Passa ai contenuti principali

Se per entrare nella Basilica di Aquileia per vedere i mosaici la donna si deve coprire le spalle


Aquileia viene considerata come il gioiello del Friuli Venezia Giulia. Anche se a dirla tutta, quando farai un giro per i "resti" rimarrai a bocca aperta nel vedere un campo di calcio nei pressi dell'area del porto fluviale. E' divertente immaginare, osservando gli anelli, che lì un tempo vi attraccavano delle navi anche grandi. Potere della immaginazione attraverso la conoscenza della storia. 
Meno divertente è osservare quel campo da calcio che stona completamente con il sito ivi considerato.
Ti colpiranno, ai limiti del senso del ridicolo le miserie commesse dal fascismo che hanno ricostruito viali come se fossero dei lego, e poi ancora edificazioni dove non dovevano sorgere, alcune abbandonate che aspettano forse una bella ruspa che non arriverà mai. In Italia, d'altronde, si è mitizzato l'impero romano fino all'inverosimile, e dopo aver visto Roma, Aquileia ti potrà dire sinceramente non molto. Discorso diverso per i mosaici della Basilica. Sicuramente interessanti. Ma, se sei una donna ed hai le spalle scoperte, anche se fuori si crepa dal caldo, potrai essere rimproverata se non te le copri. Un rimprovero in maniera "gentile", ma sempre di rimprovero trattasi, poichè ti verrà fatto notare che in quel luogo, vista la sua sacralità in sostanza, sarebbe il caso di coprirsi le spalle.
Sì, la Chiesa è un luogo sacro, sì, ogni religione ha le sue regole, e la società è dopata di schizzofrenia, se vai mare con il burkini ti chiederanno di spogliarti, se vai in chiesa con le spalle scoperte, ti chiederanno di vestirti. Ed il tutto mentre in alcuni luoghi, penso la scuola, può accadere che ci si presenti mezze/i svestite o svestiti. Quale il giusto compromesso? Libertà, ognuno deve vestirsi come meglio crede, sicuramente. Ma il problema si pone quando il patrimonio artistico nostrano è collocato in chiesa. Ora, al museo non ti diranno mai di coprirti le spalle, salvo qualche rarissimo caso, ma se vai a visitare opere d'arte, che per ovvi motivi storici si trovano in una chiesa, questo rischio sussiste. Dovrebbe divenire laico quel luogo nel momento in cui è destinato a spazio turistico e museale, sacralità e turismo non possono convivere con regole stringenti e fuori da ogni tempo ed un minimo di elasticità mentale ci renderebbe tutti esseri migliori.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…