Passa ai contenuti principali

Tra repressione del burkini, fertility day e reticolati e crocifissi ovunque

Non è un film dell'orrore. Ma la brutale realtà. Polizia francese che nelle spiagge invita le donne a togliersi il burkini, sanzionandole, in Italia si propone il mostruoso fertility day, ed anche la collocazione del crocifisso in ogni ovunque.Già. Parto da questo ultimo atto. Una proposta di legge leghista, depositata in Parlamento, che prevede praticamente la collocazione del crocifisso in ogni luogo, mancano solo i bagni, e se lo rimuovi rischi una sanzione fino a 1000 euro. Eppure non si deve dimenticare, come ha insegnato la storia che “ il Fascismo è veramente benemerito della religione; il Fascismo appena divenuto Governo riportò il Crocifisso nelle scuole, ed è partendo da questo primo atto che siamo poi arrivati alla Conciliazione; perché la Conciliazione si era già prima compiuta nello spirito in quanto il Fascismo aveva tradotto in varie leggi dello Stato quelli che sono i precetti fondamentali della religione cattolica.”Queste le parole espresse da un deputato nel 1929. E come è noto il presunto obbligo di esporre il crocifisso nelle aule risale ad un’epoca anteriore all’unità d’Italia. Poi, disposizioni amministrative ancora in parte vigenti, e che non sono atti giuridici primari, nonostante la caduta del fascismo e l'avvento della Costituzione, ne hanno sancito la pseudo-diffusione in alcuni luoghi pubblici, e comunque nella scuola secondaria superiore - non è prevista l'esposizione del crocifisso o consentita da alcuna norma né legislativa né regolamentare, dal momento che i regi decreti fascisti non riguardano questo grado di scuola. La laicità, la neutralità dello Stato va garantita. Il crocifisso è considerato come arredamento quando va bene, come simbolo della “civiltà europea” quando va male. A parer mio non è né arredamento, perché ciò è irrispettoso verso la religione, né simbolo della civiltà europea, perché le nostre radici sono multiformi, variegate, è nel cosmopolitismo che hanno trovato la loro forza, nella laicità, nella neutralità. Ma i tempi odierni corrono nella direzione opposta a questi valori fondanti ogni democrazia. Il problema è, ad esempio, il velo, pur essendo chiare le leggi in materia ed anche le sentenze, che ne legittimano, ad oggi, l'utilizzo. Ad esempio il tribunale di Cremona nel 2009 ha in sostanza affermato che la donna che in luogo pubblico (in un aula di tribunale) indossa il burqa – tradizionale velo islamico che copre interamente il volto, lasciando visibili solo gli occhi – non viola alcuna disposizione della l. n. 152/1975, in materia di ordine pubblico.  Non è il problema, invece, l'affissione nel luogo pubblico del simbolo religioso per eccellenza. Un conto sono i diritti individuali, un conto la neutralità dello Stato e delle sue articolazioni. Se non si rispetta la neutralità dei luoghi pubblici a rischio è la democrazia stessa. Processi reazionari, repulsione del diverso, reticolati e filo spinato contro i profughi, crociate, razzismi di ogni tipo, imposizione di regole reazionarie, confondere l'integrazione con l'omologazione, comporta l'indebolimento della nostra società democratica. E per questo che è auspicabile che a partire dalle aule dei nostri Consigli Comunali, perchè il Comune è il primo bene comune esistente, venga rimosso il crocifisso, per rispetto della neutralità, della laicità e della democrazia.

Commenti

Post popolari in questo blog

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian"

"Qua semo a Trieste e no se parla s'ciavo, qua se parla triestin e italian". Non mi sorprende la denuncia effettuata sul Piccolo di Trieste e pubblicata come lettera del giorno. Solo che questa volta chi ha subito tale aggressione verbale razzista ha avuto il coraggio di prendere carta e penna e scrivere e denunciare pubblicamente quanto accaduto. Diverse volte per i muri di Trieste sono apparse scritte che riportavano quel concetto bestiale e puntualmente e giustamente venivano rimosse. Ma non mi sorprende, perchè ciò in linea con i tempi. Tempi dove se un reato viene compiuto da un migrante viene percepito socialmente come più deprecabile rispetto a quello compiuto da un comune cittadino italiano. Tempi dove l'omofobia è una normalità, dove un Gay pride non può passare per ragioni di opportunità innanzi ad un Duomo, tempi dove qualcuno propone processioni riparatorie per sanare il peccato della marcia dell'amore del Gay pride.  Tempi dove ritornano i pregiudiz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Gorizia si vuole chiudere la Commissione Territoriale? Bene. Allora chiudiamo anche Prefettura,Questura e Tribunale

Le Commissioni Territoriali sono gli organi deputati all’esame delle domande di protezione internazionale ed ospitare una simile struttura dovrebbe essere un grande onore vista la delicatezza e l'importanza delle questioni che tende ad affrontare. Ma a Gorizia non è così. E' stata percepita come un fastidio e dunque depotenziata. E' ovvio che se una città ospita una simile struttura vedrà una maggiore concentrazione di richiedenti asilo. Non è che scelgono Gorizia perchè è come Londra, Parigi o Berlino, visto che Gorizia non è neanche l'ombra di queste capitali. Ma per necessità. Una città che non si è mai strutturata per gestire tale situazione dove l'omissione di soccorso nei confronti dei migranti è diventata la normalità, dove si è abusato del sistema del volontariato. La politica dell'accoglienza diffusa è clamorosamente fallita nell'Isontino, anche per deboli ed inconsistenti politiche provinciali in materia ed anche regionali.  Eppure quella dell…