abbia consumato rapporti con Maria, e che questa fosse o non fosse immacolata, nella realtà questo nessuno può saperlo con certezza assoluta, e poco importa, così come nessuno potrà mai sapere se è vero che Maometto abbia consumato rapporti con Āʾisha. Ci si affida a testi, ad interpretazioni, alla fede, ma la verità non la conosce nessuno e nessuno potrà mai conoscerla né nel primo né nel secondo caso.  Le religioni, tutte, vanno rispettate, purché non vi sia ingerenza nella cosa pubblica, come invece continua ad accadere in Italia,  banalizzare, semplificare, ai minimi termini il tutto, per motivi vari che spesso traggono fondamento da una sola concezione della società, rischia di essere pericoloso e rischia di fomentare fondamentalismi sia nell'una che nell'altra direzione. Incazzatevi pure, ma non è con il sottoscritto che dovete prendervela, la mia è solo una riflessione che consegue ad una battuta assurda del pugile di Trieste, come poi rivendicata e riaffermata.
Marco Barone @ilKontrastivo

Commenti

Post popolari in questo blog

Celebrazione di D'Annunzio e Fiume, risponde l'Ambasciata croata: Basta celebrazioni ci attiveremo

Il cinque settembre, come è noto, avevo scritto una lettera all'Ambasciata della Repubblica di Croazia con sede in Roma in merito a quanto puntualmente ogni anno avviene in Monfalcone. Si celebra l'occupazione militare di Fiume ed un poeta razzista nei confronti dei croati quale D'Annunzio. Mi ero sempre chiesto ma perchè la Repubblica di Croazia tace? Probabilmente perchè non era a conoscenza di quanto accade in Italia? Per tagliare la testa al toro ho scritto la lettera di cui in premessa e mi ha risposto gentilmente ed in tempi anche rapidi il Ministro Plenipotenziario dell'Ambasciata della Repubblica di Croazia Mladenka Šarac-Rončević.


Questo il testo della sua risposta, come si potrà vedere chiaro, conciso:


"Ringraziamo della Sua mail del 5 settembre 2017. Condividiamo la Sua opinione che simili anniversari danneggiano l'atmosfera dei rapporti amichevoli tra i nostri due paesi e che celebrarli incita sentimenti nazionalistici. L'Ambasciata della …

Quel razzismo verso gli slavi mai sparito, saranno le nuove generazioni a demolirlo

Agli italiani piace andare in Croazia a farsi le vacanze. E non è difficile sentir dire questo una volta era "nostro" pensando magari a Lussino, a Pola, a Fiume. O attraversando la costa slovena. Era nostro. Un nostro che si è rivelato un mostro, un mostro che ha partorito e determinato violenze inaudite, impunite. Crimini come quelli compiuti dai nazisti che hanno avuto in diversi casi giusti processi, in Italia mai considerati come crimini, ma presunti, e mai processati. Anzi, sono stati riabilitati i "presunti criminali". In Italia si è verificata l'epurazione al contrario. Sono stati i partigiani ad essere stati espulsi ad esempio dalle forze di polizia, ad essere processati ed incarcerati non i fascisti, almeno quelli che contavano che hanno continuato ad occupare posti chiave nell'Italia repubblicana il cui unisco scopo era colpire il comunismo e per colpire il comunismo il passato divenne un frullato indigesto gettato nel cesso dell'ingiustizia.…

A Pordenone il 14 ottobre manifestazione regionale antifascista

L'ultima grande manifestazione antifascista regionale che si è svolta in Friuli Venezia Giulia è stata in occasione del centenario dell'entrata in guerra dell'Italia. A causa delle celebrazioni dei casapoundisti che avevano puntato su Gorizia per una iniziativa nazionale rivelatasi poi un flop visti i numeri, e vista l'imponente risposta del movimento antifascista del FVG.  Nel corso del tempo il neofascismo e l'estremismo nazionalista, "identitario" ed il razzismo sono dilagati ovunque anche in Friuli Venezia Giulia. Non a livello allarmante, certo, però è innegabile che la situazione sociale e politica favorisce l'affermazione delle peggiori nefandezze delle peggiori "soluzioni" politiche. La banalità del male è questa. Ed anche il FVG non è immune da tutto ciò. Anzi, come la storia ha insegnato è sempre nei luoghi di confine, nelle estremità che si realizzano prima che altrove certi e dati fenomeni "identitari" e razzisti. Il F…